Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Onirica follia di un antieroe: Licia Lanera affronta Koltès


foto Andrea Macchia

I giovani sono come le automobili, se vanno a schiantarsi in fondo a un burrone non li si aggiusta più. «Un treno deragliato non si tenta di rimetterlo sui binari. Lo si abbandona, lo si dimentica», così la madre di Roberto Zucco condanna il figlio a una damnatio memoriae: «Io ti dimentico, Roberto, io ti ho dimenticato», dice prima che lui la uccida. Roberto Zucco è un testo ispirato a un fatto di cronaca nera italiana (Roberto Succo) che Bernard-Marie Koltès scrive, logorato dall'AIDS, poco prima di morire. È il manifesto dell'onirica follia di un antieroe, la tragedia della solitudine che annienta qualsiasi tabù. Il protagonista elimina i genitori e chiunque gli impedisca di avanzare verso il sole, moderno Icaro condannato a un “terminale” bisogno di libertà. Lo spettacolo non esalta la giovinezza, al contrario ne mostra inquietudini, errori e cadute; eppure la giovinezza è lì, irruenta e tangibile nei corpi dei diciotto attori neodiplomati della Scuola del Teatro Stabile di Torino, guidati nell'ambito del Festival delle Colline Torinesi dalla coraggiosa regia di Licia Lanera, che porta sul palcoscenico del Teatro Gobetti un esaltato ma lucido ritratto di quell'umanità «straziata e straziante» (cit. Franco Venturini) dei ventenni di oggi, sempre più assuefatti all'orrore.
A cominciare dall'attore che interpreta la “madre senza maternità” di Roberto Zucco (un ironico Jozef Gjura), i personaggi si rivelano maschere spinte al parossismo. La scrittura di Koltès, dal forte afflato anti-naturalistico, colma di lirismo, si evolve qui in un linguaggio carico di audace comicità. Sulla scena nascono figure farsesche capaci di restituire la sottile vena parodistica con cui l'autore tratteggia i personaggi (spiccano nei loro ruoli grotteschi Alfonso Genova, Pierpaolo Preziuso, Elvira Scorza, Andrea Triaca). Di fronte a una scrittura così aperta e chiusa al tempo stesso, in cui l'autore frantuma il senso della narrazione nel suo bisogno di esprimere molto in tempi serrati, Lanera crea un flusso granguignolesco connettendo i vari quadri del testo e lasciandoli fluire l'uno nell'altro in una continua contaminazione.
Zucco (Riccardo Niceforo) è un personaggio scisso tra la sua condizione di liquidità – rimarcata in scena da un costante gocciolio – che lo priva di forma, rendendolo invisibile e capace di passare attraverso sbarre fitte come maglie di un setaccio, e la condizione di rinoceronte, perché «una mano che ha pugnalato, un braccio che ha strangolato non possono essere liquidi. Devono anzi essere forti, pesanti». Il protagonista sente la morte addosso, fugge da solo, come gli eroi, ma «non c'è eroe i cui abiti non siano inzuppati di sangue». Ne deriva che gli eroi di oggi sono tutti criminali, perché il sangue non può passare inosservato, proprio come il branco di rinoceronti che invade la scena all'inizio dello spettacolo: gli attori mascherati si omologano alla figura del “diverso”, sono tutti rinoceronti, sono tutti Roberto Zucco.
La scenografia è semplice, pressoché inesistente, lascia alla suggestiva illuminazione e agli attori il compito di creare lo spazio. Numerose sono le scene corali cariche di simbolismo e di violenta bellezza, dai tableaux vivants dei corpi nudi delle prostitute alla rissa caotica generata dallo scontro con il Colosso, una scena splatter che si trasforma in una danza macabra e frenetica al ritmo di Vengo anch'io. No, tu no di Enzo Jannacci.
L'ultima immagine dello spettacolo mostra Zucco a cavallo di un rinoceronte illuminato in silhouette da un sole africano che abbaglia il pubblico. È ancora in fuga, inafferrabile, ma finalmente libero di gettarsi nel sole per vedere di nascosto l'effetto che fa, per scoprire «la neve che in Africa cade sui laghi ghiacciati».


Marzio Badalì


Spettacolo visto a Torino il 17 giugno 2018
Articolo pubblicato il 21 giugno 2018



Roberto Zucco
di Bernard-Marie Koltès
regia Licia Lanera
con gli attori diplomati della Scuola del Teatro Stabile di Torino:
Nicholas Andreoli, Noemi Apuzzo, Federica Dordei, Anna Gamba, Alfonso Genova, Jozef Gjura, Noemi Grasso, Riccardo Livermore, Giulia Mazzarino, Riccardo Micheletti, Riccardo Niceforo, Giulia Odetto, Benedetta Parisi, Pierpaolo Preziuso, Federica Quartana, Elvira Scorza, Valentina Spaletta Tavella, Andrea Triaca
luci Vincent Longuemare
assistente regia Danilo Giuva
produzione Teatro Stabile Torino – Teatro Nazionale
in collaborazione con Festival delle Colline Torinesi Torino Creazione Contemporanea

           

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale