Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Bestiale Improvviso di Santasangre

Se l’occhio del teatro si spalanca sulla natura e diventa lente scientifica prestata all’arte, sguardo che affonda nel tentativo di afferrare la meraviglia dei fenomeni, possono verificarsi sulla scena autentiche manifestazioni, come avviene in Bestiale Improvviso, ultimo lavoro di Santasangre. Non a caso il precedente progetto del collettivo romano, da cui tre spettacoli dal 2005 al 2008, era stato Studi per un teatro apocalittico. Lì si recuperava in senso laico e contemporaneo l’accezione del termine: “apocalisse” come metamorfosi, concetto in cui distruzione e nascita trovano principio comune, trovando punti di contatto con la letteratura distopica di Huxley e Orwell e approdando nell’ultima tappa, con Seigradi, alla costruzione sintetica di un «organismo sonoro e visivo auto-produttivo». 
Attivando un processo di trasposizione dalle nozioni della scienza alla grammatica scenica, Santasangre usa lo spazio del teatro come laboratorio in cui ricreare la più potente forma di reazione esistente in natura, l’energia nucleare.  La scena è immersa nell’oscurità, riempita di un denso fumo che penetra anche in sala a rendere visibile l’invisibile, aria che riempie lo spazio, sostanza misteriosa da plasmare, fendere e far reagire. Tutti gli elementi del teatro trovano qui, insieme, il loro compimento. Lavorando allo stesso livello, lo spazio e il corpo umano, unitamente al suono e alla luce (manipolati dal vivo, nel vivo del loro essere corpo della scena) si prestano alla «drammaturgia della materia», costruzione dell’azione dentro l’azione, modellamento della sostanza-teatro che emerge per gradi di presenza e compresenza. Un raggio di luce tenta di fendere il buio, scoprire gli spazi, stabilire i confini. Il suono ne segue il disegno. Tre figure indistinte, ombre, macchie d’inchiostro, si dilatano e si riassorbono dietro uno schermo opaco in un crescendo di distorsioni sonore e luminose che non produce esplosioni, ma mira alla «saturazione dell’ambiente», creando un ordigno di grande potere immersivo. Deposto lo schermo, tre corpi emergono dall’ombra, e allora si assiste a qualcosa che può ricordare uno sbarco alieno oppure il lavorio di una complessa macchina industriale. Figure dal volto coperto, camaleontiche sotto le proiezioni: geroglifici che danzando diventano ingranaggi di un congegno indecifrabile. La figura umana perde connotati, sta tra l’organico e l’inorganico, si spezza e si fonde l’anatomia, finché dal soffitto non cala una parete ricoperta di una lastra di rame che, rovesciandosi lentamente come un’astronave severa, riflette sul pubblico una luce aurorale. 
Il lavoro di Santasangre riporta il teatro all’etimologia della sua parola: “luogo della visione” e per estensione della percezione, dove ciò che accade non è storia ma istante, qui “meraviglia” dell’uomo di fronte alla natura. Dopo la fase preparatoria costituita da Framerate 0 e Sincronie di errori non prevedibili, definiti «esperimenti» al fine di accumulare materiale e verificare le direzioni da seguire, Bestiale Improvviso appare come un passo ulteriore verso il punto di fuga da cui nasce ogni prospettiva e allo stesso tempo e nello stesso senso una risalita all’origine del linguaggio scenico, del teatro inteso come luogo privilegiato in cui la materia si trasforma. Nulla di nuovo in scena, eppure avviene un rapimento. Lo spettatore, infinitamente piccolo, si annulla nella vastità del fenomeno che, crudele, bestiale nel suo essere liberazione di energia pura al di là di ogni uso umano, scava nell’improvviso del suo accadere. Una lacerazione rivelatrice che ripete la natura, dando vita, per dirla con Artaud, a una «poesia dello spazio» che può essere in grado di aprire nuovi altri mondi.

Bestiale Improvviso
Ideazione: Diana Arbib, Luca Brinchi, Maria Carmela Milano, Dario Salvagnini, Pasquale Tricoci, Roberta Zanardo
Coreografie in collaborazione con Cristina Rizzo
Partitura ed elaborazione del suono: Dario Salvagnini
Progetto ed elaborazione video: Diana Arbib, Luca Brinchi, Pasquale Tricoci
Corpo: Teodora Castellucci, Roberta Zanardo, Cristina Rizzo
Luci e costumi: Maria Carmela Milano
Animazione 3D: Piero Fragola e Alessandro Rosa
Violoncello: Viola Mattioni
Organizzazione: Elena Lamberti

di Alessandra Cava


COMPAGNIE


IMMAGINI
 
   

LINKS

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale