Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Il canto del cigno. Schwanengesang D744 di Romeo Castellucci

È antica convinzione popolare che il cigno reale, detto anche cigno muto, poco prima di morire libri nell'aria un canto di raffinata e struggente bellezza. L'addio alla vita prende così corpo in una canzone universalmente dolorosa, velata di nostalgia. Nella lingua parlata, per analogia, l'espressione "canto del cigno" (Schwanengesang in tedesco) indica l'ultima opera di valore di una carriera artistica in declino. Castellucci, non senza una sotterranea vena ironica, torna a dissestare il piano lineare della rappresentazione e introduce, nel suo Schwanengesang D744, un'essenza doppia e metateatrale. Così lo Schwanengesang è la nostalgia romantica dei lieder di Schubert, portata in scena dal pianoforte di Alain Franco e dalla voce eterea del soprano Kerstin Avemo; ma è anche, in un secondo momento, l'incrinarsi dell'apparato teatrale stesso, la sua messa in discussione affidata all'interpretazione di Valérie Dréville sugli interventi musicali di Scott Gibbons.
L'opera, già presentata al festival di Avignone nel 2013 e in questi giorni in prima nazionale al Teatro Metastasio di Prato e al Festival Romaeuropa, sembra inizialmente configurarsi come un tradizionale concerto di classica: la Avemo, che pare provenire da un passato non troppo remoto, è illuminata da un cono di luce, unica scenografia su un palco vuoto, nero, scavato nell'assenza. La scena è minimale, estremamente pulita, così come la voce del soprano: è il canto nostalgico del cigno, ricostruito con cura da Castellucci che per questo spettacolo ha selezionato dieci lieder di Schubert con testi di poeti tedeschi romantici.


[Ph Christophe Raynaud de Lage]

Il lied, o canzone, è un genere che investe sulla dimensione intima e insieme plurima della sua realizzazione: il pianoforte fa da contrappunto e slancio alla voce, che a sua volta è veicolo e strumento di rifrazione della parola poetica; musica, voce e poesia in questo modo si legano e si denaturano, generando un tessuto sonoro denso, inedito, vibrante. Il tema della nostalgia trema sul palco e sulla platea scavando una discesa profonda verso le zone più buie della sofferenza: lied dopo lied ci addentriamo nel dolore del ritorno (nostalgia, dal greco nòstos, ritorno, e algia, dolore) e assistiamo a un inesorabile disfacimento.
La resa concertistica viene progressivamente perturbata: dapprima qualche rumore dietro le quinte, poi la Avemo assume un'aria affranta, si tocca i capelli, rompe in singhiozzi. Le scelte registiche di Castellucci sono estremamente tese e provocano il massimo effetto anche con il minimo dei mezzi: basterà che il soprano discosti lentamente il viso dal cono di luce per troncare definitivamente, e con riuscita forza, l'inganno della rappresentazione. Togliere il volto allo sguardo avido dello spettatore è un gesto che genera in sè inquietudine: la Avemo abbandona il ruolo di facciata e assume sul suo stesso corpo il dolore del canto, si piega, si allontana dalla luce gattonando; sfina sempre più la voce, fino a farne un sussurro.
In questa quieta umana disfatta entra in scena Valérie Dréville come doppio ideale del soprano che gradualemente lascia la scena. Rimasta sola sul palco, l'attrice francese inizia a gestualizzare la parola poetica dell'ultimo lied, che scandisce senza cantare.


[Ph Christophe Raynaud de Lage]

Un sibilo improvviso risveglia di colpo la Dréville che interrompe i suoi gesti e scaglia contro il pubblico un'aggressione verbale concitata e isterica: «Guardare, guardare, andate a farvi fottere con la vostra voglia di guardare».
Il teatro vacilla, metaforicamente ma anche letteralmente, mentre l'attrice sradica il pavimento nero, lo attira a sè con furia, investita dagli scoppi sonori di Scott Gibbons e dalle luci stroboscopiche a elettroshock. C'è una violenza ferale e infera nei movimenti della Dréville che denunciano lo svelamento di un inganno, l'anello che non tiene: non basterà il ritorno alla normalità, le scuse dell'attrice che si rinserra nella sua parte: «Scusate, non sono che un'attrice». Rimarrà invece il turbamento, il chiaro sabotaggio del ruolo dello spettatore, che pure resta, con la sua presenza, essenziale affinché il teatro esista e continui ad esistere: un paradosso irrisolto, allora, uno Schwanengesang che Castellucci arriva a esporre con elegante e distaccata violenza.

Elena Carletti

Pubblicato il 5 novembre 2015

 

COMPAGNIE


IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale