menu Menu
Speciale Ipercorpo 2020
di Altre Velocità pubblicato in Speciali il 1 Novembre 2020 0 commenti 2 minuti di lettura
«Il teatro online? È come la foto-ricordo di un morto» Articolo precedente  [Ipercorpo #9] In disequilibrio. Intervista a Anna Basti e Chiara Caimmi Articolo successivo

Dal 25 settembre al 4 ottobre 2020 si è svolta a Forlì la prima parte del festival internazionale di arti dal vivo Ipercorpo che, giunto alla sua 17^ edizione, si è presentato al pubblico con un formato espanso. Tempo reale è la parola-guida che ha dato il titolo alla programmazione del festival: un’esortazione ad abitare la materialità del tempo dilatandone la forma, ma anche a ripensare l’organizzazione delle arti dal vivo durante la pandemia.

Il primo capitolo di Ipercorpo, cui seguirà un secondo a maggio 2021 con gli ospiti internazionali, si è svolto negli spazi dell’Ex Atr e dell’Ex Gil in due weekend, intrecciando gli spettacoli e i focus monografici sul lavoro dei singoli artisti in una programmazione curata da Claudio Angelini, Valentina Bravetti e Mara Serina. Un “corpo a corpo” vissuto, nella prima settimana, con i “paesaggi coreografici” di gruppo nanou, le immagini incarnate di Paola Bianchi (Teatro Akropolis) e il teatro “senza spettatori” di Muta Imago; e nella seconda con le assenze evocate di Francesca Foscarini, le sperimentazioni cinetiche di Luna Cenere e le distopie corporali di Anna Basti e Chiara Caimmi. Altre Velocità ha raccontato le giornate del festival attraverso reportage e interviste, che restituiscono uno sguardo sui linguaggi portati in scena e sulle riflessioni generate dagli incontri con il pubblico.

Centrale, nell’esperienza di Ipercorpo, rimane la questione che ruota intorno alla presenza e alla possibilità di restituire, in teatro come a scuola, la pregnanza delle relazioni regolamentate dal distanziamento sociale, espandendo e moltiplicando i luoghi dell’incontro.

Indice

«Dilatare i tempi, moltiplicare lo sguardo». Intervista ai direttori di Ipercorpo
di Francesco Brusa

gruppo nanou: ipotesi di con-scrittura
di Francesco Brusa

Lo spettatore non esiste. Senza quinte né scena di Muta Imago
di Francesco Brusa

L’attrito del movimento: Paola Bianchi e Teatro Akropolis
di Francesco Brusa

Il pezzo in più. Alcune coreografie di Francesca Foscarini
di Lucia Oliva

Corpi gemelli. Due sguardi su Twin di Luna Cenere
di Lucia Oliva e Ilaria Cecchinato

Abitare un’idea attraverso il corpo. Intervista a Francesca Foscarini
di Ilaria Cecchinato, Lucia Oliva e Vittoria Majorana

Di luce e corpo. Intervista a Luna Cenere
di Ilaria Cecchinato e Vittoria Majorana

La giusta distanza: quando l’arte risponde alla pandemia ripartendo dalla scuola
di Agnese Doria

In disequilibrio. Intervista a Anna Basti e Chiara Caimmi
di Ilaria Cecchinato e Vittoria Majorana

Condividi questo articolo
  • 37
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ipercorpo


Articolo precedente Articolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cancella Invia commento

keyboard_arrow_up