Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Dal Belgio, quasi alla fine del mondo: ZVIZDAL di Berlin
Questo articolo fa parte della rubrica "Nostra patria è il mondo intero. Segnali di ri-generazione (o degenerazione)", che guarda alle realtà cresciute nel nostro secolo, artisti trentenni e quarantenni di cui ci interessa comprendere meglio gli elementi di cambiamento e di rottura. E soprattutto le contraddizioni che rappresentano.


Berlin, ZVIZDAL (ph Frederik Buyckx)

Il nome del gruppo potrebbe mettere fuori strada. Gli autori di ZVIZDAL, visto all'ultima edizione di Drodesera Festival nell'estate 2016non sono tedeschi, ma hanno sede ad Anversa e sono tra le realtà artistiche più interessanti del Belgio. Sempre a Dro Berlin ha presentato nel 2014 Perhaps All The Dragons, ma in giro per i festival europei è facile incontrarli con molti loro lavori. Negli ultimi anni si sono specializzati in proposte artistiche originali, nelle quali la scena è per lo più occupata da video e la dimensione teatrale è ri-articolata nella relazione che si cerca di ottenere con lo spettatore o nella presenza di alcuni performer o, molto più di frequente, di oggetti scenografici, che offrono dinamicità alle proiezioni. Ma siamo già ai confini del teatro e ci affacciamo anche su altri linguaggi. Il nome “Berlin” è soprattutto la spia di una poetica: si sceglie una città, anzi ci si chiama come quella che, almeno per tutti gli anni zero, è stata la città per eccellenza da vivere e da scoprire. E la città è la costante di tutti i progetti che Berlin riconduce al loro ciclo “Holocène”, che sarebbe poi l’era geologica nella quale viviamo.
Rispetto all’utilizzo del video in scena, si fa solo in parte riferimento alla video arte o a particolari sperimentazioni, che in Italia portano quasi sempre alle opere di Studio Azzurro. Piuttosto il riferimento più chiaro e diretto è al cinema e in particolare a quel filone del documentario d’artista (o cinema del reale o docufiction…) che ha rappresentato una delle novità più vivaci nell’ambito artistico del nuovo secolo. E anche l’Italia ha espresso registi e artisti di primo piano (da Pietro Marcello a Michelangelo Frammartino a Alice Rohrwacher…). Qui però si utilizza ancora il teatro, come luogo di proiezione e come dimensione percettiva. Per queste ragioni è inevitabile mettere in parallelo il gruppo Berlin a ZimmerFrei, realtà bolognese molto impegnata anche a Bruxelles. In entrambi i casi la città (o un quartiere o addirittura una strada) è anche il modo di osservare da vicino una comunità ristretta di persone. Circoscrivendo il campo, puntando una lente di ingrandimento sui comportamenti umani, ecco che relazioni e reazioni quotidiane diventano pezzi di mondo, a loro modo esemplari e metafore a volte universali. In particolare Berlin è attratta anche da “dimensioni” estreme, cioè da realtà urbane distinte per caratteristiche uniche. In Bonanza si raccontava di una sperduta città mineraria del Colorado, composta di soli sette abitanti.


Berlin, ZVIZDAL (ph Alessandro Sala)

In ZVIZDAL (Chernobyl, così vicino, così lontano), per il quale a Berlin si è unito il lavoro della giornalista e drammaturga Cathy Blisson nel processo di ricerca, ideazione e scrittura, si esplora un villaggio ormai inesistente, perché evacuato dopo essere stato considerato altamente contaminato per l’incidente di Chernobyl, e abitato solamente da una coppia di ottuagenari. Per la precisione siamo a Zvizdal, distretto di Naroditchi, regione del Jitomir, Ucraina. Nel mezzo delle foreste russe, in un paesaggio riconquistato dalla natura, ma in maniera invisibile e intima compromesso dalle radiazioni nucleari, si ha l’occasione di conoscere, da vicino, questa strana coppia che, contro tutto e tutti (la famiglia, gli amici, il governo..) ha deciso di rimanere a casa propria, come se le radici della sua vita fossero così profonde da non poter essere sradicate. Questa ostinazione così incomprensibile, ma a suo modo del tutto “naturale”, rende i due protagonisti simili due anziane creature, uscite dalle fiabe russe, sempre oscillanti tra un passato così remoto, da perder le tracce, e un futuro nucleare, così vicino, da essere già presente.
Questa assurda sovrapposizione tra passato e futuro pare lasciare i segni profondi nei corpi solcati dal gelo, dal vento, dalla fatica, dalla vecchiaia e da una solitudine senza confini. Quando muoiono la mucca deperita e il cavallo scheletrico, crollano pezzi di mondo, preannunciando quasi la scomparsa umana. In questa situazione estrema si entra da visitatori, da intrusi, ma con tanto pudore, senza quasi mai apparire direttamente, ma lasciando intendere la costruzione di un rapporto di fiducia, che è anche la nascita di una relazione umana, che rende questo video altamente poetico e coinvolgente. In tal senso, tra i tanti registi, viene in mente Roberto Minervini con i suoi ultimi film-documentari (Low Tide, Stop The Pounding Heart, Louisiana), girati in situazioni di estrema periferia, non solo geografica, ma soprattutto umana e sociale.
Berlin con Cathy Blisson per cinque anni, dal 2011 al 2015, tornano a Zvizdal, tutte le volte senza sapere bene cosa e chi si troveranno di fronte. Ogni stagione, e soprattutto ogni gelido inverno, si porta via qualcosa, accelerando un irreversibile processo di declino. Eppure la vita umana – non si sa davvero come – sembra opporre resistenza: si sopravvive con una tenacia sorprendente. Pétro e Nadia accolgono i visitatori, come guardiani o custodi di un luogo, o di una convinzione; la coppia ottuagenaria infatti oltre a non voler lasciare la propria casa, ormai invasa dalla foresta circostante, perché il villaggio è disabitato da venticinque anni, e non c’è più anima viva nel raggio di decine di chilometri, neanche si arrende a sognare un ritorno, un ripopolamento del paese. Non sono contenti di stare soli, ma sembrano accollarsi l’intera responsabilità di rimanere presidio di energia sociale, di civiltà. In questa scelta radicale non c’è piano politico o elaborazione teorica, piuttosto dalle parole, dagli sguardi e dai gesti dei due anziani quella che può apparire demenza senile si fa poesia, la forza delle radici si trasforma in ostinazione lucida, coerente. Ma forse non è nemmeno così. I due anziani non possono andarsene, perché il loro habitat, la loro vita è proprio lì, in quel luogo specifico. Non sarebbero in grado di adattarsi, morirebbero, come pesci fuor d’acqua. Qui siamo agli antipodi di Henry Thoreau: non si sceglie la natura per sperimentare una vita semplice e di protesta contro il sistema, per non lasciarsi contaminare dalle scorie che la modernità produce. Al contrario si sfidano le scorie più nocive del contemporaneo, quelle nucleari, riattivando una lotta contro la natura, contro la propria vecchiaia e contro il prepotente e pericoloso sviluppo tecnologico, compiendo non una scelta esotica, ma cercando disperatamente di trattenere a sé quella vita, che la tragedia di Chernobyl ha strappato via. È un mondo antico, agricolo e di piccoli villaggi, che pareva eterno e invece si rivela al capolinea, e a questa fine c’è chi non si può rassegnare, fino a sfiorare la follia.


Berlin, ZVIZDAL

Della contaminazione nucleare, degli orrori di Chernobyl non si vede nulla. Le radiazioni sono invisibili. Piuttosto l’attenzione è rivolta a osservare la vita quotidiana di questi due anziani signori, impegnati a sopravvivere, coltivando un po’ la terra, dando da mangiare a qualche animale da fattoria, uccidendo i parassiti, proteggendosi dalle intemperie. Si entra dentro la vita di una coppia che, seppur in una situazione estrema, si esprime con i modi tipici di una coppia: tic verbali, grande consuetudine, tenerezze, espressioni ricorrenti, passato e scelte condivise… Sono sempre soli tranne un giorno all’anno durante il quale la zona contaminata viene aperta ai visitatori che si recano nel cimitero per ricordare i loro defunti. Un giorno solo all’anno che rappresenta l’occasione, attesa e desiderata, per i due anziani coniugi, di farsi aggiornare sulle vicende della comunità, sui propri familiari, su ciò che accade fuori di lì.
Tutto questo si racconta nel video che viene proiettato su uno schermo da cinema, con il pubblico seduto su due tribune, disposte a specchio, con lo schermo a dividere a metà lo spazio. Sotto il grande schermo sono posizionati tre modellini, che riproducono la casa dei due anziani coniugi, durante stagioni diverse. È una bellissima idea creare questo contrappunto tra gli enormi video e piccoli plastici. Peccato che il dispositivo scenico non sia sviluppato fino in fondo e l’opera sia fortemente schiacciata sulla proiezione video. In prospettiva una maggiore integrazione tra i diversi linguaggi e le differenti dimensioni potrebbe giovare molto alla scelta di una fruizione teatrale e, in qualche modo, “comunitaria”. Altrimenti rimane l’impressione di uno squilibrio, di pesi specifici non ben organizzati.
Quando vengono illuminati o quando si girano meccanicamente, rivelando dei piccoli video, inseriti nelle porte e nelle finestre, i modellini sono fortemente seducenti. Emerge un mondo in miniatura, esattamente come può apparire all’occhio che guarda l’orizzonte, a volo d’uccello; o più probabilmente come risulta dalla telecamera di un drone che, controllando l’area altamente contaminata, registra inaspettati residui di vita umana, là dove la scienza ha decretato i suoi divieti, le sue implicazioni estreme.

[spettacolo visto a Drodesera Festival 2016. Articolo pubblicato il 26 settembre 2016]


di Rodolfo Sacchettini


COMPAGNIE


IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale