Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Periodonero di Cosmesi

Il mostriciattolo di Puzzle Bubble cammina sulle rive di un fiume e incontra altri animali che gli parlano, per introdurlo alla sfida. Bisogna lanciare delle bolle colorate su un muro che gradualmente si abbassa, minacciando di schiacciare i concorrenti. Creando file di tre o più elementi, le bolle svaniscono, e chi riesce ad averne meno è in vantaggio rispetto all'avversario. Quel mostriciattolo siamo noi, è il nostro avatar. Solo che in periodonero non abbiamo nessun joystick, possiamo solo osservare, e per giunta non ci sono colori perché tutto lo schermo è in bianco e nero. Esiste una "regola del gioco" in queste condizioni? E chi è il nostro avversario? Dopo tale prologo, che accade mentre prendiamo posto in sala, periodonero ci mostra un percorso di formazione e di crescita, in cui sottotraccia ribolle la stessa sfumata inquietudine, la stessa domanda che s'interroga sull'esistenza dell'"altro". Se l'altro non c'è, a mancare è probabilmente anche un conflitto, un combattimento, o almeno di questi vanno rivisti i termini. S'inizia con una schiera di figure umane proiettate sullo schermo, che assomigliano a ombre pur essendo formazioni di luce scura. Fanno esercizi ginnici e stretching, si preparano a una performance. Insieme a loro vediamo una presenza umana, quasi indistinguibile dalle immagini, della quale siamo però in grado di avvertire la grana "reale", quella di una vera ombra, di un corpo che ostruisce la luce del proiettore (e leva luce alle proiezioni) e così si disegna sullo schermo. Da qui inizia il combattimento, messo in atto contro i propri simili dunque, anche se non siamo certi che si tratti di una lotta, e nemmeno di un dialogo o di una relazione. Eppure, un senso di non allineamento e di "differenza" aleggia fin dalla prima sequenza. L'ombra a un certo punto smette di esercitarsi, s'incunea fra le sagome ed esce, per tornare "dal vivo" di fronte a noi. E' una donna vestita di nero, una figura dark, sicuramente "post-punk", con lunghi capelli scuri. Poco prima di iniziare gli esercizi aveva lanciato una palla da bowling, che subito era transitata "doppiata" anche sullo schermo. La ragazza quindi gioca, sceglie un bersaglio e lancia, mentre al centro si proietta un tondo di luce e ripetutamente si spegne appena la donna si avvicina per occuparlo. Le sagome ginniche sono intanto state sterminate da un plotone di spari, e la ragazza forse ci ripensa, va dietro allo schermo e ne riporta una silhouette nera, un cadavere virtuale che di fronte a noi diventa spenta sagoma bidimensionale.  
I Cosmesi sono un gruppo che mette al centro l'immaginazione di strutture solide, la costruzione di architetture che in sè si fanno racconto drammaturgico: dal palo eolico della Primadonna alla tenso/turbina de Lo sfarzo nella tempesta, solo per citare due recenti esempi. Cosa accade in periodonero? Perché tutto sembra qui essersi volatilizzato, polimerizzato, per lasciare campo al disegno "illustrato" digitale? Il punto è che forse quelle strutture sono state fagocitate dalla realtà, da una realtà talmente indistinguibile rispetto all'universo mediale al punto da averla superata, inclusa, inglobata. Un realtà che non può non far pensare anche a un sistema teatrale modaiolo, che si diverte a glorificare e abbandonare, attratto solo dalle superfici, dalle apparenze, dalle "alte definizioni" delle confezioni. Restano dunque le ombre, forse le uniche a poterci salvare eppure così simili alle copie e sempre sull'orlo della contraffazione.
Come nei quadri di Magritte, Cosmesi "pensa per immagini", depurandole da strutture concettuali, liberandole da un vincolo con la realtà divenuto oppressivo. La ragazza, dopo avere protestato contro il faro e avere creato solo per questo proseliti e crocchi acclamanti, decide di tornare dalla parte dell'ombra e innalza un cerchio dal quale passano animali di varia fattura, da gatti a uccellini, fino a una Moby Dick che spruzza acqua. E' una sorta di imagoturga, con tanto di musichetta circense, è una figura che s'abbandona all'illusione, ne produce incessantemente di nuova, e forse quella marcetta musicale un po' irridente proviene direttamente dai nostri sguardi. La sua stessa ombra è pronta però a generare un mostro, che si prolunga dall'assenza di luce per diventare un ammasso di pixel neri, un animale feroce che come le proiezioni espressioniste si allunga dai corpi e minaccia. Poco dopo, delle mosche intorno a un lampadario gradualmente occupano tutta la superficie, coprendo tutto. Anche gli animali prima generati soccombono, si gettano "al di qua dello specchio" come se volessero uscire dalle immagini stesse, sbattendo inesorabilmente contro un muro tanto diafano quanto spesso. Se di combattimento allora si tratta, occorrerà per prima cosa decidere chi vogliamo essere, se l'ombra o la sua copia, poi inventare un avversario per rifare e condividere una regola. Infine difendere i residui di realtà non compromessa che ci restano, che qui sembrano comunque stare sotto, sembrano essersi camuffati e inabissati sotto all'apparenza, o sotto alla "trasparenza", per dirla con Baudrillard. Cosmesi su questo forse non si sbilancia, ma comunque ci indica che qualunque sia il nostro posto nel mondo è indispensabile restare appigliati alle nostre "bolle", come la ragazza che torna di fronte a noi e non più mediata viene guidata da un gruppo di palloncini.
Credere in queste Bubble, e usarle come lanterne: mentre lo schermo prende la parola, proiettando aggettivi e sostantivi (televisione, pecore, semplice, epoca, vorace, giovani, privilegio, singoli, furbi, permanente, in un font della famiglia Gothic, con rivoli neri che gocciolano e si cancellano, come sangue o pastosa morcia pronti a contaminarci, a sporcarci, a bloccarci sotto il peso e il senso dei concetti), Eva Geatti inizia ad assemblare serpertine di cavi elettrici, che sono lunghi, sono troppi, sono tortuosi. Solo per accendere una scritta luminosa, che infine ci dice "fatto". Fatto. Verrebbe da ripeterlo tante volte, fatto nonostante tutto, fatto ancora una volta, fatto cercando spiragli di sole per le nostre ombre, fatto fidandosi solo di noi stessi, fatto dopo dialoghi estenuanti, ricerche a tentoni, abbandoni dolorosi. Fatto, fatto.
 

di Lorenzo Donati


COMPAGNIE


IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale