Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


A House in Asia. 11 settembre 2015, Short Theatre Festival

L'attacco terroristico alle torri gemelle è «la più grande opera d'arte di tutti i tempi». Così Karlheinz Stockhausen definiva provocatoriamente l'11 settembre 2001. Così inizia A House in Asia di Agrupaciòn Señor Serrano: raffinato spettacolo sulle nostre società dello spettacolo.
È l'11 settembre 2015 a Roma, durante il festival Short Theatre. Siamo in un teatro e siamo anche, virtualmente, all'interno di un videogioco, dentro a una cabina di comando: sentiamo le voci indistinte dei piloti, sappiamo che c'è un bersaglio che vogliamo raggiungere, non sappiamo ancora quale. Pochi minuti d'attesa, poi nello spazio visivo dell'inquadratura compaiono le due torri: intatte, sicure, protette. Il resto lo conosciamo molto bene, non abbiamo più bisogno di vederlo. Agrupaciòn Señor Serrano proietta una sequenza di nero. Noi la oltrepassiamo: evochiamo con sicurezza l'icona madre e dilagante del nostro millennio.
A House in Asia, vincitore del Leone d'argento alla Biennale di Venezia 2015 per l'innovazione teatrale, rivoluziona gli spazi, i tempi e i mezzi della rappresentazione. Racconta le vicende post 11 settembre attraverso tre personaggi principali: Achab, capitano del Moby Dick di Melville, aka George Bush; Geronimo, o Moby Dick, aka Bin Laden; e Mark Owen, o Ismaele, aka Matt Bissonnette, il SEAL che uccide Bin Laden.
La caccia all'uomo viene proiettata su uno schermo che accoglie una scenografia ibrida, in presa diretta sullo svolgersi della narrazione teatrale. L'occhio dello spettatore si fida quindi della proiezione, la predilige ignorando o trascurando volutamente quel che accade sul palcoscenico e aderendo così alla logica del “se non è su uno schermo non esiste”.
Siamo quindi all'interno di un'estetica aggiornata, profondamente intermediale, che gioca sui livelli di realtà, che li interconnette e li complica. Una delle parole chiave dello spettacolo non a caso è reflection, riflesso: rimbalzo tra la realtà e la rappresentazione, tra il vero e le sue narrazioni. Palcoscenico, videogioco, ripresa documentaria, citazione cinematografica, discorso politico, videoclip: tutto rientra nelle maglie di un resoconto complesso e sempre stratificato.
A House in Asia è contemporaneamente una e quattro case: quella a Abbottabad di Bin Laden, quella in North Carolina per le esercitazioni militari, ancora quella del set cinematografico di Katherine Bingelow per il film Zero Dark Thirty, è infine la casa modello che rappresenta tutte le altre. Quest'ultima si configura sul palcoscenico come oggetto a metà tra un inquietante modellino militare e una rassicurante casa delle bambole in mano ad attori che davvero “agiscono” (che giocano un ruolo, to play a role) e costruiscono meticolosamente la propria narrazione dei fatti. 


[Ph Nacho Gómez]

In effetti di un gioco di ruolo sembra trattarsi: gli attori spostano gli indiani e i soldatini tra case e alberi in miniatura, muovono a mano le macchinine, gli elicotterini, dispongono i carroarmati sul tabellone del Risiko. Così metaforizzano il grande impianto della guerra dove Bush assume i tratti del capitano Achab, ossessionato dalla caccia a Moby Dick, e dove Bin Laden viene ad essere non solo il capodoglio albino, ma Geronimo, l'Apache guerriero, per ironico dato storiografico. "Operazione Geronimo" è infatti il nome assegnato alla missione Bin Laden, grottesca giustificazione, proprio perché reale, dell'accostamento dal sapore postcoloniale Bin Laden-Geronimo.
La realtà pare imitare l'arte. Che cosa è davvero reale? Cosa è finzione? A House in Asia si pone sulla retta tangente tra queste due domande e restituisce una versione dei fatti a collage: gli elementi cronachistici annettono quelli finzionali e inglobano nell'economia dello spettacolo le altre narrazioni sullo stesso evento. È il caso del film della Bingelow, Zero Dark Thirty, ma è anche l'incredibile caso di No easy day, libro di Matt Bissonnette davvero pubblicato con lo pseudonimo di Mark Owen, aka cantante dei Take That. Ecco che la realtà sembra offrirsi più inverosimile della finzione, sembra ironicamente prendersi gioco dello spettatore che sulle note di Back for Good ascolta interdetto: «Whatever I said, whatever I did, I didn't mean it». 
Il linguaggio della comunicazione lineare è quindi irreversibilmente inficiato, inattendibile. Agrupaciòn Señor Serrano cavalca l'onda di questa sofisticazione e adotta per la sua narrazione il linguaggio autocelebrativo della grande America di massa, l'America veramente colonizzatrice di usi e costumi, dal McDonald ai brani country e pop, entrati a pieno titolo nell'impasto delle sequenze narrative. La caccia all'uomo assume così la retorica dell'eroismo hollywoodiano nella bocca dell'Ismaele di Melville. Eppure qualcosa si incrina, qualcosa si inceppa. Pare esserci un errore di programmazione, un loop che costringe Matt-Mark-Ismaele a ripetersi identico, a perdere la propria identità nella ripetizione. Non è la riproducibilità tecnica di Benjamin questa: è la ripetizione a loop dei linguaggi informatici, automatismo estremo che spoglia le azioni di senso e umanità. Matt-Mark-Ismaele incarna questa contraddizione e fragilità del sistema. Spettatore a sua volta, ma anche attore e narratore, rivela un'identità stratificata e incerta: come chi entra in guerra, come chi finisce, suo malgrado, a far parte del gioco.

Elena Carletti

   

IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale