Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


La voce nella tempesta. ''Causa di beatificazione'' di Massimo Sgorbani



In primo piano, sulla sinistra, una giubba rossa, forse un soldato in posizione di riposo. Il soldato, primo spettatore, osserva una donna seduta poco più in là: il seno scoperto, un bambino tra le braccia. In mezzo a loro solo macerie, mentre un temporale si avvicina. È La tempesta di Giorgione proiettata sul fondo del piccolo teatro della Scuola Holden di Torino, rievocata con un pizzico di dissacrante ironia all'inizio dello spettacolo Causa di beatificazione di Massimo Sgorbani, regia di Michele Di Mauro. Questo concerto «per voce e tempesta» ha debuttato in prima nazionale all'interno del Festival delle Colline Torinesi, parte di un programma interamente dedicato alle declinazioni del viaggio, alle migrazioni umane. In scena vediamo Lei (Matilde Vigna), di spalle, la zingara del Giorgione, la Madonna lactans dell'iconografia cristiana, ma priva dell'aureola e lontana – almeno per adesso – dalla beatificazione. Lui (Giulio Cavallini), appoggiato al manico di una scopa, la osserva stringere in grembo un fagottino che si mostrerà vuoto, simbolo di una mancata maternità – tema dominante nello spettacolo – e filo rosso capace di tenere insieme tre storie diverse.
Causa di beatificazione è diviso in tre canti in cui ogni protagonista è destinata alla sconfitta. Il rapporto che le tre donne instaurano con l'essere madre è un rapporto venuto meno, una maternità subita e, qualora desiderata, irrealizzabile. La protagonista del primo canto è una giovane di Prishtina costretta a prostituirsi per poco durante la guerra del Kosovo, ancora una bambina con «il cervello di formaggino e i pensieri di figurine», una beata dalla minigonna arancione innamorata del soldato venuto dal cielo, come le bombe, che con altrettanta irruenza esplode dentro di lei. Quell'amore come «un treno blu e veloce» le cresce nella pancia insieme alla disattesa promessa di essere portata via. Non le resta allora che sporcarsi di beatitudine, espiare la colpa guardando da lontano il bambino che non ha potuto crescere. La seconda storia prende ispirazione dalla figura di Wafa Idris, la prima donna kamizake nel conflitto israelo-palestinese. Sulla protagonista pesa l'onta più grande che si possa immaginare in un mondo dove l'infertilità è peccato: il suo è un grembo di sabbia, un guscio vuoto. L'unica redenzione possibile è partorire una bomba, così da potersi dissolvere mettendo al mondo il suo bambino. L'ultima storia è ispirata alla mistica Angela da Foligno e racconta di una suora col velo di pelle a cui viene strappato il figlio dal ventre. Frutto nato da un seme che lei rivendica come divino, perché «l'amore non ha bisogno di cielo per scrosciare, l'amore cola dai muri, e cola anche dalle labbra spaccate» delle punizioni corporali.
L'illuminazione è mirata, significante, numerosi sono invece gli elementi scenici, forse troppi, che rendono lo spettacolo strabordante. A questi si aggiunge una ricca colonna sonora che rischia a volte di risultare didascalica. La lingua di Sgorbani, infatti, è già viva e vibrante di sonorità, la sintassi pregna di un fortissimo flusso musicale.
Lo spettacolo ci racconta della crudeltà terrena e dell'indifferenza divina resa onnipresente dalla furia del temporale che unisce i tre monologhi. La silenziosa figura maschile è un non-personaggio, perlopiù servo di scena, osservatore passivo di una poliedrica Matilde Vigna che si dimostra capace di incarnare con asciuttezza le diverse sfumature di un'unica donna. A Cavallini va però il merito dell'articolata struttura di immagini e video (anche in presa diretta) che accompagna l'intero spettacolo, creando un alter ego dell'attrice sullo schermo e un gioco iconografico di rimandi pittorici.

Marzio Badalì


Spettacolo visto a Torino il 15 giugno 2018
Articolo pubblicato il 16 giugno 2018



Causa di beatificazione
di Massimo Sgorbani
regia Michele Di Mauro
con Matilde Vigna
adattamento e progetto sonoro Michele Di Mauro
luci e scene Lucio Diana
video Giulio Maria Cavallini
suono Alessio Foglia
make up artist Katerina Di Mauro
studio di registrazione Arca Studios Torino
factotum Elvis Flanella
produzione Teatro Piemonte Europa / Festival delle colline torinesi

           

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale