Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


La tragedia comincia adesso. ''Empire'' di Milo Rau


Milo Rau, Empire (foto Marc Stephan)

Al centro della scena si erge un rudere, la facciata di un'abitazione ridotta a uno scheletro desolante, sul fondo quattro attori seduti, in attesa. Nell'aria risuona per lungo tempo il melanconico By the sea della compositrice greca Eleni Karaindrou, il brano fa parte della colonna sonora del film L'eternità e un giorno di Theodōros Angelopoulos, il cui tema centrale è un viaggio senza meta, nel sentimento e nelle suggestioni. Un viaggio come quello raccontato da Fluctus, il nuovo progetto triennale del Festival delle Colline Torinesi che al Teatro Astra ospita Milo Rau con Empire, ultima tappa (dopo The Civil Wars e The Dark Ages) di una trilogia sull'Europa portata avanti dal regista svizzero con grande lucidità e con un occhio attento alla questione della migrazione forzata.
Lo spettacolo racconta di un viaggio, non solo fisico ma anche emotivo, declinato attraverso quattro differenti visioni: Ramo Ali, Akillas Karazissis, Rami Khalaf, Maia Morgenstern, tutti attori professionisti e tutti migranti. Parlano nella loro lingua madre, usata ormai solo nella sfera più intima, e mescolano sulla scena le sonorità del curdo, del greco, dell'arabo, del romeno.
Dopo aver fatto girare su se stessa la struttura mobile di quel rimasuglio di casa che fu, gli attori ne svelano l'interno costruito sul lato opposto: un piccolo angolo cottura, un tavolo, qualche sedia e un lettino. Diversi oggetti occupano i ripiani della cucina in un disordine organizzato dal vago sapore di casa, di tempo perduto. A turno gli uomini siedono dietro una telecamera e inquadrano il volto degli altri che appare proiettato e ingigantito sopra le loro teste. L'angusta scena diventa un set cinematografico, uno spazio di finzione ritagliato nel buio profondo del palcoscenico. Eppure il gioco della finzione convenzionalmente accettato svanisce non appena gli attori – in un'armoniosa e ben costruita alternanza di narrazioni – raccontano con cruda sincerità la loro esperienza. Partendo dalle origini ciascuno di loro attraversa con le parole e con lo sguardo diverse tappe di un percorso che li condurrà all'esilio, a cominciare dal rapporto diretto e personale con la morte – che si tratti di un genitore lontano, di un funerale mancato o di un fratello scomparso tra le foto delle vittime della tortura di regime – per approdare infine a una rinascita.
Il lavoro di Milo Rau si fonda su testimonianze dirette e ricostruzioni di eventi reali in una forma che travalica l'idea di documentario ma permette alla rappresentazione scenica di acquisire la stessa forza della realtà. Non è un caso, forse, che il nostro sguardo oggi scorga più sincerità in un volto filtrato su uno schermo in bianco e nero (come quello usato nello spettacolo) piuttosto che nella figura lontana, almeno fisicamente, di una persona reale sulla scena.
L'operazione, emotivamente impegnativa per lo spettatore immerso fino al collo nella vita di quelle quattro esistenze messe a nudo, si mostra capace di rinnovare il legame tra le forme di imperialismo contemporaneo e i miti dell'antichità. Rispolvera l'archetipo dello straniero incarnato da Medea, e parla con schiettezza della Storia recente, di fatti accaduti solo pochi anni fa, di viaggi che ancora si affrontano, di fughe obbligate e di altre invece impedite, di ritorni a casa. Prima del buio Karazissis racconta del viaggio di Agamennone verso la città di Troia, del suo rientro in patria dopo dieci anni di guerra. La storia si ferma davanti alle mura di casa, da troppo tempo lontane ma ancora così familiari: «la tragedia comincia adesso».

Marzio Badalì



Spettacolo visto a Torino il 16 giugno 2018
Articolo pubblicato il 18 giugno 2018


Empire
ideazione, testo e regia Milo Rau
testo e performance Ramo Ali, Akillas Karazissis, Rami Khalaf, Maia Morgenstern
drammaturgia e ricerca Stefan Bläske, Mirjam Knapp
scenografia e costumi Anton Lukas
video Marc Stephan
musiche Eleni Karaindrou
sound design Jens Baudisch
tecnico Aymrik Pech
assistente alla regia Anna Königshofer
assistente alla scenografia e costumi Sarah Hoemske
stagista assistente alla regia Laura Locher
stagista assistente alla drammaturgia Marie Roth, Riccardo Raschi
sottotitoli Mirjam Knapp, Raman Khalaf (operatori), IIPM (traduzione)
direttore di produzione Mascha Euchner-Martinez, Eva-Karen Tittmann
una produzione IIPM – International Institute of Political Murder
in collaborazione con Zürcher Theater Spektakel, the Schaubühne am Lehniner Platz Berlin e Steirischer Herbst festival Graz; il sostegno di The Senate Administration for Culture and Europe in Berlin, Capital Culture Fund Berlin, Pro Helvetia and Migros Cultural Center; e il supporto di Cultural Promotion Canton St.Gallen e Schauspielhaus Graz

           

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale