Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Le parole di Juan Mayorga, sognate per incontrare la gente


Non poteva che schiudersi teatralmente l’appuntamento con uno dei drammaturghi più interessanti della scena internazionale: ovvero da un esercizio di scrittura svolto in un laboratorio condotto da José Sanchis Sinisterra, a partire da una fotografia. Il copione dell'allievo Mayorga ruotava attorno agli interrogativi sollecitati dall’osservazione, riproducendo la problematizzazione della visione e l’immaginazione di elementi incogniti che dovrebbero innescarsi nello spettatore teatrale.

Proprio dal maestro Sinisterra, Juan Mayorga ha assimilato l’estetica della reflection: se suo perno è l’assioma che «il teatro presuppone la figura dello spettatore ed anzi avviene nello spettatore», corollario ne è «la sovranità dello spettatore». Ultimo anello di una catena che a partire dall’autore si snoda attraverso il regista, gli attori e i vari tecnici, il pubblico completa l’opera grazie alla propria immaginazione, prolifica in molteplici direzioni: visivamente, sopperendo all’astrattezza scenica; e soprattutto concettualmente, indagando le lacune relazionali messe in scena. Rispetto ad altre forme letterarie, «il testo teatrale ha dunque il privilegio di sapere più di quanto lo stesso autore sappia» perché «alcuni suoi aspetti sono disvelati o istituiti dal pubblico».

Mayorga rifiuta un teatro naturalistico che «oggi non potrebbe più competere con la televisione o il cinema»; le sue piéce richiedono allestimenti essenziali che, come il testo, «non siano ridondanti rispetto alla vita» e si sostanzino di «elementi carichi di necessità». Il minimalismo scenico implica forzatamente la fantasia spettatoriale ed esige attori virtuosi per capacità di convincimento e coinvolgimento in una complicità che si svincoli da ancore realistiche. In questo tratto estetico, leopardianamente fondato sull’indeterminatezza, Mayorga riconosce l’affinità elettiva del teatro con la poesia, piuttosto che con la narrativa.

Una simile concezione rappresentativa non punta solo sulla facoltà suggestiva ma evidenzia pure la funzione poietica del linguaggio, supportata da contenuti o inserti metateatrali che la palesano nei vari ambiti comunicativi: l'interpretazione del messaggio, e quindi della realtà, dipende dal codice linguistico dell'emittente e dalla sintonia con quello del ricevente. Esempleare ne è Hamelin, «un'opera sul linguaggio», prima che sulla pedofilia: «su come il linguaggio si forma e su come può ammalarsi ed ammalare la realtà». Tra i protagonisti c’è un conflitto linguistico che si riverbera in una differente lettura ed approccio alla realtà: il giudice, la psicologa, i genitori adottano ciascuno un proprio codice che corrisponde ad una personale prospettiva del reale e ricalca discriminazioni socio-economiche «che tutt’oggi proclamazioni di diritti umani non hanno saputo sanare». La violenza e l’esposizione ad essa cominciano dal linguaggio e a perdere sono coloro che non ne possiedono gli strumenti: i più poveri e i più piccoli.

L'estetica della reflection è persuasa e persuasiva delle potenzialità sociali e socialmente eversive del teatro. «In una società in cui la gente è trattata solo come un consumatore, dovrebbe essere un piacere essere riconosciuti come uomini intelligenti». Inoltre, la poetica illustrata si allontana da certe diffuse abdicazioni ad un'appagante acquiescenza: «Scrivere per un pubblico non significa offrirgli in pasto ciò che si attende; la massima forma di rispetto consiste nel sollecitare la sua sensibilità e il suo senso critico». Il teatro di Mayorga non si vuole autoritario, né didascalico, men che meno univoco: rifugge da giudizi netti e propone un'etica problematicizzante, cauta e sospettosa, inquisitoria, a cui sensibilizzare gli astanti: «Spetta alla sociologia offrire spiegazioni, al teatro invece esprimere un’anomalia». Sulla scorta di Kierkegaard, Mayorga si avvicina e avvicina alla verità intraprendendo il cammino dell’eccezionalità e della straordinarietà: «Poiché la legge si palesa dov’è sospesa». Di qui l'indagine su temi anomali, come, appunto, la pedofilia.

il suo teatro è storico, in quanto recepisce l’urgenza di intervenire su temi attuali, pur non trascurando la dialettica tra presente e passato. Ed è pure politico, non nel senso di veicolo di ideologie, bensì secondo un'accezione brechtiana: il teatro «convoca la polis ad un’assemblea», riconduce l’individuo a relazionarsi con la società e la collettività a confrontarsi con l’attualità. Chi lo allestisce e chi ne usufruisce sono entrambi testimoni e compartecipi della contemporaneità, oltre che dell'evento scenico. Il teatro è dunque «l’arte del futuro» in quanto «arte della comunità».

«Il teatro può cambiare il mondo e la società? certo come un vaso su una finestra, come una strada pulita cambia la qualità soggettiva della vita». Inoltre, «il teatro è un mezzo semplice ed elastico» per arricchire l’esperienza esistenziale dei suoi fruitori, potendosi far carico di ogni vicenda umana, maggiore o minore. Viene da chiedersi, però, cosa ne sarà di un teatro potenziato dall'immaginazione dello spettatore in una società che va ipotrofizzando la capacità immaginifica, riflessiva e critica collettiva.

 

Premio Nacional de Teatro 2007 in Spagna, Juan Mayorga (Madrid, 1965) conta una formazione forse atipica, ma invidiabilmente versatile: una laurea in matematica, una in filosofia, e un dottorato dedicato alla filosofia della storia in Walter Benjamin. [..] si è imposto da qualche tempo come il drammaturgo spagnolo di riferimento non solo in patria, ma anche sulle scene europee [..]. Teatralmente si forma nei seminari di Marco Antonio de la Parra e José Sanchis Sinisterra; nel 1998 frequenta a Londra la Royal Court Residency, sotto la guida di Sarah Kane e Meredith Oakes; a partire dallo stesso anno insegna Drammaturgia e Filosofia presso la Real Escuela Superior de Arte Dramático de Madrid. [Davide Carnevali, dalla curatela di Teatro di Juan Majorga, edito da Ubulibri]


di Silvia De March


COMPAGNIE


IMMAGINI
 
   

LINKS

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale