Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Teatri delle Mura, Il silenzio di Dio

Si è conclusa il 24 giugno la terza edizione del festival Teatri delle Mura, che ha ritrovato nel Comune di Padova e nel circuito regionale Arteven i supporti fondamentali per un'occasione che vuole diventare di ampio respiro, sotto la direzione artistica di Andrea Porcheddu. Una programmazione ibrida, che cerca di andare oltre i recinti di genere per offrire al pubblico alcune tra le realtà più interessanti nel panorama italiano e internazionale, guardando al valore del progetto e non all’appartenenza a questa o quella corrente artistica. Scelta lungimirante e meritevole che è stata già premiata dal pubblico, numeroso, curioso ma soprattutto, onore al merito anche di chi il festival l’ha organizzato e comunicato, diverso. Lo sviluppo di un percorso tematico tra i lavori presentati evita il rischio latente di proporre un calderone disomogeneo: “Cosmologie teatrali” infatti è il tema di quest’anno, identità coerente con la scelta di aprirsi ai mondi teatrali possibili, riconfermando l’idea di ricerca come tensione aperta, e non come linguaggio chiuso su se stesso. Ma sono cosmologie anche perché gli spettacoli lasciano spazio all’interrogarsi sulle cose ultime, come nella serata di martedì 17, in cui si sono alternati nei suggestivi sotterranei dei bastioni cinquecenteschi tre spettacoli uniti dal filo rosso dell’incontro-scontro col divino. E’ lo spazio del sacro come irruzione nel quotidiano dell’Eccesso: eccesso di vita che lacera la propria storia nella domanda aperta sull’Altro, eccesso di gioia o eccesso di dolore, trauma. E sono spettacoli fatti di parole, perchè è nello spazio del dialogo che si apre lo squarcio su ciò che non può essere detto.
Nel primo spettacolo, Una vita importante di Paolo Civati, la protagonista, interpretata da una gioiosa e vivace Maria Sole Mansutti, è la vergine Maria: scesa dal piedistallo di gesso, viene rivelata nel suo essere bambina ingenua, teenager appassionata. Alla fine, spogliata di ogni deità, rimane lo sconcerto di una ragazza incinta che si trova a fare i conti con la paura e il mistero di diventare madre.
Col secondo appuntamento va in scena la Tragedia tutta esteriore dei Quotidiana.com, compagnia riminese che tritura nell’atmosfera al neon dello spettacolo dubbi esistenziali e chiacchiera. L’empasse della vita risucchia nel vortice della noia le domande fondamentali, come se solo attraverso la feroce ironia del banale potesse ancora esistere la domanda di senso, ibrido mostruoso tra citazioni dantesche e cultura pop. L’impossibilità del tragico si trasforma in farsa, e non resta che ridere.
Infine la compagnia Celesterosa, in coproduzione con i Sacchi di Sabbia, ha presentato un dittico, intitolato Il silenzio di Dio, composto da due adattamenti entrambi firmati da Andrea Nanni: il primo tratto da Casa d’Altri di Silvio D’Arzo, il secondo dal Grande Inquisitore de I fratelli Karamazov di Dostoevskij. Silvio Castiglioni, solo in scena, interpreta nella prima parte uno ieratico prete, la cui lunga tonaca lo innalza a due metri da terra. La nera figura racconta alternandosi ai tre microfoni che lo attorniano - una sorta di radiodramma teatrale - l’incrinarsi del suo ignavo ruolo di parroco di campagna di fronte alla domanda sommessa di una vecchia. Un’unica richiesta, quella della donna: porre termine alla sua vita fatta di solitudine e di fatica, invocando però il perdono della chiesa, e non la condanna. Il prete alla fine scenderà dal suo piedistallo, ma non saprà rispondere con la pietà all'implorante domanda di chi vorrebbe solo porre fine al proprio dolore. Nella seconda parte Castiglioni diventa l’Inquisitore, seduto su una poltrona che non basta a contenere il suo corpo di indemoniato. E’ la messa in scena del potere di chi, con il dominio delle anime, vuole riscattare il timore dell’abisso della libertà. Di fronte a lui Cristo, assente presenza, risponde con il silenzio. Sommessa domanda e tremenda invettiva, entrambe germinano nel vuoto di senso che si apre nella distanza tra una domanda infinita e una risposta inintelligibile, che ci costringe a scegliere: ad abbandonarci e a piegare il capo oppure ad attraversare la rassicurante fantasia di qualcuno che riempia per noi quel vuoto, e farsi carico del proprio desiderio, del proprio destino. Alla fine cosa rimane? Rimane il luogo. Il luogo dove l’incontro con l’Eccesso apre lo spazio alla domanda impossibile. Se questo luogo sia spazio della presenza sottile di Colui che tornerà un giorno a ricomporre l’infranto, oppure solo la smorfia di una realtà indifferente o la beffa di un effetto ottico, la risposta è nello sguardo di chi assiste. Rimane il fatto che questo luogo è un palco, e ci è sembrato che non potesse essere altrimenti.


di Andrea Porcelluzzi


COMPAGNIE


IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale