Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Per tutto il tempo del teatro. ''Un quaderno per l'inverno'' di Civica


Un attore mette le dita a forbice, l’altro dietro di lui mima una chiave che gira nella toppa. Massimiliano Civica inventa un incipit che è un lazzo registico per dichiarare la necessità di sospendere l’incredulità. Come quando si apre un libro di poesia, lì dentro ci si può anche trovare la vita, si può piangere ridere e capire (oppure no), solo a patto che la vita la si voglia cercare in delle file ordinate di caratteri, in rime, assonanze e ritmi che si fanno significato.
In Un quaderno per l'inverno un ladro entra in casa di un professore, una settimana prima gli aveva rubato il personal computer, ora lo cerca perché si è convinto che il letterato possa salvare la sua moglie in coma; ascoltando alcune poesie trovate nel suo quadernetto, infatti, la coniuge in fin di vita aveva dato segni di risveglio. Questo e poco altro sappiamo, di fronte a uno spazio rigorosamente vuoto, un palco che al debutto al Fabbricone di Prato si presentava spoglio e immenso, occupato solo da un tavolo e due sedie, un palco che in occasione della replica del febbraio 2017 a Castelmaggiore, nella bella stagione Agorà diretta da Elena Di Gioia, è vicinissimo e piccolo, eppure i due personaggi mantengono anche qui una distanza di sicurezza da un realismo immediato. Il ladro vorrebbe altre poesie ma il professore confessa di non essere che un dilettante, certamente non un poeta.

Siamo di fronte a due attori. Luca Zacchini, il ladro, ride sornione e allunga le frasi quasi cantilenando, al confine col biascichìo; indossa un giubbotto sintetico e una berretta invernale. Alberto Astorri siede composto, indossa giacca e pantalone marron-intellettuale, guarda spesso di fronte a sé, osserva il vuoto, sembra che lo attraversino pensieri gravi. Stava portando in casa una sportina di arance che gli resta in mano e appoggia sul tavolo. «Taglio un paio d’arance e me ne vado», dice il ladro sedendosi, discorrendo amabilmente, dopo avere atteso le nuove poesie dal professore. Taglia le arance per davvero, ne esce una spremuta divisa in due bicchieri. La bevono. Un quaderno per l’inverno è uno spettacolo icastico: quel che si dice vien fatto, le battute paiono descrizioni da compiere letteralmente. Eppure il suo valore sta esattamente in ciò che sta attorno alle parole, in quel senso di “perdita” che i due attori trasmettono inseguendo i personaggi. Si produce una specie di ineffabile malinconia: a un certo punto uno parla della giornata di «domani», una giornata «terribile» che noi non vedremo mai, la possiamo solo immaginare, prevedere, fantasticare. Perché sarà terribile? Non lo sapremo.
Il tempo che vorremmo avere per conoscerli è il tempo che non ci sarà dato, e qui la perdita diventa tutta nostra, spettatori con in mente qualcosa che non potremo vivere. Giunti a questo punto è Armando Pirozzi, l’autore del testo, a fabbricare un artificio letterario e scenico, in una parola drammaturgico. Ci trasporta insieme ai personaggi a «otto anni dopo», mentre in scena passano 30 secondi e la tavola viene pulita dai resti della spremuta.

Otto anni e trenta secondi dopo il ladro torna a fare visita al “suo” professore. Si è risposato e ha avuto un figlio. Entrambi hanno pensato spesso a quella notte, a quel frammento che se fossimo in Ibsen o Cechov avrebbe cambiato il corso delle loro vite, se fossimo in Pinter sarebbe stato presagio di accadimenti nefasti, se in Ionesco avrebbe invitato a farci beffe di un reale imperscrutabile. Qui però «scrivere non serve a niente» e l’arte non cambia il corso del tempo, se lo erano detti anche prima, anche otto anni prima. Sorge allora un sospetto. Se l’arte non serve a niente, cosa ci facciamo lì seduti in platea? Forse questi personaggi trasparenti ma anche opachi non stanno davvero dialogando fra loro, ma è alle nostre vite di spettatori che si rivolgono?

Un quaderno per l’inverno è uno spettacolo che assomiglia a una dichiarazione di poetica. Reticente, forse, sottile come un preziosismo, ma quale asserzione che punta al fondo delle cose può essere formulata altrimenti? Nasconde fra le righe la ricerca di un senso, la stessa che ci spinge ad aprire un libro di poesie, qualcosa che sembra chiamare in causa proprio il teatro, la sua necessità in un mare di finzioni: possiamo, e come, essere “davvero presenti”?

di Lorenzo Donati


COMPAGNIE


IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale