Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


7-14-21-28 di Antonio Rezza

«Questo è». Non c'è da scavare, non c'è da chiedere, non da girare intorno. «Questo è», ripete Antonio Rezza alla fine di ogni spettacolo: questa la scena, questo il corpo che l'ha abitata, questo il pubblico seduto in platea. Se ogni opera è un pacco da ricevere - e si può farne quello che si vuole (o che si può), gettarlo via, riporlo nel cassetto, rigirarlo tra le mani o decidere di scartarlo - 7-14-21-28 è un pacco-bomba fatto di carne, stoffa e metallo, segnalato dall'insistente ticchettio di un organismo in punto di deflagrazione. Il ritmo del cuore, del fiato e dello stomaco conducono la «danza macabra» dell'uomo scoordinato che tenta di ricostruire uno spazio su cui disseminare e memorizzare i punti di riferimento. Una cartografia ritmica che i corpi di Antonio Rezza e Ivan Bellavista disegnano avvitandosi e svolgendosi intorno alla struttura multiuso creata da Flavia Mastrella, che si ispira agli ideogrammi cinesi per costruire un surreale attrezzo ginnico dallo scheletro di altalena, dal quale si originano, ciondolano, si slacciano gli strumenti di tortura che deformano e mutilano il corpo: linee di drappi, corde e reti che si intersecano a creare uno spazio che è materia perforata, composizione per gli occhi cadenzata da vuoti e da pieni. In 7-14-21-28 l'aria si fa sempre più rarefatta e il lavoro, rispetto ai precedenti di Rezza e Mastrella, spicca un salto in avanti verso la pura ritmicità visiva e sonora. I micro-personaggi che emergono dall'habitat non hanno storia se non quella inenarrabile che parla al corpo, in cui la trama si smaglia e lascia spazio agli accenti, dove la retina e l'antro della gola assorbono la parola. Così, l'uomo della fabbrica produce il suono delle macchine oscillando violentemente su una mezzaluna di legno, un volto stretto in un velo assume fattezze orientali, una diabolica vedova in rosso conta i mariti morti, mentre tutto si trasforma in cifra da pronunciare ad alta voce, nel grottesco tentativo di rimettere insieme i pezzi di un «paese allo sbando». Ma non c'è rapporto con la Storia: le uniche relazioni possibili sono quelle analogiche tra i frammenti, come tra le parti di un ideogramma. Il senso sta probabilmente nel salto nel vuoto che le separa, il salto dell'acrobata che ferma lo scorrere del tempo in un eterno presente in cui non esiste possibilità di evoluzione.

7-14-21-28
di Flavia Mastrella Antonio Rezza
con Antonio Rezza e con Ivan Bellavista, (mai) scritto da Antonio Rezza, habitat di Flavia Mastrella, assistente alla creazione Massimo Camilli, disegno luci Maria Pastore. Produzione Teatro 91 - Fondazione Teatro Piemonte Europa - RezzaMastrella



di Alessandra Cava


COMPAGNIE


IMMAGINI
 
   

LINKS

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale