Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Un bel dì vedremo. La Butterfly per bambini di Kinkaleri



“Questa è una storia ambientata nel lontano oriente, in Giappone”. Butterfly è uno spettacolo per bambini in cui la protagonista, la soprano YanmeiYang, canta alcune arie della Butterfly di Giacomo Puccini. Il canto si alterna alla danza di Marco Mazzoni che, attraverso le maschere, interpreta gli altri personaggi dell’opera. Sul palcoscenico, a terra, il performer di Kinkaleri attacca strisce di scotch e disegna la casa di Pinkerton, il tenente americano, e di Butterfly, la giovane geisha giapponese.
La messinscena di Kinkaleri è essenziale, i segni che definiscono lo spazio sono realizzati con lo scotch, che è usato come strumento per disegnare. Ma bastano poche linee per avere una trasformazione significativa che suscita molta attenzione da parte del pubblico di bambini. La casa dei protagonisti è fatta di linee di nastro carta, la superficie del palco è nera ed è ripresa con una videocamera dall'alto. In scena si assiste a una doppia danza: una è strisciante, composta da figure che a terra sembrano marionette stese, l'altra, proiettata  sul fondale, trasforma i corpi in figure verticali. I piccoli spettatori si appassionano da subito alla dinamica dello spettacolo: osservano la costruzione della scena, partecipano quando vengono chiamati a interagire, rimangono incantati davanti al canto delle arie dolorose e intense dell’opera.
Pinkerton sposa Butterfly e la porta nella casa preparata per loro, si muovono sulla scena, girano per le stanze fatte di linee di scotch a terra. Il tenente americano porta in scena una palla a specchi riflettente da festa e uno stereo anni ottanta che poggia in terra sulle linee che rappresentano il tavolo e inizia a danzare con la sua giovane sposa giapponese una canzone rock and roll. I bambini nel pubblico apprezzano e dondolano a tempo. La danza, raccontata come spensierata, è già premonitrice del dolore che verrà: subito dopo lo scambio degli anelli Butterfly è rinnegata dai parenti. È l'inizio della sua solitudine.
Dopo un ultimo bacio tra Pinkerton e Butterfly la scena si chiude, ma non è un semplice cambio di scena, quando dopo il buio compare di nuovo la protagonista dell’opera sono passati tre anni: lo straniero se n'è andato. Butterfly è abbandonata e, con pochi soldi e con la sua domestica Suzuki, aspetta il ritorno dello sfacciato tenente americano. È animata da un’incrollabile fiducia che colpisce per pervicacia: spera ogni giorno nel ritorno di Pinkerton, ripete con insistenza “Lui tornerà”, ma di Pinkerton non ci sono notizie.
Il marito le aveva promesso che sarebbe tornato, l’aveva rassicurata dicendole che quando i pettirossi avrebbero fatto di nuovo il nido lui sarebbe stato da lei. La promessa non è stata mantenuta, la giovane sposa abbandonata continua a domandare a se stessa, e al console americano che è andato a trovarla, “quando i pettirossi fanno il nido in America?”.
Butterfly non vuole sentirselo dire, è chiusa nel suo canto straziante, in una maschera con un lieve sorriso che copre una cocciuta e sorda disperazione. È cosi impermeabile alle notizie portate dal console che genera nello spettatore un riso amaro.



A questo punto dello spettacolo Kinkaleri apre l'opera alla relazione con i bambini. Marco Mazzoni esce di scena, sceglie un bambino nel pubblico e gli chiede di andare ad annunciare a Butterfly l’arrivo di una lettera di Pinkerton. Il bambino prova in ogni modo, e con un impegno che rende la scena magnetica, a dare la notizia:  Pinkerton è tornato in Giappone con la sua moglie americana.
Kinkaleri gioca con lo spettatore bambino e lo fa con innocente crudeltà, brillante è l'ingaggio con il pubblico: Butterfly è davvero sola – anche i bambini sono ambasciatori di dolore – continua a non capire, ma sullo sfondo compare la sagoma della nave americana. Come preannunciato nell’opera “Un bel dì vedremo levarsi un fil di fumo sull’estremo confine del mare”.
Mazzoni costruisce con lo scotch a terra la scenografia per l'ultima scena: i bambini hanno capito e interpretano i segni di un linguaggio che ormai conoscono. Sul fondale iniziano a comparire le prime linee: i bambini nel pubblico giocano con Kinkaleri e, sommessamente, suggeriscono, provano a indovinare, buttano qualche idea su cosa possa diventare il disegno una volta terminato: “un arcobaleno? sono nuvole? una casa? una vela?”. Poi sarà un albero, una strada, un ponte, le montagne del Giappone.
La tragedia è ancora in atto, la crudeltà di Pinkerton non ha finito di dispiegarsi: vuole riprendersi il figlio nato dall'unione con la giovane moglie giapponese e manda il console. È troppo. Butterfly dice a Suzuki “allora tutto è finito. Vogliono tutto di me. A me non resta che morire”.
Butterfly, una sagoma nera su sfondo rosso, si trafigge con la spada. Kinkaleri ha messo in scena la morte in forma di illustrazione; i bambini seguono la storia, ne capiscono la verità e la ferocia, ne capiscono qualcosa in più. Senza didattica e con il teatro: un'opera fatta di danza, di scotch, di ombre.

[articolo pubblicato il 14 marzo 2016]


di Nicola Ruganti


COMPAGNIE


IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale