Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Macbettu ha mortu su sonnu



Il fragore di un terremoto invade la sala grande delle Fonderie Limone di Moncalieri, Torino. È il violento bussare della tragedia contro la tumba de is gigantes che sorge in fondo alla scena come un monolito metallico, sepolcro dal quale si caleranno delle inquietanti e nere figure in abiti femminili, demoniache e buffonesche. Sono le tre streghe del Macbeth di William Shakespeare, scendono dalle mura del castello di Cawdor con passetti veloci da ballu tundu e ricordano la maschera carnascialesca de Sa Filonzana (La Filatrice) – versione sarda delle Moire greche – interpretata, come vuole la tradizione, rigorosamente da uomini. Se Shakespeare avesse deciso di ambientare The Tragedy of Macbeth in una Sardegna arcaica piuttosto che in una cupa e lontana Scozia avrebbe chiamato Macbettu il suo protagonista. Il Macbettu di Alessandro Serra non è un riadattamento, è una traduzione del testo shakespeariano, e se la traduzione è sempre interpretazione, tradimento, quella di Serra si spinge oltre riscrivendo il testo classico in limba sarda.
Nella ventitreesima edizione del Festival delle Colline Torinesi spicca l'imponente regia di questo spettacolo (Premio UBU Miglior Spettacolo 2017, Premio ANCT 2017) che si colloca ben lontano da qualsiasi artificio folcloristico con grande successo di pubblico e di critica. Macbettu è un lavoro cupo, terragno, sprigionato dal sottosuolo della comunità nuragica insieme a tutte le sue forze ctonie. La lingua usata è aspra e cruda ma capace di risuonare con musicalità antiche. Otto gli attori in scena, interpreti solidi e puntuali dalla forte impostazione “biomeccanica”, dove l'esperienza emotiva appare forse secondaria rispetto al lavoro fisico-corporeo. Solo uomini, dunque, comprese le streghe e Lady Macbettu (Fulvio Accogli), scelta che lega a doppio filo la tradizione del teatro elisabettiano a quella del carnevale sardo.
Al palcoscenico, bianco di una polvere che si attacca addosso, fa da contraltare il nero dei costumi e della scena. Una notte perenne, caricata di oscuri presagi attraverso una calda illuminazione dal taglio espressionista: luci di un tramonto lontano, di un giorno che finisce, bagliori che filtrano attraverso porte spalancate su un altro mondo. E ancora pietra, ferro, legno, corda, sughero, tutti elementi presenti nello spazio, evocativi di una Sardegna primordiale, che rivive nello scricchiolio del pane carasau al passaggio dello spettro di Banquo sulla tavola imbandita o nel vino rosso con cui si ubriacano le guardie di Duncan ridotte al grado di porci ingordi e grugnenti. L'intero spettacolo è costellato di suoni legati alla primitività di una terra antica: non soltanto versi di animali, ronzii ma anche schiocchi, fischi, le grida dei pastori e un riecheggiare di campanacci preso in prestito dai Mamuthones, maschere tipiche del carnevale di Mamoiada.
La scenografia, supportata da un saldo substrato coreografico (come i lazzi da Commedia dell'Arte a opera delle streghe), è composta da quattro grandi tavoli metallici accostati insieme in verticale, a formare le mura invalicabili del castello. Questi si trasformano, declinandosi in banchetto, in portone, nella foresta di Birnam che avanza inesorabile quando gli attori indossano maschere di sughero, figure animalesche che li rendono simili ai Treant, gli uomini albero della letteratura fantasy.
Macbettu (Leonardo Capuano) gioca a «unu, duos, tres… tocca muru» con i suoi fantasmi, costruisce con le pietre il proprio nuraghe, impilandole una dopo l'altra come le tessere che compongono la trama dei delitti che ha commesso, ma alla fine resta solo un sovrano con un trono troppo piccolo per la sua sanguinaria ambizione: una seggiola di paglia su cui dondola come un bambino colui che ha ucciso il sonno.

Marzio Badalì



Spettacolo visto a Torino il 18 giugno 2018
Articolo pubblicato il 23 giugno 2018



Macbettu
di Alessandro Serra
regia Alessandro Serra
tratto dal Macbeth di William Shakespeare
con Fulvio Accogli, Andrea Bartolomeo, Leonardo Capuano, Andrea Carroni, Giovanni Carroni, Maurizio Giordo, Stefano Mereu, Felice Montervino
traduzione in sardo e consulenza linguistica Giovanni Carroni
collaborazione ai movimenti di scena Chiara Michelini
musiche, pietre sonore Pinuccio Sciola
composizioni pietre sonore Marcellino Garau
scene, luci, costumi Alessandro Serra
produzione Sardegna Teatro e compagnia Teatropersona
con il sostegno di Fondazione Pinuccio Sciola, Cedac Circuito Regionale Sardegna

           

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale