Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Danzare in Bielorussia, fra calcolo e sensualità. Karakuli Dance Theater

Questo articolo fa parte di Speciale Est. Voci da un'altra Europa

Approdato recentemente anche a Bologna a Teatri di Vita, il Karakuli Dance Theater è passato per il palco di PlaStforma con l'irruenza di una locomotiva, fatta di carrozze diverse fra loro. One in the square è infatti una notevole prova corale, dove però i singoli danzatori, invece di fondersi e amalgamarsi in un'unica prospettiva coreografica, spiccano più che se fossero da soli. Un approccio al gesto lineare e sgangherato allo stesso tempo, in cui il rigore dello stile si sfalda spontaneamente in sensualità di corpi e immagini. Ne abbiamo parlato con la coreografa e danzatrice Olga Labovkina

Uno degli aspetti più interessanti della vostra performance è il modo in cui riesce a unire caos e ordine, a inserire un approccio alla danza totalmente estemporaneo in una struttura comunque chiara e calcolata. Come raggiungete tale equilibrio?

Penso sia un equilibrio che sorge spontaneamente dalla peculiare conformazione del gruppo. In altre parole non c'è quasi mai un forte impianto registico di partenza bensì uno stimolo per lavorare collettivamente. L'unione fra un approccio più estemporaneo e uno più misurato di cui parli deriva forse dal fatto che ogni membro proviene da esperienze diverse e, soprattutto, non fa parte dei Karakuli per sole qualità professionali. Dopo aver completato la mia formazione a San Pietroburgo e aver lavorato per altre compagnie, ho deciso di fondare il mio proprio gruppo. In quel momento ciò che mi interessava era trovare qualcuno che, al di là del suo bagaglio tecnico, avesse una personalità da esprimere e che fosse pronto a metterla in gioco. Ecco perché credo che sul palco, oltre a un'evidente concezione corale, emergano anche le forze singole che consentono tale unità. La nostra idea di arte si nutre e allo stesso alimenta una più ampia idea dello stare insieme e formare una comunità e, soprattutto, si evolve dialetticamente con l'evolversi del singolo.




Che cosa costituisce solitamente lo stimolo di partenza di cui parli?

Qualcosa di neutro, molto spesso un oggetto più che un tema o un'idea. Nel caso di One in the square, per esempio, siamo partiti dai materassi che, molto semplicemente, rispondevano a all'esigenza pratica di avere una scenografia economica e trasportabile. Dopodiché, ho lasciato che gli attori prendessero confidenza con l'oggetto e iniziassero a pensare individualmente a come poterlo utilizzare in scena. All'inizio di ogni prova, durante la prima mezz'ora, davo i materassi in mano agli attori e osservavo il modo in cui ci si rapportavano. L'unico loro compito era danzare con i materassi nella maniera più naturale possibile, spesso minimale, dando sfogo al proprio sentire. Poi abbiamo iniziato a lavorare in due gruppi: alcuni continuavano a fare improvvisazione con gli oggetti e altri iniziavano a pensare alla performance, per poi scambiarsi i ruoli. Infine, una volta che ognuno aveva raggiunto un buon livello di confidenza con l'oggetto e i suoi gesti erano pertanto sufficientemente definiti, ci siamo posti delle domande di senso. In questo modo è emerso ciò che potrebbe essere considerato il tema della performance, vale a dire la ricerca di benessere e conforto. Ci siamo infatti accorti che, attraverso la danza, creavamo la nostra propria "ecologia di benessere" con i materassi, portandoceli con noi, mettendoci sopra o al di sotto di essi, mantenendoli sempre a contatto. Siamo allora passati a un'indagine individuale di sentimenti e emozioni che ci legavano al tema, cercando di capire quali fossero per i nostri corpi le "zone" di benessere e malessere.



C'è dunque una forte connessione tra emozioni personali e uso del corpo...

Assolutamente. Anzi, solo attraverso il corpo possiamo rappresentare le nostre emozioni. Viviamo in una società completamente mediata, in cui l'esperire del mondo ci è in qualche modo già dato a priori, attraverso l'informazione, la tecnologia ecc. Al contrario, il nostro corpo, quando se ne ha consapevolezza è l'unico strumento per provare esperienze e dar loro un'espressione non-mediata. Anche per questo desidero avere spesso un punto di partenza concreto e tangibile per costruire le performance, per eliminare qualsiasi termine medio tra il gesto e chi lo compie. Grazie a questo processo gli oggetti che utilizziamo possono farsi metafora e diventare un tema su cui ragionare. Detto questo, credo che il nostro compito di artisti (contemporanei) sia quello di lasciare totalmente libera l'interpretazione di ciò che facciamo sul palco. Siamo partiti da un oggetto neutro che ci ha permesso di lavorare su scene sempre diverse, perché si prestava una continua ridefinizione di significato il quale rimane perciò inafferrabile da un punto di vista univoco.

Come vi rapportate al contesto bielorusso? Pensate che il teatro possa assumere una funzione anche politica?

Ciò che ci preme portare in scena è il nostro essere umani prima che cittadini. Dopodiché, è chiaro che non esiste un confine vero e proprio fra i due termini ma penso che confondere il teatro con l'attivismo possa diventare controproducente anche da un punto di vista politico. Il semplice opporsi o il voler per forza dire qualcosa di legato all'attualità diventano sterili se non accompagnati da istanze costruttive. Nel nostro caso significa partire da ciò che amiamo, la danza, per farvi ritorno dopo aver attraversato tutti gli ostacoli che potrebbero allontanarci da essa. In fondo, è questa la parabola tracciata da One in the square, come abbiamo cercato di sottolineare con la musica finale, che rappresenta una metafora del sole che sorge. In fondo, è questo il senso di tutto il nostro agire: nonostante tutto, ritornare a danzare.


di Francesco Brusa
 

IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale