Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Atlante del bianco di Damasco Corner / Virgilio Sieni

Atlante del bianco di Damasco Corner/Virgilio Sieni è un lavoro senza dubbio spiazzante, capace nell’arco di una mezz’ora di mettere in crisi l’abituale percezione “geografica” dello spettatore e di aprire il cuore a un’inaspettata emozione. È il primo spettacolo di una nuova compagnia di non vedenti nata dopo un laboratorio condotto da Virgilio Sieni all’interno dell’Accademia sull’arte del gesto circa un anno e mezzo fa.
La scena è perimetrata da alti tendaggi bianchi e abitata dal danzatore non vedente Giuseppe Comuniello. Lo spazio è completamente vuoto e viene attraversato nel corso dello spettacolo da differenti luci colorate: dal bianco si passa al rosso, al blu e di nuovo al bianco. E sono proprio i colori a funzionare da campi semantici, aree emotive, zone di senso per i gesti e i movimenti del danzatore, innescando una stretta e misteriosa relazione visiva e sonora. “Cecità e colore” è il sintagma, certamente paradossale, che qui pare funzionare in profondità perché è il motore generativo dell’intera coreografia. Le corse circolari, i micro-movimenti da seduto, lo sporgersi delle braccia, la tensione delle posizioni orizzontali acquisiscono di volta in volta temperature differenti: si passa dalla concentrazione di certe corse che paiono misurare lo spazio, al calore di un abbraccio rivolto a uno spettatore invitato e aiutato ad adagiarsi sulla scena o alla gioia finale di una danza “liberata”.
Ogni gesto, ogni movimento eseguito da Comuniello ha il sapore di qualcosa di nuovo e di antico allo stesso tempo. Sembrano questi gesti provenire da lontano, eppure hanno la forza e la precarietà “della prima volta”. Non sono bloccati, come a volte accade, nella perfezione del professionista, bensì lasciano aria a vibrazioni inaspettate. Sono la presenza e la cecità di Comuniello a destabilizzare l’occhio dello spettatore, perché contribuiscono a modificare la percezione dello spazio, del visibile, del conosciuto. La scena è messa in discussione da una presenza che come un’antenna è capace di misurare lo spazio e trasmettere segnali. Le pareti sembrano vibrare di una qualità nuova e farsi portatrici di un “altrove” che pare prima nascondersi dietro gli altri tendaggi e poi affacciarsi sulla scena accogliendo il pubblico. È l’ “altrove” della percezione che spinge a farsi domande nuove sul movimento: correre all’indietro o girare in cerchio sfiorando il perimetro della sala sono azioni improvvisamente destabilizzanti, cariche di pericolo e sfida. Al centro di tutto questo c’è il sentimento della pietà, mai del pietismo, perché la danza apre qui una porta gioiosa di commozione sull’essere umano e il suo corpo.

di Rodolfo Sacchettini


COMPAGNIE


IMMAGINI
 
   

LINKS

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale