Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Made in Italy di Babilonia Teatri

 

In principio fu un urlo. Poi, una mela rossa, al neon, pendente. Sotto, lo sguardo fisso in platea e mani a copertura delle proprie nudità, Enrico Castellani e Valeria Raimondi incarnano il tradizionale quadro di Adamo ed Eva. Nella sua nudità si presenta anche la scena e tutto è visibile: il macchinista, le corde, il tecnico audio, la sua station. Il teatro non si maschera e trae forza dalla sua onestà e modestia di mezzi.

La staticità figurativa si anima al levarsi, all'unisono, di una sfilza di giuramenti su presenze metafisiche e prossime, tutte collocate sul medesimo piano; si giura “che no podèo, no savèo, no voèo”, senza garanzia salvifica da un indistinto peccato reiterato. Ma è soltanto il preludio.

I due si vestono e si collocano in posizione di scatto, pronti per correre tutto d’un fiato uno spettacolo che attraversa spazi e voci del Nord Est. A partire da uno spaccato in una pizzeria: «L’idea dello spettacolo nasce da un fatto che ci è accaduto realmente – ha dichiarato Castellani alla rassegna Teatri invisibili di San Benedetto – siamo andati in una pizzeria e il telegiornale riportava la notizia dell’abbattimento del muro che divideva la parte di Padova abitata da extracomunitari. Tutta la pizzeria è allora insorta e ha cominciato ad utilizzare una serie di appellativi ed insulti nei confronti di tutti gli extracomunitari».

Si ascolta, non si vede, un cumulo di situazioni e stati d’animo di disagio lavorativo, economico, esistenziale. Disoccupazione, tasse, mezzistipendi, inflazione – e le insidie del consumismo, del materialismo, degli status symbol acuiscono ed erigono aggressività e velleitarismo a maschere protettive. La lotta tra poveri o frustrati ha in palio soldi e sogni e non risparmia schermaglie nell'esperanto delle volgarità.

Una regione che subisce la globalizzazione e non ammette il melting pot trova qui espressione in una lingua babelica che alterna italiano e dialetto, registro formale e slang, riferimenti colti e mediatici, con innesti di slogan, spot, hit. La scansione, a voci alterne o simultanea, è marziale, inflessibile, neutra; ma i quadri di recitato sono demarcati da esplosioni sonore punk-rock-pop e in queste, emblematicamente, la coppia balla non in duetto ma con il pubblico, rivolta ad esso. I significanti si rincorrono, accostando i significati con giochi linguistici a volte comici, a volte disarmanti; le ripetizioni, a loro volta, rafforzano la sonorità ritmica e al tempo stesso confermano una realtà modulare, monotona, costrittiva.

La supplica “Buongiorno, Dio! Lo sai che ci sono anch'io?” trova risposta nell’esultanza del radiocronista e poi di Enrico alla vittoria dei mondiali di calcio, nella finale tra Italia e Francia. Sul palco si dimena non un ultras ma un uomo comune che scopre una canottiera con inciso “io sto bene”. Piovono coriandoli mentre scroscia la canzone dei C.S.I. “Io sto bene, io sto male, io non so cosa fare...”. Il fenomeno calcistico messo in scena come raro momento di identificazione e realizzazione nazionale è accostato al funerale di Pavarotti, di cui udiamo il commento da una voce fuori campo, sentiamo e vediamo le frecce tricolori sfrecciare nel cielo mentre gli sguardi rialzati degli attori le seguono con partecipazione. E un angelo, prima disceso a consolarli e consolarci, sviene.

La fragilità soggettiva, dunque, non trova rinforzo né nell’aggregazione collettiva, né in una triade familiare dissacrata dagli oneri economici, né, infine, nel rapporto di coppia, degradato a mero gioco seduttivo e possessivo. La sessuomania, rispetto alla cattolica sessuofobia, non si rivela liberatoria ed in chiusura la voce di Venditti invoca un assolutorio “perdono” e promette il ritorno “dalla pelle al cuore”. Al contempo, una folla di nanetti e di Biancaneve clonate è condotta in scena a snocciolare costi della vita che sgranano la progettualità non solo del Nord Est, ma del Made in Italy.

Con altri gruppi coetanei, in particolare il Teatrino Sotterraneo, i Babilonia Teatri condividono alcune cifre stilistiche: la tecnica delle interruzioni, l’assenza di una narrazione, una “regia” collettiva, l'accumulazione linguistica, il non-sense. L'abilità più ammirevole si rileva nel ricorso non ad una semplice comicità ma ad un umorismo più riflessivo, apparentemente acritico, accessibile ad un vasto pubblico che, senza avvertimenti, è condotto ad una presa di coscienza.

Già con Underwork i giovani veronesi ci avevano stupiti per le trovate sceniche e soprattutto per l'inedita rappresentazione della precarizzazione dell'esistenza, in relazione al precariato lavorativo. Made in Italy, premio Scenario 2007, per quanto esuberante non manca di simmetria, varietà, senso della misura specie del tempo, e stabilisce una tappa intermedia di un itinerario che comincia a delinearsi. Ora ci attende Pornobboy con un’articolazione tematica e scenica più trasversale ed ariosa. Ma le luci in sala sono ancora accese.


di Silvia De March


COMPAGNIE


IMMAGINI
 
   

LINKS

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale