Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Dispacci dalla catastrofe #01. Sotterraneo, una risata prima della fine



Bendati, avanzano a tentoni sul palco sbucando da una porta stretta: si apre così quest’anno il Festival 20 30, con i giovani del laboratorio Alive curato da Sotterraneo. In scena l’Apocalisse imminente – d’altronde alla Catastrofe è intitolata questa quarta edizione – eppure il giudizio universale ha un po’ i tratti del casting, un po’ dell’esperimento sociale, ultimo divertissement prima della fine. Il campionario casuale dell’umanità ne rivela con ironia sfaccettature personalissime e universali assieme: l’amore è un origami nelle mani di un cieco; la società una pistola carica, pronta a sparare al primo passo falso. C’è chi si candida alla salvazione perché è «very creative», chi «è il mio compleanno», chi punta alla gola offrendo pizzette o portando la nonna padrona dei fornelli, chi fa l’attore… e che vergogna. Nessuno si salva – solo gli spettatori, che si scoprono passeggeri già imbarcati sull’astronave pronta al decollo – e ai candidati non resta che godersi la fine del mondo. Il tempo si condensa, scandito gravemente dal Requiem di Mozart, ogni movimento si fa lento ma inesorabile mentre tutto crolla, ogni simbolo è sradicato – sia esso il Dalai Lama o Brad Pitt – fino al candore assoluto dell’estasi ultima... giusto il tempo di indossare un paio di Ray-Ban.

***

Segue breve intervallo, un momento per sgranchirsi, salutare qualche viso familiare – visi giovani, avvistamenti rari tra le ellissi dei teatri all’italiana – poi si abbassano nuovamente le luci e cala il silenzio.



                                                                                             Un peto. Un altro peto. Una sequenza, intervallata da risate a macchia di leopardo in sala. «Benvenuti a Homo Ridens». L’espediente inizialmente avvertito come provocatorio viene ora svelato: trattasi del test del peto per la misurazione dello stimolo risorio; gli attori di Sotterraneo sono già in scena allora… e il pubblico con loro. La performance è studiata per calzare ogni volta sulla platea, che ne scandisce tempi e svolte attraverso il mezzo tutto umano del riso. Quanto fa ridere la foto di migliaia di cadaveri essiccati al sole pallido di Bergen-Belsen? Una mano sbranata tra le macerie dell’11 settembre? Un bambino africano malnutrito e sullo sfondo un avvoltoio incombente? Dipende. Con la giusta didascalia… Risultati preliminari suggeriscono che il pubblico del 20 30 è «obiettore riflessivo». Si può ridere della morte? Basta un attimo e un suicidio si trasforma nella caricatura di se stesso, vittima di insuccessi in sequenza. Inceppandosi, tradisce gli intenti, li sdegna e li espone all’inatteso, innescando la risata e accrescendola nel parossismo di tentativi a ripetizione. Lo stesso col teatro: in scena si susseguono sconfinamenti ed equilibrismi tra finzione e realtà, si ride perché «in fondo è solo un gioco, non è reale»; ma si ride anche per l’esatto opposto.
Che c’è da ridere? La tradizione cristiana altomedievale denigra il riso: è bestiale, demoniaco. Gesù non ride mai! Allora proviamo col gas esilarante! Il riso è dissacrante. Il riso è anche – solo? – chimica. Si ride di fronte all’assurdo; ma quando la storia assurda di un amico serial killer ricalca terribilmente la cronaca dei nostri tempi la bocca si allenta nello sgomento. «Decine di morti… e 14 papere!» Si ride di nuovo, per le papere certo, ma in fondo per esorcizzare tutto il resto, che ci tocca così da vicino. Si può ridere della malattia, altrui per giunta? Ancora un amico, malato terminale stavolta. Non c’è niente da ridere di fronte alla sofferenza… eppure il pathos delle sue ultime parole naufraga in un farfugliare lagnoso e incomprensibile: diventa comico. Quale nesso tra riso e violenza? Molti i fattori su cui giocare: di nuovo la finzione, i ruoli, la scelta della vittima (tra gli attori, tra gli spettatori), la durata, l’iterazione. Dopo Nietzsche e la patristica è il momento di Bergson: il riso è un meccanismo di simpatia tra i ridentes, sotto forma di apnea emozionale, uno schermo per tutto ciò che spiazza, che dirotta, che spaventa e turba l’equilibrio della norma. Teatro Sotterraneo raccoglie i dati, meticolosamente, mentre il pubblico sorvola sulla cornice “scientifica” e a sua volta diviene performer, abboccando compiacente a tutte le esche risorie.
È l’ora del referto: a parità di trattamento, Bologna reagisce con maggiori stimoli risori rispetto a Santarcangelo di Romagna. Applausi. Si insinua un adagio, in forma di dubbio: risus abundat…

Gianluca Poggi

 

COMPAGNIE


IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale