Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Il cosmo e lo spaesamento. ''Across the universe'' di Chiara Renzi e Daniele Bonaiuti



Di fronte a un pubblico giovane, ci si chiede come sia possibile proporre un teatro che non si risolva nel divertimento, pur contemplandolo, che non si limiti al gioco, pur mettendolo al centro. In quelle due ore mattutine in cui sono convocate classi di scuole secondarie come porre domande che non garantiscono risposte consolanti, capaci di produrre uno spaesamento vero, di restare nei pensieri di ragazzini e ragazzine? Chiara Renzi e Daniele Bonaiuti, con Across the universe, spettacolo prodotto dal Teatro delle Briciole, fanno reagire fra loro gli elementi di base del teatro: due attori, uno spazio vuoto, musiche, luci ed essenziali elementi scenografici. Dall'alto cade all'improvviso con grande tonfo un cuscinone marrone: è un meteorite, che più avanti passerà in miniatura sul fondo, come volando, trascinato da corde e carrucole. Una sequela di “scenette” giustapposte danno sostanza a un arco narrativo che parla del mondo che ci circonda, del cosmo e delle camerette di ognuno di noi, dell'amore e dell'amicizia, della quotidianità e delle distanze reali e immaginarie. Un occhio di bue illumina una porzione di spazio, al centro c'è una donna, una voce off cinematografica chiede: «Hai sessanta secondi, stai per morire, cosa fai?».

Siamo a Parma, al Teatro al Parco gestito dal Teatro delle Briciole, realtà che da trent'anni dialoga con i pubblici giovani e giovanissimi producendo linguaggi della scena con il coraggio di porsi le domande dell'infanzia, dunque le domande di tutti (dal CollettivO CineticO a Mirto Baliani, da Beatrice Baruffini al Teatro Sotterraneo, gruppo con il quale Renzi e Bonaiuti hanno collaborato come attori per La repubblica dei bambini). Cosa faremmo, se avessimo un minuto di vita? Tale domanda resta inevasa, ma imprime la sua tensione sugli sviluppi narrativi che verranno. È una domanda “adulta”, siamo noi a imporla a chi è più piccolo, chiudendo in un unico scopo le avventure della crescita. Due attori dialogano fra loro e inventano situazioni drammatiche intercalate da musiche e momenti di buio, creando personaggi la cui consistenza teatrale “si vede” grazie a un meccanismo di cambi di scena serrati, evitando così scivolose psicologie. Una ragazza si rivolge agli spettatori, sta per iniziare una spiegazione scolastica sulla conformazione dell'universo. Si alza un uomo, le dichiara improvvisamente il suo amore, canta a squarciagola «Il più grande spettacolo dopo il big bang siamo noi» di Jovanotti, ma lei non accetta, non lo ama. Primo spaesamento. Buio. Entra un astronauta, dice che è solo grazie al teatro che noi possiamo immaginare che di fronte a noi ci sia un vero astronauta. Lui sta per partire, i dubbi lo assalgono, ha paura, forse non parte. Secondo spaesamento. Poco dopo entrano due col casco da viaggiatori nello spazio, l'attrice svolge un metro retrattile, l'uomo esce da una quinta, descrive quello che vede, dice di stare salendo, il metro viene puntato verso l'alto e ci proiettiamo nel cosmo, la voce off di lui osserva la terra dal cielo dialogando con la donna rimasta di fronte a noi, col suo metro, alla misura delle nostre altezze. In audio Bowie chiama il Maggiore Tom, la distanza siderale diventa qualcosa che si vorrebbe colmare, un legame fra una coppia separata.

Altro cambio scena, questa volta compare sul palco un tappetino verde d'erba, un fazzoletto, un metro quadro di terra, un giardino da condominio per fare ginnastica e yoga. I due discutono attorno ai “perché”: che senso ha rifare il letto tutti i giorni, se poi tutti i giorni andiamo a dormire? Dal cosmo torniamo al quotidiano, alla città, con un'infanzia che non ha paura di porsi domande grandi, di chiedersi il perché di tutto, a partire dalle coperte della cameretta per giungere al senso della vita. Questa ci pare una della peculiarità che spicca in Across the universe, il coraggio di porre interrogativi che non hanno risposta, insinuando grandi dubbi, questioni capitali, forgiando immagini non semplici da incasellare, come quando entra uno scimmione, salgono le percussioni di Wagner come in 2001: Odissea nello spazio e l'animale porta con sé il pugno blu con l'indice alzato, l'arcinoto “like”: visione che fa stridere una sensazione da alba dell'umanità con l'iperattualità mediale che occupa l'immaginario di tutti. Incontriamo diversi altri personaggi, vecchietti che discettano sul cosmo, starlette televisive, maratoneti che vorrebbero misurare i confini dell'universo, prima del finale che torna all'inizio, in un cerchio che si chiude e ricomincia. Questa volta è l'uomo a trovarsi solo al centro di un fascio di luce, c'è sempre un solo minuto prima della morte, la risposte al “che cosa fai” in questo minuto sono confuse, vaghe, balbettanti. La bella notizia è che restiamo spaesati in un presente teatrale che parla dell'universo, dove insieme a un centinaio di ragazzini stiamo osservando solo due attori.


di Lorenzo Donati
 

IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale