Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Scuole differenti e partecipazione civica alla periferia di Bologna



Entrando al DOM la sera di sabato 17 marzo si poteva assistere a una scena inusuale: nel foyer del teatro – la “cupola del Pilastro” - stava in attesa dell’incontro un nutrito gruppetto di operatori sociali, insegnanti, famiglie (adulti, bambini e ragazzini) del quartiere. Tutti lì attesa dell’incontro “Scuole differenti” in cui insegnati, educatori e volontari del Pilastro erano chiamati a ragionare dei luoghi di educazione e formazione (istituzionali e non) presenti nel quartiere. Fin da subito è apparso chiaro che si trattava di un appuntamento insolito, inusuale, una eccezione nella nostra città in cui gli spazi culturali (ma lo stesso si potrebbe dire per il sociale o per la politica) sono sempre frequentati da un pubblico ben definito (giovani, studenti, addetti ai lavori, bolognesi di estrazione sociale e culturale medio alta) e molto raramente si aprono e sono permeabili ai territori (le periferie) e a popolazioni che solitamente ne sono lontani. Operatrici della scuola di italiano per donne CESD, gli educatori dei servizi educativi territoriali e dei centri giovanili, gli operatori del Centro Documentazione Handicap che lavorano in quartiere sui temi della disabilità e la dirigente dell’Istituto Comprensivo 11 hanno raccontato le loro pratiche, le fatiche e le soddisfazioni, le motivazioni del loro agire e il contesto in cui si trovano a portare avanti le loro pratiche. Il tutto partendo dalla domanda sulle “scuole differenti”, sugli spazi di educazione e formazione del Pilastro. In parte racconto e in parte dialogo e confronto tre realtà molto diverse e di solito distanti, è stata una discussione critica, ricca di spunti, mai banale né autocelebrativa.
Cosa porta una cinquantina di persone nella estrema periferia cittadina a partecipare a un incontro del genere alle 19:00 di sabato sera in uno spazio culturale che si occupa di teatro contemporaneo? Quanto spesso capita di vedere attivisti e lavoratori del sociale ragionare del loro lavoro e del senso di quello che fanno in un teatro di periferia? Nella Bologna che non fa che parlare (non sempre a proposito) di lavoro di comunità trovare una risposta sensata può essere un esercizio utile.



Come ogni serata della rassegna all’incontro è seguito uno spettacolo: Vivo a Bologna ma abito qui. Un reading collettivo durante il quale cittadini o frequentatori storici del Pilastro hanno letto i bellissimi racconti che bambini e ragazzi delle scuole del quartiere hanno prodotto nelle settimane precedenti. Anche questa seconda parte della serata è stata molto partecipata, con numeroso e vario pubblico che ha ascoltato con attenzione i semplici ma potenti e lucidi racconti sul quartiere in un crescendo via via sempre più coinvolgente e appassionante.
In questo semplice ma riuscito esperimento della compagnia Laminarie, l’aspetto che più ha colpito era la genuinità dell’ambiente: sia gli organizzatori della serata sia chi, a vario titolo, ha partecipato ha a cuore uno dei quartieri più famosi e difficili della città e ha approfittato di questa occasione per ritrovarsi e ragionare sulle pratiche e sui pensieri che le animano. I racconti dei ragazzi e dei bambini hanno poi dato una immagine del Pilastro ricca, colorata, complessa e articolata, molto lontana dai racconti che di solito si fanno di questo quartiere, lontana dalla spettacolarizzazione della marginalità delle periferie, lontana di safari alla ricerca di disagio e sventura (dopo il boom della serie tv le vele di Scampia sono ormai inserite nei tour turistici di Napoli). Un racconto in grado di incuriosire e spiazzare chi conosce il quartiere solo di fama.



Quello che si percepiva era una tensione e un lavoro comune, un processo del quale chi era lì è parte. Questi percorsi di quartiere, questo territorio si sono raccontati tra loro e agli spettatori (chi, come me, non vive e non lavora al Pilastro) con grande forza e lucidità, senza narcisismi o pietismi, cercando di aprire orizzonti o, almeno, di insinuare dubbi.
Era percepibile un altro grado di partecipazione civica di tutti (anche dei bambini e ragazzi che hanno partecipato attivamente a tutta la serata), una condivisione delle fatiche e delle potenzialità del proprio territorio. Una dimostrazione che agire in ottica territoriale (comunitaria come si dice oggi, ignorando spesso le enormi implicazioni che questo termine porta con sè) non è qualcosa che si possa attuare dall’alto per decreto, ma è fondamentale stare nei contesti, costruire relazioni, darsi momenti di riflessione e confronto su pratiche e contesti comuni.
Era inoltre plasticamente rappresentato come una istituzione culturale possa (debba?) dialogare e aprirsi ai luoghi che gli sono prossimi, che lo riguardano, per poter dare vita a eventi e processi culturali che siano realmente pubblici e sociali, per trovare chiavi di lettura dei luoghi della nostra città, per mettere in discussione cronache e narrazioni dominanti sempre parziali e a senso unico.

Luca Lambertini

           

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale