menu Menu
Domani è un altro mondo, spring edition
di Altre Velocità pubblicato in Notizie e agenda il 14 Aprile 2021 0 commenti 5 minuti di lettura
Teatro, potere e democrazia. Conversazione con Martina Badiluzzi Articolo precedente Direction Under 30: call per direzione artistica, con un percorso a cura di Altre Velocità Articolo successivo

Il ciclo di incontri Domani è un altro mondo, a cura di Altre Velocità, riprende con la seconda parte di appuntamenti tra i mesi di aprile e maggio (qui gli eventi dello scorso autunno).

Quali interrogativi porsi per immaginare un futuro differente? Da quali basi (ri)partire, ora che i presupposti paiono mutati? Domani è un altro mondo è un ciclo di incontri rivolti ai giovani, ma aperto a tutta la cittadinanza, nato nell’ambito del progetto “Così sarà! La città che vogliamo” con l’intento di mettere in luce temi e questioni capaci di stimolare e alimentare la riflessione attorno alla città e al suo rinnovamento, soprattutto ora che la pandemia ha imposto brusche accelerazioni e profondi cambiamenti nella società. Si tratta di conversazioni aperte con figure provenienti da differenti ambiti, chiamate a condividere saperi, visioni e pratiche. Il dialogo fra discipline vuole essere occasione di contaminazione e scardinamento di chiusure e settorialismi; la trasmissione di conoscenze e metodi, invece, è un’opportunità di scambio virtuoso fra membri di una comunità, stimolo al pensiero critico e all’immaginario futuro.


Programma

Giovedì 22 aprile, ore 18
“Nella casa di cristallo: infanzia e città ai tempi della grande epidemia”
incontro con Marco Baliani, in diretta online sulla pagina facebook di Altre Velocità

Lo sguardo di giovani e giovanissimi è stato una guida importante per il teatro e per i grandi maestri che “hanno fatto scuola”, ma oggi pare essere stato messo a tacere. Eppure potrebbe aiutarci a vedere con maggiore chiarezza, a immaginare nuove scuole, nuove modalità di stare insieme, nuovi spazi per le città. Chi ha a che fare quotidianamente con bambini e bambine (in questa strana quotidianità di adesso), di quali strumenti potrebbe avvalersi per immergersi? Quali parole potrebbero costruire la narrazione collettiva di cui avremo bisogno?


Venerdì 30 aprile, ore 18
“Fotografare l’apocalisse. Cambi di sguardo per un mondo in crisi”
incontro con Michele Smargiassi e Michele Lapini, in diretta online sulla pagina facebook di Altre Velocità

La fotografia permette di “congelare” istanti e prospettive di cui altrimenti non ci accorgeremmo; ha il compito, appunto, di cogliere l’invisibile nel visibile. Cosa significa, allora, provare a fotografare ciò che per definizione sfugge ai nostri occhi? Com’è possibile “dare immagine” a quello che è infinitamente piccolo e inafferrabile, come il virus del Covid-19, e a quanto invece eccede il nostro sguardo e ci può apparire a tutta prima qualcosa di astratto, come il concetto di “antropocene”?
Da reporter attento e militante, Michele Lapini ha di recente esplorato queste dimensioni con il suo progetto Antropocene e con la collaborazione al gruppo di fotografi nato durante la pandemia “Arcipelago-19”. La sua esperienza sarà messa in dialogo con il pensiero di Michele Smargiassi, giornalista e studioso di immagini fotografiche, per creare un benefico disorientamento sul presente.


Venerdì 7 maggio, ore 18
“Che fine ha fatto l’underground?”
incontro con Zimmerfrei, in diretta online sulla pagina facebook di Altre Velocità e (se possibile per le norme anti-covid) in presenza ad Atelier Sì (Via San Vitale 69, Bologna)

Dopo anni di diverse amministrazioni e politiche cittadine, dopo dinamiche globali che hanno ridisegnato i rapporti fra città e cittadinanza, fra realtà di quartiere ed esperienza di comunità, cosa è rimasto delle idee radicali di autodeterminazione e creazione artistica? In che modo è possibile articolare il rapporto tra arte e politica oggi? Negli anni Novanta molti luoghi dell’underground bolognese, dagli spazi autogestiti alle compagnie teatrali indipendenti, erano diventati punti di riferimento essenziali non solo per la città ma anche a livello nazionale, sia per la sperimentazione e l’offerta culturale, sia come incubatori di aggregazione sociale. È possibile raccogliere una tale eredità? Con il collettivo Zimmerfrei, che nel suo percorso ha indagato le “connessioni nascoste” fra gruppo e singoli, fra limiti materiali e aspirazioni utopiche, proveremo a discutere di cosa significa porre il futuro al centro del proprio agire presente.


Mercoledì 26 maggio, ore 17
“Il futuro brucia” (talk radio live)
incontro con Sotterraneo, Collettivo Cinetico e Kepler-452, in diretta online sulla pagina facebook di Altre Velocità e (se possibile per le norme anti-covid) in presenza all’Arena del Sole (Via Indipendenza 44, Bologna)

Con l’arrivo del Covid-19 molti scenari pensati come fantascientifici si sono, a una velocità impressionante, fatti realtà. Cosa può fare dunque il teatro contemporaneo, se non continuare a essere antenna anche per produrre nuovi immaginari? Insieme a tre compagnie con cui Altre Velocità ha dialogato nei mesi scorsi per costruire un progetto di direzione artistica che non sarà mai realizzato, allestiamo una talk radio dal vivo per parlare del futuro e per risorgere dalle ceneri della mutazione socio-antropologica avvenuta negli ultimi decenni.


Il progetto

Domani è un altro mondo è parte di “Così sarà! La città che vogliamo”, promosso dal Comune di Bologna, realizzato da Emilia Romagna Teatro Fondazione, finanziato dall’Unione Europea – Fondo Sociale Europeo, nell’ambito del Programma Operativo Nazionale Città Metropolitane 2014-2020.

Per maggiori informazioni sul progetto Così sarà! La città che vogliamo:

Condividi questo articolo
  • 128
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Articolo precedente Articolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cancella Invia commento

keyboard_arrow_up