Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Abitare il mondo. A proposito di "Tiny" di Annamaria Ajmone

È tra un gruppo di cardi secchi, immobile guarda dritto davanti a sé. Io guardo dritto davanti a me e, inevitabilmente, voglio essere là, perché Annamaria Ajmone ha la peculiarità di riuscire ad attirarti nella sua sfera aprendo un sentiero che va da pelle a pelle. Lei esplora lo spazio, io mi perdo nella sua danza, nelle sue “pratiche di abitazione”, le stesse pratiche che ha sperimentato all'interno dello squero San Trovaso (piccolo cantiere in cui riparare le gondole) durante l'ultima Biennale Danza presentando Buan (termine che deriva dal tedesco antico e significa abitare). Tiny, il nuovo progetto iniziato nel 2013 con la videomaker Maria Giovanna Cicciari, nasce dopo [In]Quiete (2014), lavoro più dinamico che si arrende alle influenze esterne e alla caoticità della società moderna. Nella fissità di una poltrona riesco a viaggiare con lei, ma resta un viaggio solitario, intimo, in cui prima di scoprire ciò che si ha attorno occorre ascoltarsi dall'interno. La poetica di Ajmone, che trae ispirazione dal saggio Costruire, abitare, pensare del filosofo tedesco Martin Heidegger, è quindi una ricerca che vuole creare un dialogo profondo tra il corpo e lo spazio circostante.


Annamaria Ajmone, Tiny (foto Michelle Von Savino)
 
Tiny, visto a Milano al Teatro Out Off nella programmazione del Danae Festival 2015, è uno spettacolo fermo tra interiorità ed esteriorità, poiché è proprio sul confine, sull'esserci e il non esserci, che il corpo prende forma fino a mutare nuovamente per diventare altro. Ajmone cammina e poggia in proscenio un cardo. Le azioni sono minimali, come la base sonora in cui è possibile riconoscere i versi degli animali che abitano lo spazio. In piedi indaga le parti del suo corpo: muove lentamente le braccia, si tocca la testa e chiude gli occhi, li riapre e gioca con le falangi. Pian piano unisce le mani e le porta al volto per connettersi meglio al suo io, poi lascia scivolare le dita spogliando il viso ormai pronta a vivere in una boscaglia immaginifica. Siamo, dunque, in un bosco immersi tra flora e fauna. E così cammino anch'io lungo un sentiero, vicino a un ruscello e poi mi accovaccio accanto a uno stagno. Lei alimenta la sua metamorfosi e io alimento la mia immaginazione. Ora è un gufo, ora una rana poi diventa una libellula. Con semplici gesti riesce a trasfigurarsi, ad ambientarsi in queste macchie di vita, negli sprazzi di vegetazione. Si intrufola tra i cardi, li sposta per farsi spazio, per creare un contatto, ne sceglie uno e lo allontana dal gruppo. Così disposti sembrano guardarsi, annusarsi, parlarsi.
Ajmone ora ha più confidenza con questo luogo, il suo abitare diventa trascinante, un'esplosione di movimenti su una traccia che unisce le sonorità della natura con l'elettronica di Marcello Gori. Riprese, ripetizioni, partenze e ritorni, gambe e braccia prima ingarbugliate poi libere di andare e di esplorare. Versi, sospiri. La giovane performer usa tutto il corpo trovando le soluzioni nella semplicità dei gesti che riescono a tramutarsi in immagini in movimento. Cosa può fare la mia mano? Cosa possono fare le mie falangi? Che rapporto hanno con lo spazio? Cosa possono diventare? Un gioco rivelatore in cui, attraverso l'ascolto interiore e la percezione dell'esterno, Ajmone può essere tutto, può personificare qualsiasi cosa restando se stessa. La pelle assorbe, la carne si trasforma: nasce l'emozione.


Annamaria Ajmone, Tiny (foto Michelle Von Savino)

Si ferma, la musica anche. Ci guarda e noi guardiamo lei. Restano i suoi affanni. Le luci in platea si accendono e sul confine del bosco, né troppo all'interno né troppo all'esterno, tra il pubblico e lo spazio scenico, c'è una piantina verde che lei raccoglie per portarla al centro del palco. Una piantina, o meglio, una donna seduta di spalle che appoggia la sua mano sulla terra. Le spine aride dei cardi, quei fiori inariditi, sembrano rinvigorire assieme alla danzatrice che, abitando lo spazio, crea un dialogo tra uomo e natura, tra le profondità interiori e l'istinto animalesco. Difficile non restare inebriati dal flusso inesorabile delle immagini che si ferma a una pianta, a una donna, ora immersa nella sua dimora. Tiny ci riporta allo stare al mondo: scava all'interno dell'uomo, spiega come abitare un luogo, come crescere e conoscersi, come costruirsi. Tiny vuole esplorare, esplorarsi, ritornare all'essenzialità, allacciarsi all'anima delle piccole cose.

Alessandra Corsini

 

COMPAGNIE


IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale