Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Il piacere indistinto dell'attesa. Su "Teatro" di Tino Caspanello
Non tutte le parole nascono per dare un nome alle cose. Se non si mantiene il diritto al segreto – scriveva Deridda – si entra in uno spazio totalitario.
Per l'attore-autore Tino Caspanello, che il teatro lo scrive, lo vive e lo fa, destreggiarsi tra i limiti della definizione è in genere la prova del nove che precede la messinscena del testo. In mezzo ci sono le motivazioni, l'impulso creativo, l'origine, l'andirivieni, il desiderio di dire una certa qual forma di caos senza ingabbiarla in risposte integre e preconfezionate.

Da questo studio il Teatro di Tino Caspanello ha tratto la sua lingua d'artista, una «drammaturgia del via e vai» che sull'allusione ha costruito un non finito di accenni, parole-ronzio, frammenti, musicalità istantanee.
Sono storie, le sue, incontrate per distrazione, tra i sobborghi della provincia messinese, a Pagliara, sullo Stretto, in una camera, in riva al mare o accecato dalla luce su un balcone di quei luoghi non luoghi della costa siciliana che sono immagine e casa. E fu proprio a Mari, spettacolo vincitore del Premio Speciale della Giuria del Premio Riccione Teatro 2003, che si deve il suo primo riconoscimento di pubblico e critica, poi edito nel 2005 da Hystrio e tradotto in Francia per Editions Espaces 34.
Già incluso tra le voci più interessanti della nuova scena italiana nella raccolta di Debora Pietrobono Senza Corpo di Minimum Fax (2009), a poco più di dieci anni dal debutto Editoria e Spettacolo ha pubblicato nel 2012 una raccolta significativa di testi: Mari, Rosa, 'Nta ll'aria, Malastrada, Interno, Sira, Fragile, complessivamente composti e rappresentati tra il 1994 e il 2009 insieme a Cinzia Muscolino e a Tino Calabrò, la compagnia Pubblico Incanto, con cui nel 2011 Caspanello ha dato vita al festival Pubblico Incanto Artheatre Festival.

A rileggerle oggi cade subito l'occhio su una nota di regia: Don't explain di Nina Simone, la canzone che conclude Interno, uno dei suoi primi testi a lungo riposto nel cassetto. Don't explain, non spiegare. Forse è il silenzio l'ossessione drammaturgica di Tino. Il detto non svela, non conclude, non offre mai la soluzione magica, non è interessante se non si mette la mano nell'acqua.
Ronzii, i suoi botta e risposta rivelano personaggi confusi e sospesi, vittime e carnefici di un gioco provvisorio in partenza. Capita anche che l'ambiguità, ridotta allo spasmo, si mescoli con dell'ironia un po' sinistra, così come accade in Mari, Rosa, Malastrada... per riportarci a terra, non del tutto rassicurati.
Complice qui il dialetto messinese che, per quattro dei sette testi in raccolta, connota tutti trasversalmente, uomini e donne, padri e figli, lavoratori e malati, se di Sicilia o meno è quasi solo un pretesto. Tutti dondolano nel proprio sostare. A noi la responsabilità del discorso, il riempitivo dei vuoti e il piacere indistinto di starsene lì.

da Mari, in Teatro di Tino Caspanello, p 25:

«L'uomo: A mmia mmi piaci stari cca, sulu quannu l'autri si nn vannu
La donna: E chi ffai?
L'uomo: Mi piaci
La donna: Ma chi ffai?
L'uomo: Nenti.
La donna: Penzi?
L'uomo: Puru
La donna: E cchi ppenzi?
L'uomo: E cchi nni sacciu!
»

di Lucia Cominoli


COMPAGNIE


IMMAGINI
 
   

LINKS

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale