Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Come fossi in una casa di bambola
Nelle questioni pratiche della vita, la donna è giudicata dalle leggi degli uomini,
come se non fosse una donna, ma un uomo.
Henrik Ibsen



I rumori inquieti degli spettatori e gli schermi luminosi degli smartphone indugiano ancora, quando le onde del mare ci sollevano dalle nostre poltrone per adagiarci nel dramma nudo di Nora Helmer. È la prima nazionale di Casa di bambola di Henrik Ibsen al Teatro Manzoni di Pistoia (4 marzo 2016, produzione dell’Associazione Teatrale Pistoiese). Per l’occasione la sala è gremita e così i palchi.
Il sipario si apre sull’interno della casa di Nora Helmer, la protagonista della pièce, nel quale si svolge tutta l’azione. La scena si sviluppa in verticale, costituita prevalentemente da due strutture di legno: sulla sinistra un assemblaggio di mobilio domestico, sul fondo a destra un pannello con porta d’ingresso e alcune finestre. Quest’ultimo ricorda lo scafo di una barca e il rumore del mare, ancora in audio, ne rafforza l’impressione. Mobili vintage e contemporanei si confondono nella vastità della scena, senza però ingombrarla. Lo spazio si svela essere psichico, più che fisico, una dimensione color confetto e di ordinata auto-reclusione che rappresenta la condizione mentale della protagonista. I personaggi entrano ed escono dallo spazio, quasi al di lei piacimento. Nora è madre di tre figli e sposa devota; vive nelle frivolezze dell'agiatezza grazie alla promozione a direttore di banca del marito. Come in una nave/culla che la protegge dal mare, simbolo di libertà, Nora danza nel suo nido verniciato di bianco, sotto l’ala apparentemente sicura del marito/padrone. Ma la donna nasconde un segreto destinato a venire a galla e che la getta nelle mani di un ricattatore, un cambiamento che le impone una nuova visione della realtà e delle persone che la circondano.



La regia è protagonista di questa messinscena: Roberto Valerio inserisce i suoi “pupazzetti” dentro un modellino di casa shabby chic i cui confini non sono realmente definiti. Insieme alla mente di Nora, interpretata da Valentina Sperlì, cambia anche lo spazio intorno a lei; i colori e le luci subiscono le sue repentine prese di coscienza; l’iniziale dimensione favolistica in cui vive, trattata come un animaletto domestico con cui giocare, porta la protagonista sempre verso la superficie (sale sulla scala di legno, sul tavolo e sul divano). Man mano che il personaggio svanisce, per lasciare posto alla personalità autentica di Nora Helmer, la sua consapevolezza si rafforza, il suo dramma si compie. Allora la donna si àncora sempre di più al terreno, restando “con i piedi per terra” in tutti i sensi. La gabbia nella quale essa svolazza nella visione di Valerio è aperta, come lo è in potenza la nostra mente; ma spesso accade che siamo i primi giudici e carcerieri di noi stessi.
Thorvald Helmer è un personaggio egoista, borghese bigotto e doppio, la cui visione della moglie è totalmente deviata. A interpretarlo è Danilo Nigrelli, che dà completezza al personaggio rendendolo ricco di sfumature, dal tono della voce alla mimica del volto, restituendo una figura credibile. Di fronte alla paura di perdere dignità emerge la vera anima dell’uomo, seppellita nell’ordine eccessivo e costruito dove si trincera con la sua “allodoletta”. Con lei Thorvald esegue una tarantella forsennata che fa da preludio al finale, nella quale la donna viene manovrata come una bambola – si intuisce anche un rapporto sessuale subìto, totalmente passivo e dominato dall’uomo. Anche qui, Valentina Sperlì non si smentisce e dà prova di grande padronanza del proprio corpo e della propria maturità artistica.
Il segreto che Nora si porta dentro sembra costringerla sempre più, come Alice nel paese delle meraviglie, dentro una “casa” troppo stretta per lei, fino a esplodere. In questo gioco di realtà e immaginazione, l’azione stessa degli altri personaggi sembra essere dominata dalla coscienza di Nora. Con un sapiente gioco di luci, voci extradiegetiche e rumori, le proiezioni della sua mente invadono il palcoscenico. Riusciamo anche a percepire la proiezione di un occhio gigantesco che la perseguita: il suo subconscio? L’occhio del regista che, come una bambina, osserva da fuori gli attori all’interno della propria casa delle bambole? Oppure la presenza incombente del giudizio del marito?
I lunghi dialoghi coniugali rischiano di fare perdere fluidità all'andamento registico, ma il disturbo è lieve, grazie anche alla messa in risalto del potenziale comico della pièce. Gli interventi degli altri personaggi contribuiscono al buon risultato della messinscena: il dottor Rank, un Massimo Grigò completamente a suo agio nel personaggio, la Signora Linde (Carlotta Viscovo) e, infine, il cupo e oscuro Krogstad impersonato dallo stesso regista.
Valerio ci lascia con il dubbio: Nora avrà veramente varcato quella porta? Come la trottola nel film Inception di Christopher Nolan (2010) continua a girare, così Nora nella semioscurità della scena torna sul suo divano, nella sua casa e indossa nuovamente la sua parrucca.
 
Giulia Bravi
 
Tutte le foto sono di Marco Caselli Nirmal
   

IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale