Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Alfabeto Paolo Poli. Due libri per un viaggio nella cultura del 900

Negli ultimi mesi sono usciti due libri dedicati a Paolo Poli. Il primo, più aneddotico, raccoglie una decina di conversazioni e si intitola Sempre fiori mai un fioraio. Ricordi a tavola (Rizzoli), a cura di Pino Strabioli, attore che ha affiancato Poli nello spettacolo I viaggi di Gulliver; il secondo, più compiuto, vuole essere un vero e proprio Alfabeto Poli (Einaudi) e da Anni Trenta, Artusi Pellegrino, Avanspettacolo, passando tra l’altro per De Sade, Dio, Figli, Penna Sandro, arriva a Travestimento, Vitti Monica, Zeffirelli Franco. Curato con giusto equilibro da Luca Scarlini, il volume raccoglie e seleziona varie interviste pubblicate negli ultimi decenni, recupera interventi radiofonici e televisivi, articoli e dichiarazioni. Diventa così una sorta di “romanzo parlato”, in cui la voce di Poli emerge con nettezza in ogni pagina avvolgendo il lettore in ricordi e riflessioni appassionanti e spesso esilaranti.

Di libri su Paolo Poli ne sono usciti tanti. All’età di ottantaquattro anni continua a girare l’Italia al ritmo di duecento recite all’anno. Come un vero capocomico, o “buona madre di famiglia”, si presenta in sala molte ore prima dell’inizio dello spettacolo, seguendo l’allestimento, intrattenendo i tecnici e facendoli divertire. Insomma, Paolo Poli lo conoscono tutti, dai vigili del fuoco che presidiano ogni sera teatri e teatrini, ai tecnici, agli operatori e soprattutto al pubblico che continua a seguirlo con grande affetto. Eppure nonostante questo, a volte sembra che sia amato più fuori dal teatro che dai teatranti stessi, che non gli venga riconosciuta la dovuta importanza, non lo si consideri veramente come uno dei protagonisti dello spettacolo e del costume italiano del secondo novecento. Forse perché il teatro nel corso degli ultimi anni fatica sempre di più a farsi racconto e critica di questo paese, o forse perché la tradizione dello spettacolo più brillante e leggero è stato da tempo fagocitato e omologato dal piccolo schermo. Fatto sta che questi due libri ci permettono di rientrare nella cultura italiana del secondo novecento, tramite una figura unica nel suo genere che ha attraversato e frequentato, oltre al teatro, il mondo del cinema e della letteratura. Emergono relazioni, amicizie, miserie, passioni, amori, che sono vissuti come la quintessenza della vita, senza cedimenti al moralismo o alla nostalgia, e senza cenni di “filosofia”, come sempre di più accade di questi tempi in cui, secondo Poli, “siam tutti dottori in metafisica”.
È un teatro ancora a dimensione umana, un teatro vitale nella sua irriverenza, nei suoi scandali sessuali, nelle parole che paiono sempre ancorarsi a territori, storie e famiglie, passati e presenti. La voce di Poli è continuamente protesa a ricercar collegamenti e tener tirati i fili attraverso i decenni o addirittura i secoli. Nato nel 1924 Poli è cresciuto con il fascismo, ma di fatto la sua infanzia è immersa nella Toscana dell’amato Collodi. E nel burattino di legno vi è un’identificazione fortissima, nel suo essere indisciplinato e scatenato, nella sessualità ambigua. Ma il Pinocchio non vorrà mai portarlo in scena, perché “lo ha già fatto Carmelo Bene” e certe cose sono da ritenersi definitive. Anche se Le avventure di Pinocchio lo leggerà in maniera straordinaria per la sterminata collana di fiabe sonore della Fabbri Editore, di cui è una delle presenze più costanti. A distanza di trenta-quarant’anni la voce di Poli mantiene una vivezza straordinaria, incantando l’ascoltatore non tanto per virtuosismo, quanto per personalità. La sua voce contiene assieme l’afflato della nonna che racconta le storie, i birignao di principesse vanitose e snob e il gracchiare di streghe cattive. Più di una generazione la conosce per averla ascoltata e riascoltata nella propria infanzia, prima nei dischi, poi nelle cassette, nei cd e adesso sul web. È forse la voce del teatro che più di tutti ha saputo incantare i bambini.


[ph Giacomo Baldoni]

La toscanità di Poli ha però poco ha a che fare con la tradizione vernacolare, perché i suoi panni li ha risciacquati in Francia. L’Ottocento rivive, tra opere liriche e operette, in tutta una musica e un repertorio che scivola spesso nel torbido scapigliato e si porta dietro l’odore di sagrestie, stole e chierichetti e tante sante. La preferita è San Rita da Cascia che lui stesso, vestita da suora, interpreta a teatro a metà degli anni sessanta, con grande scandalo e divieto pubblico. Ma soprattutto riemergono, come punti di riferimento, i grandi romanzi di Balzac e Flaubert, anche se il secolo prediletto rimane il Settecento libertino, sempre francese, fatto di parrucche e travestimenti. Con questo ricco bagaglio Poli entra nell’avanspettacolo recuperando Nicola Maldacea, Ettore Petrolini e l’amata Franca Valeri. È curioso che nelle sue lunghe affabulazioni Poli, assieme aristocratico e popolare, generoso e ritroso, non parli mai della sua arte attoriale, non entri mai nello specifico delle tecniche, che pure maneggia con grande maestria. La sua officina rimane segreta, al contrario invita il lettore, o per meglio dire, l’ascoltatore, a visitare la sua libreria, a sfogliare l’album dei ricordi, srotolando film, canzoni, quadri. Possedendo grande ironia, e soprattutto autoironia, eccede continuamente, ma pure si disegna limiti concreti, ed è questa un’altra sua gran qualità, oggi molto rara. Lui stesso dice: “Io sono un divulgatore, non un pensatore, mi attacco alle cime letterarie e le trasformo in un’ora e mezzo di spettacolo. Non fuggo però mai dalla realtà. La fantasia non è volare a vanvera nel cielo, per me vuol dire stare fermo con i mezzi guanti e lo scaldino e immaginare Gerione, il serpente volante. Per quello che mi riguarda acchiappo Balzac e vo a dormire con lui, che è il vero amore”.
La divisione in brevi paragrafi in Alfabeto Poli esalta le capacità pirotecniche del discorrere che procede per continui apici e che a volte raggiunge vere e proprie vette, come per la voce Attore: “Questa è la grande forza italiana. Non abbiamo avuto Shakespeare, Molière, Calderòn de la Barca. Ma abbiamo i comici: la nostra tradizione sono Petrolini, Mussolini, Fellini, sappiamo vendere il niente, siamo sempre andati in giro a raccontare Arlecchino e Pulcinella. Siamo come i preti, viviamo sulle chiacchiere”.

Poli apre continuamente una miriade di porte, ci indica strade e filiazioni, dà un senso vivo alle tradizioni minori e al loro intreccio con i grandi autori. Sono passati importanti, che troppo spesso la polvere del contemporaneo occulta e cancella, ma che a volte, come in questi casi, sembrano sopravvivere e aiutarci a capire qualcosa in più dei tempi che viviamo.

Aquiloni, l'ultima produzione di Poli, è in turnè nei teatri italiani. Fra le prossime date segnaliamo quella di Bologna all'Arena del sole, dal 30 gennaio al 2 febbraio.

[Da "Lo Straniero", N. 161 Novembre 2013]

 


di Rodolfo Sacchettini


COMPAGNIE


IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale