Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Rambert e la critica al teatro contemporaneo


Pascal Rambert, L'arte del teatro (ph Luca del Pia)

Un attore espone al suo cane i propri pensieri riguardo al teatro e ricorda le sue esperienze dentro e fuori la scena, che diventano occasione di riflessione sulla situazione contemporanea di questa pratica artistica. Ne L'arte del teatro, Rambert ci parla infatti della delusione di fronte ai cambiamenti del teatro contemporaneo, e di come essi siano evidentemente anche specchio della attuale condizione sociale.
In una scenografia fondamentalmente inesistente vediamo il soliloquio autobiografico di un attore che, ormai verso la fine della carriera, cerca nel proprio cane un “luogo” dove essere accolto, dove poter raccontare di sé e del proprio percorso artistico. Tra nostalgia e rammarico, le parole danno vita a un tempo che si auto-rigenera ma che non ristagna: la dimensione irriproducibile del qui e ora.
Staccarsi dal testo significa vivere il momento presente, e questo substrato teorico lo ritroviamo nei richiami all'Arte del teatro di Craig, che vede l'opera teatrale come un testo scenico scritto attraverso la fusione di diversi elementi che ne costituiscono la base linguistica. Egli propose l'abolizione del testo letterario, ma non della parola, che invece deve scalzare il primato del testo e rilanciare il valore della scena.
Il protagonista, qui interpretato da Paolo Musio, rivede nel proprio passato i valori di un'attorialità genuina, tesa alla comunicazione e a un confronto col pubblico che è necessità antropologica ancor prima che estetica, tanto da parlare di un metaforico scambio di sangue, come rappresentazione dell'interiorità umana caratterizzata da un profondo bisogno di reciprocità.
Ricorda anche del proprio rapporto con le donne e con la giovinezza, dove la giovinezza diviene appunto possibilità di ricreare il tempo che invece è ora sempre più fuggevole. Ma la giovinezza così pura e leggera è anche rappresentazione dell'arte vista come qualcosa di superficiale: come mero desiderio di emergere non tanto come artisti del teatro, quanto sul profilo narcisistico della desiderabilità sociale.
Rambert, registra e drammaturgo francese, sembra fare, seppur indirettamente in questa sede, riferimenti alla propria patria come culla del teatro drammatico e della pièce bien faite, che pare essere richiamata qui con il nome di gioventù, e messa in contrapposizione all'età della maturità, con quelle che furono quindi le drammaturgie della crisi.
Una narrazione che utilizza la biografia del protagonista come pretesto per parlare della situazione del teatro contemporaneo e di come esso si sia modificato nel tempo. La critica al testocentrismo, che percorre tutto il monologo, mette in luce il bisogno di ritrovare sempre di più un contatto diretto e viscerale col pubblico, esprime l’urgenza di un teatro che si distacchi da un processo preventivo e che diventi sempre di più teatro consuntivo, dove il momento di produzione diviene prioritario rispetto alla rappresentazione stessa, dove i segni si stratificano diventando autonomi veicoli di senso, il cui unico mandato diviene comunicare con lo spettatore.
Una toccante riflessione sulla frammentazione del teatro post-drammatico, sul tempo che scorre, sull'amore per l'arte, sottolineati dalla presenza del levriero che, col suo impassibile stare in scena, diviene simbolo muto della provvisorietà dell'esistenza.


Ilaria Mazzari

 

COMPAGNIE


IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale