Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Wordstar(s), Vitaliano Trevisan


Wordstar(s) è il titolo della trilogia teatrale di Vitaliano Trevisan edita da Sironi Editore. Titolo che è un omaggio al glorioso programma di videoscrittura (ormai sepolto dall’oblio della obsolescenza tecnologica) scalzato poi dal Word della Microsoft. Il sottotitolo, "trilogia della memoria", potrebbe rimandare il lettore a un universo semantico popolato da interminabili descrizioni e monologhi interiori che si accendono al profumo di una madeleine, oppure alla persistenza del ricordo civile, al dovere della memoria storica. Invece, niente di tutto questo: la memoria è come l'archivio di un computer, è la memoria a (breve) termine di questi anni di (millantata) fine della storia. Se quel che fonda l’identità è il ricordo, se il soggetto è quel buco, quell’assenza dalla scena per cui è la visione "in soggettiva" la garanzia del fatto che un ricordo ci appartiene, come scrivere nella memoria del contemporaneo?

Come orientarsi nell’ammasso di informazioni stipate in cartelle, sottocartelle, files condivisi con il resto del mondo che paralizzano il racconto per l’eccessivo imbarazzo, l’imbarazzo della scelta ma anche l’imbarazzo di scrutare dallo spioncino della rete nell’intimità dell’altro? Nell’inferno che siamo Vitaliano Trevisan sceglie di affidarsi a tre guide, tre figure, tre Virgilii che tornano incessantemente nella sua opera: Francis Bacon, Thomas Bernard e Samuel Beckett. Di quest’ultimo sono raccontati gli ultimi giorni nell’ultimo dei tre testi, Wordstar (che per assonanza ricorda Worstward Ho, il «rantolo estremo» dell’artista irlandese), un raffinato omaggio teso a costruire la biografia ultima del personaggio Beckett, per riscoprire nei suoi ultimi giorni immaginati quella che fu l’essenza della sua scrittura, l’assenza dal mondo di un soggetto negato, barrato dall'impossibilità di vedere se stesso per “alzarsi e scomparire”. In defrag invece, "dramma da camera per tre signore" come lo definisce lo stesso Trevisan, la scarnificazione testuale di Beckett si cala in un atmosfera à la Bernard, nei tre monologhi intrecciati (che mai divengono dialoghi) della madre e delle due figlie, chiuse in questo interno asfissiante che altro non è che la solita villetta della provincia vicentina. Le tre dame sragionano e si versificano addosso il loro fallimento amoroso, rifrangendosi a loro volta nella figura dell’artista, l’amato asociale, figura spezzata che non può che stonare nel paesaggio industriale veneto. Infine, tornando a ritroso, Scandisk è il testo che, per tema e registro, si discosta (apparentemente) dai successivi: l'autore sceglie un linguaggio che scioglie la lingua italiana in una mimesi del parlato, per raccontare il tentativo di fuga di tre magazzinieri dal rituale ossessivo-compulsivo dell’autosfruttamento lavorativo, cuore e motore del nordest che produce. Trevisan con la propria opera pare voler rinnovare la possibilità di raccontare il mondo (e l'Italia) a teatro, sperimentando nei temi e nel linguaggio (la scelta del verso libero, anarchico e scarno, negli ultimi due testi colpisce come decisione coraggiosa e feconda). E in negativo, dietro tutte le sue opere si scorge di riflesso l’immagine dell’artista che scrive, l’ossessione di un'autobiografia che si nasconde e si cela nelle pieghe dei personaggi, negli autori citati, nell’incessante domanda di un arte che si nutre della continua frustrazione del tentativo di adattarsi al mondo, e diventa necessità. Dopo Beckett, Bernard e Bacon scoviamo l’ultimo specchio, l’immagine riflessa dell’autore Trevisan nel Goldoni delle Memorie citato alla fine del libro, un drammaturgo avvilito di come l’Italia avesse «trascurato» e «imbastardito» l'arte drammatica, un Goldoni percorso dal «desiderio ardente» di portare il suo contributo per risollevarla «al grado delle altre»,  al livello della drammaturgia europea. 

 


di Andrea Porcelluzzi
 

IMMAGINI
 
   

LINKS

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale