Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Dispacci dalla catastrofe #03. Vania degli Oyes, in attesa che il vento soffi



Dal buio della platea delle figure si arrampicano disordinatamente per salire sul palco. È un gruppo di giovani ragazzi, maschi e femmine, composto dai partecipanti del laboratori tenuto da Oyes. C’è chi si incontra dopo tanto tempo, ma l’entusiasmo iniziale sfocia in un saluto malinconico: la loro vita non sta prendendo la piega che vorrebbero. Altri vanno a pescare anche se non sono mai riusciti a prendere un pesce, eppure lì, in quella barca isolati dal mondo, stanno bene. Appaiono come tanti “io” che rivendicano la loro presenza, il loro breve vissuto. Scherzano, e noi ridiamo della loro ironia mista a ingenuità. Ai colloqui di lavoro, quasi in una gara per il più forte e il più bravo, ostentano sforzi e conquiste. Una sicurezza, la loro, che presto si rivela mero scudo contro quel senso di impotenza di fronte ai sogni infranti nel vuoto delle possibilità. Sono singole individualità in cerca di futuro, ma faticano. Faticano a fare una lavatrice, a capire l’arte concettuale, a imporsi, a sognare, a credere, a trovare se stessi. Faticano semplicemente a esistere. Allora capiamo perché indossano quelle magliette lacerate da profondi strappi. Improvvisamente li vediamo schierati compatti di fronte a noi. Ci guardano. Eccoli, ci sono esistono. Non soli, ma in gruppo: individui diversi, uguali nell’affrontare il presente. A questo infatti è lanciata la sfida. Forse insieme qualcosa può cambiare.

***

Come sopravvivere alla vita? Il trentacinquenne Ivan se lo chiede. Non si sente né abbastanza vecchio per mollare, né così giovane da ricominciare. Come riempire i prossimi anni?
Vania,  spettacolo della compagnia milanese Oyes con regia di Stefano Cordella, racconta il senso di sconfitta e l’amarezza di una famiglia alle prese con il coma del padre Sergio, di cui avvertiamo la presenza solo dal soffio del respiratore. Quattro mura, tre generazioni a confronto, tutte vite in sospeso: chi nel tentativo di recuperare se stesso, chi nell’esitare davanti al futuro, chi tra la vita e la morte. Ecco ciò che rimane dello Zio Vania di Cechov: l’insoddisfazione per una vita che non si sente vissuta appieno in un presente che, oggi come ieri, anche se per motivi differenti, pare vuoto, assente, fermo. La porta in fondo al palco, appare come la sola via di fuga, l’unica speranza di un cambiamento. Chi esce, tuttavia, subito rientra. A ravvivare la casa soltanto il simpatico zio Ivan, appassionato di calcio e un gran burlone. Ha un amore smisurato per la nipote Sonia, a cui augura il meglio e di cui disapprova le serate di sballo. “Ai suoi tempi” sapevano come divertirsi, lui e il dottore: un po’ “alticci” per l’alcol, ricordano simpatici episodi giovanili. Il riso però lascia presto il posto alla nostalgia: dove sono finiti quei ragazzi spensierati e pieni di sogni? Perché ora sono così infelici? Se lo chiede anche Elena, sempre  glaciale e composta per mascherare il suo tormento, così sentito da tentare il suicidio sottraendo una fiala di morfina dalla borsa del dottore. Innamorata senza speranza di quest’ultimo, Sonia è l’unica che, nonostante le insicurezze, riesce ancora a sognare: ama cantare, vuole partire per Londra, farà la cameriera intanto, poi chissà. In fondo, però, si sente sconfitta in partenza: perfetta esemplare della “Generazione Né Né”, non studia né lavora, non parte né resta. Sente il peso dei “padri” che invece di farsi da parte sopravvivono, costringendo anche i “figli” al “respiratore” che li tiene in vita. È un passato che invece di farsi memoria, vorrebbe ritornare; sono “padri” che non riescono a lasciare ai figli un’eredità da soggettivare per tracciare nuovi percorsi. Sonia se ne andrà, ma presto rientrerà da quella porta sullo sfondo, restituendo allo zio una piccola luce nel buio in cui tentò di spegnere il respiratore del fratello. Il suo respiratore. Ora insieme proveranno a dare un senso al proprio presente. Qualcosa prima o poi accadrà. Se ne stanno fermi come alberi, in attesa che il vento soffi e muova le foglie.

Ilaria Cecchinato

 

COMPAGNIE


IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale