Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Overground, la scena a luce naturale

Due figure stanno in piedi all'ingresso di una grotta, le gambe avvinghiate tra loro e le braccia tese a mantenere l'equilibrio. L'oscurità del piccolo antro assorbe il nero delle loro strette tute, una seconda pelle dalla quale emergono solo gli occhi. Sono Paola Villani e Daniel Blanca Gubbay della compagnia Pathosformel che reinterpretano un'azione del loro spettacolo Volta.
Questa la prima delle immagini raccolte in Overground (Boiler Edizioni, 2011), libro che testimonia un percorso di fotografia di scena fuori dalla scena: a partire dal 2009, Luca del Pia ha chiesto ad alcuni performer e danzatori di agire fuori dal palcoscenico, ricollocando gesti estratti dai loro spettacoli in cornici esterne, abitando i diversi luoghi con un'intensità e un'immaginazione peculiari.
Vediamo Sonia Brunelli (Barokthegreat) affondare i piedi tra le zolle di un orto o far emergere verticali e limpide le sue gambe accanto a una piccola coltivazione di zucche; la sequenza di Eleonora Sedioli (Masque teatro) si compone di numerosi incastri del proprio corpo tra le rocce, dove la sua figura sosta nelle fessure di una parete o disegna traiettorie e passi sulle scanalature orizzontali che la natura propone; gli scatti con Cristina Rizzo sono inaugurati da un ritratto della danzatrice a figura intera che fissa la macchina fotografica da un guard-raill, mentre le fotografie seguenti ci conducono su una vasta terra rossa, dove la piccola figura della Rizzo scivola sulle curve spontanee del paesaggio, facendosi elemento straniante, rivendicando la propria presenza con un semplice e preciso “stare” in quella grande campitura.
Lontano da un orizzonte documentativo o dal racconto per immagini di un'opera performativa, Luca Del Pia intraprende nell'ambito della fotografia teatrale una vera e propria ricerca, indagando la materia cristallina della presenza scenica e del gesto performativo scegliendo però di metterli alla prova.

Introducono la lettura delle immagini di Luca Del Pia quattro saggi di altrettante studiose delle arti sceniche che interrogano il processo ideativo dell'intero progetto: Lucia Amara ragiona sulla «dipartita dalla visione e dalla scena» che le immagini di Overground stabiliscono, conseguenza del riposizionamento di un oggetto (la performance) in un luogo estraneo che lo muta nel suo significato e nella sua percezione; la «scena-paesaggio» è invece il nodo che affronta Tihana Maravic riflettendo sull'atto creativo che fonda un paesaggio, ovvero la sua inquadratura e lacerazione da un'orizzonte infinito e reale; ancora all'interno della visione scava Piersandra Di Matteo, proponendo una riflessione sull' «attrazione desiderante» che un'opera è in grado di esercitare per «afferrare un soggetto» e avvicinarlo a sé. Se i primi tre saggi si concentrano dunque sul processo visivo, partendo dallo spaesamento innestato da Luca Del Pia con i suoi scatti, Adele Cacciagrano con l'ultimo scritto affronta più direttamente la questione fotografica mettendola in relazione con uno dei fuochi della ricerca di Overground, ovvero il corpo del performer: attraversando la figura di Lewis Carrol, riflette sull'ostensione del «corpo osceno» e sulla relazione che intrattiene con lo sguardo dello spettatore, in un gioco di avvicinamento e repulsione o di riuscita cattura.

Tra campi, sentieri, rocce, prati circondati da antiche muraglie ma anche piscine e rive del mare o bordi di strade asfaltate, Luca Del Pia costruisce fotografie che danno prevalenza al nudo gesto scenico, alla qualità di presenza e infine ai corpi dei performer: colorati ogni volta da una nuova luce naturale, tela di pelle su cui si appoggiano riflessi e ombre, gli artisti consegnano al fotografo-spettatore una seconda performance finalizzata alla realizzazione di un'immagine.
Ma in alcune serie è il linguaggio surreale a prevalere sulla forza scenica: grazie allo straniamento dell'azione e a una composizione che si getta nella ricerca di uno sguardo più allargato e meno addossato alle figure dei performer, ecco che tramite corpi vestiti accanto a corpi seminudi, volti che mirano nello stesso quadro orizzonti diversi, piani vicini e lontani che dialogano tra loro con ironia, gli scatti di MK in riva al mare rivelano il divertimento della creazione in posa e la serietà di un'idea finale complessiva; le scatole di cartone di Helen Cerina abitate o affiancate dalla sua figura magra sembrano appunti di una storia fantastica, di cui non si conoscono gli sviluppi ma solo piccoli passaggi; i corpi nudi degli Orthographe sotto la superficie dell'acqua di una piscina tengono insieme più desideri, di pace e silenzio, di contatto ed evasione, di amore e lotta.
Nell'ultima immagine di Overground ritroviamo i Pathosformel. In tutti i loro scatti non hanno mai abbandonato quella grotta, ed è ancora lì che sostano. Ma questa volta sono fuori, immersi nella luce, vestiti di un intimo color carne rubato a La timidezza delle ossa. Adesso è il fotografo a stare nell'antro e rivolgersi all'esterno, dove due figure in controluce e senza volto sembrano indicare, a noi e a lui, un'altra volta, un possibile fuori.


di Serena Terranova


COMPAGNIE


IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale