Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Something to live for. Recensione di deGeneration di Hofes Shechter

Something to fight for.
Something to live for.
Something to die for.

A distanza di qualche giorno, torna nitido alla mente il ritornello assorbito all'inizio dello spettacolo ospitato a Reggio Emilia durante il progetto di Festival Aperto, e dedicato al coreografo israeliano Hofesh Shechter, da anni attivo a Londra. Ha risuonato con voce confusa facendosi spazio nella densa bruma in cui i danzatori di deGeneration hanno vissuto per un'ora o poco più le loro insofferenze, difficoltà e speranze in quanto esseri umani, sotto gli occhi di altri esseri umani. Con le loro fisicità differenti e accaldati sotto il velluto dei costumi, hanno mostrato il peso del silenzio, l'assurdità delle relazioni umane: il paradossale bisogno di stare insieme e distaccarsi dal gruppo, di provare a dire il proprio pensiero a voce alta e poi non reggerne la forza. Muscoli che tremano e fremono, pronti a scaricare rabbia e insoddisfazioni, a farsi roccia incandescente e sicura.
In un trittico che si evolve in un'unica polverosa atmosfera, con una costante luce calda e sabbiosa, Shechter fa danzare la sua giovane compagnia internazionale su sonorità tridimensionali fatte di voci e rumori da lui spesso composte, tra l'inquietante e il romantico.



A partire dalla prima parte, Cult (2004), i movimenti sono semplici, sono quelli veri di tutti i giorni, rielaborati da corpi estremamente allenati all'emozione. Sono i movimenti che noi tutti nascondiamo agli occhi della folla. Sul palco del Cavallerizza diventano monologhi coreografici singhiozzati che a turno si strappano dal gruppo come cellule che si lasciano abbandonare. Nei loro brevi assoli, gli uomini si dimenano, si concentrano come per recuperare il senno e poi, qualcuno, si batte violentemente in petto. Come uno sfogo tra sé e sé, ingarbugliando pensieri, nevrosi e vergogne. Shechter rende tutto questo visibile, e fa sì che le dita dei danzatori premano, stuzzichino l'aria (le loro paranoie?) appena sopra le loro teste, di spalle, con i bacini incassati. È evidente il malessere che soffoca e preme sullo sterno. Girano su loro stessi stringendosi le braccia al ventre. Le strutture di quei fisici si sciolgono in sinuose ma sofferte curve addominali esprimendo l'inadeguatezza a un mondo che non riconoscono, non accettano. Poi riprendono in un'esplosione collettiva. Uomini e donne avanzano insieme a passi ampi in un tentativo di accordarsi, ma, fisicamente stanchi, rinunciano. Si nascondono ricurvi sul fondo buio. Tranne un giovanissimo. Sotto una fredda luce blu il danzatore alza una mano timida davanti a un pubblico che lo fissa e non lo ascolterà. Non ora: le luci si spengono su di lui.



Come una pausa, Fragments (2003), parte centrale dello spettacolo, è un passo a due che concentra nella formula della coppia le difficoltà del dialogo tra mondo maschile e femminile. Iniziano lontani e paralleli, saldi nel proprio fascio di luce per poi dar vita a uno sdoppiamento di movimento e di ritmo sostenuto da musicalità incalzanti. I due si trovano e si esaminano mostrando una netta differenza nell'affrontare il confronto. Lei è armoniosa, matura e composta. Si lascia guardare e a momenti adorare. I movimenti di lui mostrano imbarazzo e confusione ormonale del tutto maschili: sfida la donna con slanci intermittenti di rap, di scherma e di sguardi veementi. Si avvicina per abbracciarla ma, invaso da scariche elettriche, non trova contatto. Questo breve passo a due dà la possibilità a Shechter di non prendersi troppo sul serio, con piccoli gesti ironici e con il fischiettante sottofondo di Always Look On The Bright Side Of Life, originariamente colonna sonora di Brian di Nazareth, in cui i Monty Pyton canticchiano sulla croce la bellezza e ironia della vita.

Infine, l'ultima e più recente creazione, Disappearing Act (2015): un crescendo, una marcia cerimoniosa e collettiva, in cerca di qualcosa. Forse qualcosa da urlare finalmente in coro davanti al pubblico: «Mi sveglierò domattina e creerò qualcosa di importante: ma cos'è importante?» Rieccheggia una frase sentita nella prima parte coreografica grazie a gesti che si ripetono creando un filo rosso tra le tre sezioni. Un po' a piccoli gruppi, un po' all'unisono, i danzatori sembrano agognare un ritorno all'ordine attraverso canoni e insiemi, ottenuti con un dolce ascolto gli uni degli altri, per poi perdere il filo o perdersi tra i fili. Perchè sembrano un nodo aggrovigliato di filamenti organici che pulsano su sonorità mediorientali e schizzano su quel palco dalle luci plastiche, recintati in un quadrato luminoso. Camminano sulle ginocchia, avanzano scomposti come zombie. E poi di nuovo insieme, compatti, urlano parole mute dimenandosi davanti ai fari che li accecano per poi muoversi a passi larghi, dondolando le braccia per aria in una armoniosa Sagra della primavera.



DeGeneration è sudore, è l'avviso di una bombola d'ossigeno che va esaurendosi. Ma sopratutto è il lavoro comune di un coreografo in pieno stile Gaga, affermato ormai in tutto il mondo, e della sua compagnia Shechter Junior, creata per danzatori tra i 18 e i 25 anni, attraversata da una febbrile energia e da una fisicità “selvaggia”. In deGeneration si dipinge attraverso l'espressività di ciascuno, non solo come danzatore ma come persona, il bisogno di ogni essere umano di sentirsi protetto e accettato, di proteggere e accettare. Non c'è sentenza né giudizio, solo una visibile riflessione sul sentimento umano da parte di un coreografo dalla voce tenue e volto sorridente, che ha riversato nella sua fine poetica compositiva l'incapacità di esprimere a parole qualcosa che già quotidianamente nasce per essere movimento.

Alice Murtas

   

IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale