Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Hedda Gabler delle Belle Bandiere

L’Hedda Gabler di Henrik Ibsen è forse uno dei drammi più sibillini, più controversi e allo stesso tempo affascinanti del drammaturgo norvegese. Qui la protagonista, eroina diabolica e demistificante, diventa il centro intorno al quale si muovono meccanicamente le vite degli altri personaggi. Hedda Gabler è una donna-vittima del mondo borghese familiare a Ibsen, con anello al dito e salotto predisposto su misura ad accoglierla. Ma Hedda è anche, allo stesso tempo, martire delle sue stesse velleità improduttive, delle sue impertinenze accontentate alla lettera dal marito, donna perduta in un eden a cui non sente di appartenere. Ma chi è Hedda Gabler per noi? Ce ne dà una versione Elena Bucci delle Belle Bandiere che, con la collaborazione alla regia di Marco Sgrosso, intesse una messinscena in cui alle parole nette di Ibsen si sposano perfettamente i movimenti lenti dei personaggi, sempre tutti in scena, come alghe fluttuanti soggiogate dalle onde del mare. Sul fondo sette sedie e sette attori: oltre c’è l’invisibile, ciò che viene descritto dalla didascalia iniziale del testo, detta alternativamente da tutti i personaggi in scena. A seguire una sfilata fatta di duetti danzanti, lenti e posati, stanchi. Sembra di vedere un quadro di Münch, uno degli ultimi anni: uomini e donne perduti, svuotati, anime ipnotizzate dalla vita, che camminano a rilento, seguendo traiettorie che portano altrove, mai qui, mai ora, stagliati nel luccicare della scena, disadorni, come usciti da un balletto espressionista. Si fa portatrice di una dannazione misteriosa questa Hedda del nostro secolo, afflitta da una dolorosa esclusione dall’amore e dalla felicità; dentro di lei un groviglio di vipere che si attorcigliano intorno alla sua repressione. Elena Bucci, in abito sensuale color prugna, langue e ferisce sulle note di un tango lontano, attraendo tutti i protagonisti in una danza di morte.

La risposta scenica delle Belle Bandiere si gioca tutta sul contrasto tra Hedda e il micromondo in cui si ostina a vivere, non cercando alternative ma destabilizzando le vite degli altri. È evidente quindi che la messinscena non simboleggia l’eterno conflitto tra la donna vittima e l’uomo padrone, che tanto è stato cercato e a volte trovato nel teatro ibseniano, ma è forse la degenerazione del capriccio femminile, un’eterna competizione senza tempo né luogo con se stessa in quanto donna, in cerca di una stabilità individuale, personale, intima, prima che sociale.

Alla luce di queste considerazioni, l’Hedda Gabler della Bucci è una donna annoiata, tanto cinica quanto infame, oppure un’atipica ribelle, unica consapevole dell’ipocrisia in cui vive, in lotta col finto benessere che la circonda?
Dopo aver realizzato il desiderio di manovrare la vita di Lovborg, Hedda si uccide. Trattasi di un gesto che sancisce la sconfitta dell’antagonista o invece dichiara l’estraneità di un personaggio a quel mondo insano in cui si continua tristemente a danzare? Le risposte restano nell’aria, tra il tragico balletto giocato intorno alle sedie, bicchieri di vino scolati e due pistole lucide che riflettono la luce.


di Paola Gnesi


COMPAGNIE


IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale