altrevelocita-logo-nero
emanuela dall'aglio

Sulle tracce di… Emanuela Dall’Aglio

di Ilaria Cecchinato, Vittoria Majorana

Pupazzi di stoffa, teste di uccello giganti, un ammasso di casette da fiaba in gomma piuma, tazze da tè in miniatura affastellate dentro un piccolo mobile, scarpe rosse a punta da strega, cassetti di ogni misura con tessuti, colori, spille da balia, carta, infine tre tavoli e una macchina da cucire. Siamo a Parma nel laboratorio di Emanuela Dall’Aglio, artista e artigiana del teatro che da più di vent’anni sperimenta con la materia plastica per dare corpo alle visioni, alle intuizioni della scena, sue e delle compagnie per cui lavora, come la Compagnia della Fortezza con cui ha vinto nel 2021 il Premio Ubu per i migliori costumi.

Scenografa, costumista e autrice di spettacoli per l’infanzia, Dall’Aglio, nel corso della nostra conversazione, ci porta alla scoperta di un mondo fatto di pupazzi, trucchi e giochi ambientali che, in diversa misura, stimolano la nostra immaginazione. Attraverso la sua voce restituiamo dunque il ritratto di un fare teatro artigianale che passa attraverso il contatto ravvicinato con la materia e con i corpi e di come la finzione grazie al teatro può magicamente diventare realtà.

Credits

Intervista di Vittoria Majorana
Cura editoriale Vittoria Majorana e Ilaria Cecchinato
Montaggio a cura di Ilaria Cecchinato

Questo podcast fa parte di “Sulle tracce di…”, parte del progetto “Turn on your ears” di Altre Velocità, sostenuto dal Ministero della cultura e dalla Regione Emilia-Romagna.

Gli autori

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

articoli recenti

Ciao Alessandra

Nella notte fra il 16 e il 17 maggio si è spenta a 65 anni

questo articolo è di

Iscriviti alla nostra newsletter

Inviamo una mail al mese con una selezione di contenuti editoriali sul mondo del teatro, curati da Altre Velocità.