Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Storie di dolore: Amleto a Gerusalemme di Paolini e Vacis



Si chiamano Alaa Abu Gharbieh, Ivan Azazian, Mohammad Basha, Nidal Jouba, Bahaa Sous. Vengono da Gerusalemme e non hanno bisogno di rappresentare le loro storie: basta raccontarle ad alta voce. Quello che si narra in Amleto a Gerusalemme, nuovo spettacolo firmato da Gabriele Vacis e Marco Paolini, è il dramma dei conflitti bellici e di quelli familiari, delle grandi migrazioni e dei piccoli spostamenti per dei ragazzi palestinesi che hanno avuto la (s)fortuna di nascere nella Città Santa, dove le esistenze ruotano intorno alla propria nazionalità - e nel loro caso si tratta di esistenze imprigionate.
In una scenografia di oltre duemila bottiglie di plastica vuote che sistemano, calciano e riordinano per tutto lo spettacolo, componendo e distruggendo la verosimile mappa della città e la metaforica violenza che la sovrasta, i ragazzi raccontano le loro esperienze in arabo, tradotti simultaneamente da due giovani attori italiani (Giuseppe Fabris e Matteo Volpengo) e da una ragazza italiana di origini palestinesi (Amwar Odeh) che sovrappongono le rispettive voci con effetti anche comici.
I ragazzi palestinesi sono stati selezionati dalla scuola di teatro che Paolini e Vacis hanno ideato nel 2008 e realizzato grazie al supporto del Palestinian National Theatre, del Ministero degli Esteri italiano e della Cooperazione internazionale per lo sviluppo. Un’esperienza che non si è conclusa con la fine della scuola, ma che ha portato a un esito teatrale, prodotto dallo Stabile di Torino, concreto nel documentare una situazione che tutti conoscono solo per la superficie mediatica, intelligente nel farlo senza retorica, senza violenza gratuita e senza farsi bastare il “classico” schema della narrazione teatrale; commovente nella poesia e nel dolore che i ragazzi svelano, puri, con le loro storie di antenati, amori e viaggi lontani, riuscendo a usare la leggerezza e l'ironia per scacciare il contesto drammatico che rimane comunque sullo sfondo, con le rovine proiettate sullo schermo alle loro spalle.



Tra chi spiega le difficoltà di muoversi in città con documento che reca nazionalità “indefinita”, chi ha avuto gravi problemi di tossicodipendenza, chi viveva negli Stati Uniti ed è stato costretto a tornare in Palestina per scelta della madre terrorizzata dallo stile di vita nordamericano (un ritorno sofferto con rabbia, anche se il ragazzo riconosce che in Usa sarebbe stato «più felice ma anche più stupido», perché «lo insegna la propaganda») e chi ha accompagnato il padre in una lunga ricerca dei fratelli scomparsi durante la guerra, in Amleto a Gerusalemme assistiamo alla “banalità del male” tramite le storie raccontate dai ragazzi con una normalità spiazzante per il pubblico occidentale, abituato a vivere tutt’altra confortevole quotidianità. Storie intrecciate da alcuni versi dell’Amleto di Shakespeare recitati durante lo spettacolo, aggiungendo ulteriore carica emotiva e poetica, soprattutto perché è il classico universale con cui i ragazzi si sono misurati, ritrovandoci i medesimi e complessi dubbi esistenziali.
Ma il vero legame tra questi frammenti lo impersona soprattutto Marco Paolini, che riesce a restare in significativa sottrazione rispetto ai ragazzi, raccordando i loro racconti, evocando ricordi, commentando le storie e unendole alla sua esperienza a Gerusalemme di cui non sente «la magia» che si attendeva, a causa delle infiltrazioni occidentali tra l’Ikea, i souvenir, le pietre finte che ricostruiscono una città più volte distrutta e i pellegrinaggi al muro del pianto descritto come «happy hour della preghiera» (alcune battutine ammiccanti e certi movimenti un po’ goffi restano dei piccoli eccessi forse fuori luogo, così come la scenografia meccanica dall’effetto “a bocca aperta” per colmare una chiusura drammaturgica un po’ sbiadita e strascicata, ma tutto sommato la regia riesce a evitare di ritagliare Paolini nel rischioso ruolo di salvatore/maestro/divo per far emergere e dare autonomia a quelli che sono i veri protagonisti, evitando che lo spettacolo risulti confezionato e mantenendone una certa freschezza laboratoriale anziché renderlo lo scontato esito di una scuola).
In definitiva, con Amleto a Gerusalemme il teatro torna a essere quel bisogno primitivo in cui sfogare il proprio dolore, condividerlo con l’altro e combatterlo con l’adrenalina. Un dolore qui non ostentato ma messo a nudo con semplicità, che riesce a farci ricordare delle domande e delle emozioni complesse che esistono così forti e lontane dal nostro piatto benessere.


di Alex Giuzio


COMPAGNIE


IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale