Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Il Teatro dell'Elfo e la brama per il successo



L’aspirazione al successo e alla ricchezza, l’affermazione sociale a tutti i costi, la conservazione di una felice ma falsa apparenza, le bugie e i tradimenti di una famiglia piccolo-borghese che vive immersa nel “sogno americano”. In tre ore e mezza di spettacolo, con Morte di un commesso viaggiatore il Teatro dell’Elfo mette in scena il noto testo di Arthur Miller che dopo più di 60 anni dalla sua stesura continua a raccontarci le sfaccettature di una società che per ambire al benessere va alla deriva verso l’individualismo, l’immoralità, l’invidia e il materialismo. Merito non solo della drammaturgia, ma soprattutto di una messa in scena brillante nonostante la verbosità del testo, con la recitazione agile e dinamica di tutto il cast – in cui spicca un Elio De Capitani carico di emotiva vitalità che parla, salta, si agita instancabile nel ruolo del commesso viaggiatore Willy Loman che non vuole macchie sul proprio abito – e ancora del ritmo intrigante architettato dalla regia (sempre firmata da De Capitani) e della scenografia trasformista di Carlo Sala con le pareti che aprono, muovono, destrutturano la comune abitazione in apparenza disegnata per renderla espressione di quel sogno in cui vive immerso il protagonista. Tutto ciò va a potenziare l'opera di Miller per farla uscire dalla sua gabbia di classico e riportarla a parlarci come merita.
L’intreccio della vicenda è complesso: conosciamo Willy Loman, rappresentante commerciale, nel momento del suo tramonto, con la testa sempre nel suo fastoso passato, la stanchezza a farsi sentire e la delusione per i figli che non hanno seguito le sue orme. Ma la vita di Loman è in realtà tutta una presunzione costruita da Loman stesso: nello sviluppo della storia scopriamo quanto il suo lavoro sia mediocre e mal pagato, con gli affari che vanno male, e quanto quest'uomo sia orgoglioso, egoista e bugiardo, alla ricerca ossessiva del "segreto" per essere il "numero uno". Loman è un padre mistificatore e un marito infedele, ma di tutto questo rifiuta di rendersi conto, fino al suo tragico epilogo.
Veniamo a scoprire i neri risvolti della vita di Loman grazie a lunghi flashback che riescono a svelare l’ambiguità di questo personaggio, di cui si celebra un requiem finale nient’affatto scontato, nonostante il titolo lo anticipi: per quanto odiosi siano apparsi i suoi comportamenti verso la moglie e i figli, l’umana compassione non scompare per un uomo di cui De Capitani fa ben emergere una certa ingenuità. Quali sono le colpe di un padre orgoglioso che nasconde la verità ai suoi figli? Quali le responsabilità dei figli che si distaccano da un padre falso e fallito? E quanto queste colpe sono influenzate dal contesto sociale di brama per la ricchezza e l’affermazione? Domande forti che il Teatro dell’Elfo riesce a far esplodere, con in mezzo la figura della moglie Linda (Cristina Crippa), il femminile innocente che subisce la vicenda familiare con grande dolore e che asseconda sempre il marito per eccessivo amore. Vite avvelenate dall’ideologia capitalista che, ieri come oggi, manovra gli uomini, misura il loro valore solo in termini di denaro e di successo, li porta a fare di tutto per rincorrere l’affermazione, dal compromettere la propria famiglia al commettere suicidio. Un atto, quest’ultimo, che assume un grottesco valore di salvezza per il resto della famiglia: Loman, infatti, si toglie la vita per far incassare i soldi dell’assicurazione appena terminata di pagare, ottenendo così quella ricchezza che da vivo (e da cieco) non è stato capace di raggiungere.


di Alex Giuzio


COMPAGNIE


IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale