Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


San Francesco qui e ora, per Roberto Corradino. Cartolina dai Teatri del sacro, Lucca

Un bando nazionale per progetti teatrali legati ai temi della spiritualità. Una ventina progetti selezionati, che hanno debuttato a Lucca dall'8 al 14 giugno grazie a un percorso di coproduzione fatto di brevi ospitalità e sostegno economico. La possibilità di circuitazione delle opere finite a livello nazionale in teatri parrrocchiali, cinema, sale diocesane. La presenza in cartellone di alcune importanti realtà della scena di ricerca (Punta Corsara, Andrea Cosentino, César Brie ecc) insieme ad altre compagnie meno note o amatoriali. E poi laboratori per spettatori, workshops di social media storytelling, incontri quotidiani fra compagnie e pubblico. Questo è stato Teatri del Sacro, festival biennale diretto da Fabio Fiaschini giunto nel 2015 alla quinta edizione. Si arriva a Lucca, si gira attorno al centro cittadino prendendo il camminamento sopra le mura, si scende e si arriva al Real Collegio, ex convento con chiostri, scaloni di pietra e stanze con altissimi soffitti. Gli spettacoli vanno in scena in una sala oblunga rettangolare riempita di sedie; il pubblico è folto, sembra di stare a una recita natalizia parrocchiale, invece siamo a un festival di teatro di ricerca prodotto dalla Federazione gruppi attività teatrali (Federgat), con la Fondazione comunicazione e cultura, l’Ufficio nazionale per le comunicazioni sociali e il Servizio nazionale per il progetto culturale della Cei, in collaborazione con l’Associazione cattolica esercenti cinema (Acec). Teatri del Sacro ci pare una scommessa vinta, il tentativo di tenere in vita la spinta amatoriale e comunitaria del fare arte con e per la propria comunita coniugandola con la necessità di guardare fuori, di aprirsi, di farsi investire dalla diversità, dalle differenze, da domande che mettono in discussione la possibilità stessa di pensare la spiritualità. Che sia un rivolo della Chiesa a spronare il teatro a farsi occasione di pensiero, a un tempo intima e collettiva, ci pare cosa non da poco.



Senza volontà di cattura, francesco

Dimenticatevi di come ci è stato raccontato. Per un po', lasciate sullo sfondo le agiografie, le immagini di Giotto, Van Eyck, Cimabue, Guido Reni e tutti gli altri. Non pensate a Rossellini, Pasolini, Dario Fo. Francesco d'Assisi potrebbe infatti essere più vicino e quotidiano di quanto non immaginiamo; le sue domande, i suoi dubbi, i suoi tormenti potrebbero essere molto simili ai nostri, pur nell'esemplarità della sua condotta. Ci si può davvero approssimare a Francesco con questa attitudine? Lo si può osservare da vicino, da così tanto vicino? Roberto Corradino, nel suo senza volontà di cattura, francesco c'invita a provarci insieme al suo gruppo di attori (Ylenia G. Cammisa, Rita Felicetti, Antonio Guadalupi, Giò Sada). Si alzano le luci, un ragazzo e una ragazza dialogano: «Che tipo, Francesco». Chi era, veramente? Un leader? Un ditattore? Il dialogo diventa presto battibecco, si trasforma in litigio condito da grida e reciproche accuse. Dal chiostro fuori si ode qualcuno che pronuncia il nome Francesco, entra quello che pare essere un maestro di danza o un istruttore di un club, i suoi lo seguono imitandone i gesti, slanciano braccia e gambe in sequenze ordinate di gesti, lui sembra volersi gettare dal proscenio, poi prende la parola uscendo dalla finzione: «E così, Francesco lasciò i suoi e se ne andò». Gli attori stanno dentro a personaggi che vengono indossati come vestiti, sono pronti a toglierli per far affiorare i modi della performance epica, commentano le azioni appena inscenate, a tratti si presentano come attori e attrici, con i loro nomi e cognomi, alle prese con gesta biografiche “inarrivabili”. Gli attori guidati da Corradino camminano su tale filo, abitando una finzione esile, volutamente dimessa, molto prossima alla quotidianità di ogni spettatore, con alcuni picchi di sprofondamento nella finzione.
Si alternano nel racconto diversi personaggi come Madonna Povertà, il padre e la madre di Francesco, Sorella Mente (la chiesa), Fratello Carne. Ora sono tutti in cerchio, eseguono un balletto ordinato, battono le mani, hanno facce pulite e sorridono, sembrano usciti dai coretti dei bambini nella parrocchia di Corpo Celeste di Alice Rohrwacher. Madonna Povertà/Rita Felicetti però interrompe l'idillio, sostiene che il suo matrimonio co Francesco non debba essere celebrato in tal modo. Le fa eco Corradino, che fra sé e sé mormora che la conversione di Francesco fu tormentata, graduale, frutto di intimo travaglio interiore. Madonna Povertà allora li dispone a piramide, Giuni Russo in audio canta chiedendoci quale sia il segreto dell'amore e dell'amante, una donna piange, Francesco/Corradino batte il ritmo con un bastone, un ragazzo piange, un altro guarda l'orizzonte, Madonna è in proscenio con una margherita, ride contenta, sale la temperatura emotiva del rito che si sta consumando, ma l'immagine che vediamo rappresenta un gruppo umano intento in qualcosa di incasellabile, risultando bizzarra, non immediata, ambigua, misterica, e così scantonando il rischio di un ricatto emotivo.

Racconti fisici, partiture gestuali, frammenti verbali si susseguono saturando chi ascolta e guarda, limitando la possibilità di personali immaginazioni. Viene montata una tenda da campo, sembra di stare di fronte al fuoco, in cerchio, d'estate, durante un falò fra amici. Avevamo udito le note dei Baustelle, con loro ci eravamo interrogati sul senso della “tentazione”, pensando a come non si tratti del peccato, ma del prendere corpo della ragione. Non credere è ragionevole, ormai, non fosse altro per l'estrema distanza del modello francescano, per la differenza che tutti avvertiamo fra la chiesa e un'idea francescana di vicinanza ai deboli, agli ultimi (da qui, ovviamente, l'interesse che suscitano azioni e dichiarazioni dell'ultimo Papa). Si forma un cerchio, Francesco/Corradino ripete ai suoi adepti una frase che diventa mantra: «O lo fai, o non ce la fai». Discutono del Vangelo, dei Salteri, della necessità di rispettare la regola e di mollare tutto, dagli appetiti alimentari alla propria collezione di dvd. O lo fai, o non ce la fai. Lo avevamo sospettato, ora diventa più esplicita l'analogia fra la scelta di Francesco e quella di chi vuole fare teatro, senza però diventare narcisistica o eccessivamente autoriflessa, senza tentare paragoni o similitudini dirette, che apparirebbero patetiche, ma anzi fra le righe dichiarandosi inadeguati, mancanti, “minori”. Questo Francesco per Corradino e per i suoi attori è tutto quello che si è perso, tutto ciò a cui vorremmo arrivare, è qualcosa che è divenuto incocepibile per tanta lontananza ma che non dobbiamo fare a meno di inseguire, come nei vertici dell'arte. Francesco viene avvolto dal telo che prima fungeva da tetto della tenda, sembra volersene andare, sembra volere lasciare i suoi compagni che però lo trattengono e lo depositano a terra, apparentemente esanime. Sta lì, Francesco, è fra noi, ci dice come si fa, ci lascia soli a capire se siamo davvero siamo in grado, se davvero lo vogliamo.

articolo pubblicato il 23 luglio 2015


di Lorenzo Donati


COMPAGNIE


IMMAGINI
 
   

LINKS

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale