Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Caleidoscopio Franco Quadri. Panta, una vita in un volume

Di Franco Quadri avevo potuto sentire soltanto i suoi echi. Quando lui moriva, esattamente quattro anni fa, avevo cominciato da pochi mesi ad avvicinarmi al teatro e alla scrittura sul teatro. E subito avevo percepito questa presenza monumentale: la prima volta che vidi il suo nome fu sopra ad alcuni segnalibri della neonata associazione a lui intitolata, sparsi al Festival di Santarcangelo; poi le continue citazioni dei suoi scritti in tutti i libri di teatro che leggevo; infine l’interesse e la ricerca per i suoi testi e l’amara constatazione che nessuno li aveva mai raccolti e pubblicati. In mezzo, la scoperta che la sua personalità era legata a quasi tutto ciò che finiva vicino a me a causa di quell’innamoramento bruciante per il teatro, dai libri Ubu agli artisti che con lui hanno avuto uno stretto rapporto ai critici e studiosi che sono cresciuti e hanno lavorato insieme a lui.
E alla fine dello scorso anno è arrivato il nuovo numero di Panta, una monografia a cura di Renata M. Molinari dedicata a Franco Quadri da Bompiani, casa editrice dei suoi inizi. Un volume che mi ha fatto scoprire del tutto il Franco Quadri critico, organizzatore, direttore, editore, eccetera. In una parola, un agitatore, nel senso che ha agitato qualcosa di stantio com’era il teatro italiano degli anni ’60, “sporcandosi le mani” per farlo muovere a lungo e stando sempre dalla parte del rinnovamento e mai del monumento.



Franco Quadri era una figura estremamente eclettica, e il nuovo volume di Panta è costruito ad arte per farci conoscere ogni lato della sua personalità grazie ai contributi di numerosi registi, attori, studiosi, organizzatori, semplici amici e teatranti di vario genere che avevano un ricordo personale di Quadri, ora impresso sulla carta: dal bel percorso di Gianandrea Piccoli sul giovane Franco Quadri che già riusciva a ricreare sulla pagina lo «spessore tridimensionale» degli spettacoli cui assisteva, alla commossa intervista a Gillo Dorfles che distingue il teatro italiano prima e dopo Franco Quadri; dal dettagliato ritratto di Massimo Marino sul Franco Quadri “critico militante” che riesce a compiere un unico discorso in tutte le attività teatrali di cui si occupa, al poetico quadro di Giuliano Scabia che parla della capacità di Quadri di «andare verso» il teatro e all’ordinato ricordo di Serge Rangoni che ammira come Quadri amasse e considerasse il teatro in quanto «linguaggio universale», l’intero volume offre un’esplorazione completa e appassionante di ciò che è stato Franco Quadri; è un caleidoscopio che mostra tutta la vitalità, l’energia e la passione che animavano quest’uomo. Un libro che mette una gran voglia di fare, almeno per chi si occupa in qualche modo di teatro, e si sente piccolo di fronte all’intera vita di Quadri passata a recensire, relazionarsi, sostenere, organizzare, premiare, dirigere e pubblicare. Fino ad arrivare alla toccante intervista finale – l’ultima conversazione pubblica di Quadri – che più di ogni altro contributo del volume riesce a trasmettere l’ironia e l’ardore che hanno accompagnato quest’uomo per tutta la vita.



Non mancano, nel libro, oltre ad alcuni dei più piacevoli testi di Quadri (tra cui La solitudine del critico che evoca conflitti ancora attualissimi) e un delizioso e ricco apparato iconografico che incornicia le pagine con appunti, biglietti, fotografie, feticci e cimeli (a cura di Jacopo Quadri, alcuni dei quali qui riprodotti), un’esauriente biografia introduttiva e un rigoroso ordine dei testi nell’ottica di una cronologia dei ricordi, partendo dal contestualizzare i primi anni della sua attività nel nascente nuovo teatro italiano e il suo linguaggio che per primo lo ha interpretato; passando alla sua attività divulgativa da Sipario a Ubulibri e all’organizzazione di repliche di grandi compagnie come il Living e l’Odin, portandoli per la prima volta nel fermento milanese degli anni ’60 e investendo talvolta il suo patrimonio personale; e arrivando alle attività di critico su Panorama e La Repubblica e di organizzatore e direttore di rassegne, festival e premi. Sempre restando del tutto indipendente, come sottolinea Oliviero Ponte di Pino, e «avanti anni luce», come lo giudica Silvia Bergero, nel suo essere «portatore di fenomeni teatrali», come efficacemente lo descrive Luca Ronconi. Tant’è che oggi, afferma Lorenzo Gleijeses, siamo tutti «orfani di Quadri». E qui si apre il discorso più importante: qual è l’eredità che Franco Quadri lascia al teatro italiano? Perché, dopo la sua scomparsa, ciò che si muoveva pare essersi fermato?


Una pagina dei "quadernetti" di Quadri, nei quali il critico agli esordi annotava impressioni e dati tecnici degli spettacoli

Sono soprattutto gli interventi finali degli artisti (fra i tanti Mimmo Borrelli, Romeo Castellucci, Saverio La Ruina, Stefano Massini, Marco Martinelli e Ermanna Montanari, Armando Punzo, Roberto Wilson) a tentare di giungere a qualche conclusione, senza che questa ovviamente sia univoca, come d’altronde constata Luca Ronconi, che ha avuto con Quadri il rapporto forse più consolidato e lo sguardo più lucido: rispondendo a Ponte di Pino che gli chiede il bilancio di tutte le battaglie di Quadri, Ronconi dice che «basta dare un’occhiata alla condizione del teatro oggi. La domanda è aspra, la risposta non è confortante».
Forse perché il cambiamento di sistema portato da Quadri è stato così radicale che risulta difficile da ripetere, o forse perché siamo in un mondo più globalizzato e frammentato in cui si fatica a portare qualcosa di nuovo che stupisca e non si ripeta, ma un altro agitatore come Franco Quadri non è mai arrivato. E questa mancanza ha fatto sì che il teatro italiano, come accenna Ronconi, sia ripiombato in uno stallo dal quale pare difficile uscire. Il volume Panta svolge però il compito di raccogliere tutti i frammenti sparsi da Quadri nella sua vita e di stimolare i suoi insegnamenti, lasciando le vecchie generazioni con un ricordo e le nuove con un ritratto esemplare. In attesa che qualcuno decida almeno a pubblicare i testi completi di Quadri per tornare a far circolare le idee preziose e le spinte che oggi mancano.

Si ringraziano Cristina Ventrucci, Jacopo Quadri e l'Associazione Ubu per Franco Quadri per la gentile concessione delle immmagini


di Alex Giuzio
 

IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale