Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Restare a casa. "La famiglia Campione" de Gli Omini

Restiamo qui, nessuno si muova. Non c'è altro posto in cui andare che non sia questa casa, questo luogo imprecisato che pure non fatichiamo a riconoscere. Di fronte a noi una porta, incastonata in una bassa parete bianca, piccola porzione dell'ambiente domestico. È un corridoio qualunque, l'uscio timido di una casa che assomiglia a tante già viste, la nostra o quella dei vicini.
Gli Omini presentano così la soglia del loro ultimo spettacolo, La famiglia Campione, nato mentre i suoi autori visitavano paesi interrogando diverse persone, dialogando con loro per raccogliere storie da intessere in un unico racconto, concentrando la complessità di un panorama in un ritratto famigliare dal quale emergono stralci di una realtà possibile, sempre credibile e mai estranea.
Siamo nella semi oscurità, e un'anziana donna avanza portando un piatto pieno di mele. Le appoggia delicatamente accanto alla porticina di legno e vetro, e mentre procede con la schiena curva e un abito scuro snocciola un rosario rivelando il suo toscano. Da questo gesto non torneremo più indietro. Come un sipario interno, le mele ci accompagneranno tra i pensieri e le parole della famiglia Campione, dieci elementi interpretati dai tre attori della compagnia che assumono sui loro corpi una tripla linea generazionale: nonni – figli/genitori – figli, al maschile per i due Francesco Rotelli e Luca Zacchini, al femminile per Francesca Sarteanesi.


Quella porta nasconde qualcuno, lo impariamo velocemente: una ragazza si è chiusa in bagno, un gesto di ribellione che suona come monito a tutti i famigliari che dall'inizio alla fine dello spettacolo si radunano discutendo il da farsi per farla uscire da lì, in una catena di «Parlaci tu» o «Se le parlasse il nonno...».
Le storie e i ragionamenti si susseguono secondo la bella e lucida scrittura di questi attori-autori, attraverso dialoghi feroci ed essenziali. Sfruttando una certa asciuttezza della parlata toscana, ogni parola è anche un'azione, un dialogo che è sempre un fare relazione anche nei momenti in cui i personaggi giocano a respingersi o a offendersi quando non sollecitano l'uno all'altra ricordi, sensazioni condivise. La scena è animata da un formicolio costante, un andirivieni posato eppure ostentato. «Sono qui» sembra dirci ogni personaggio, come se questa presenza fosse di per sé segno di una dichiarazione d'amore nei confronti degli altri con cui divide la scena.
Fanno tutti parte dello stesso mondo, e a questo mondo ogni personaggio reagisce secondo la propria sensibilità: un figlio dice di essere sul punto di partire per l'estero, all'opposto del fratellastro che non vuole uscire di casa ma – poiché tutti glielo chiedono – si ripromette di farlo, un giorno; la madre guarda con aria disperata e malinconica il suo ex-marito, un uomo dichiaratamente “scemo”, in stallo tra l'essere in ascolto e il desiderio di nascondersi, mentre vorrebbe che il marito attuale avesse la risposta un po' meno pronta, e si imbarazza per entrambi mentre il più forte (che risolve da solo il Bartezzaghi) annichilisce il più debole (che si fa suggerire al bar le soluzioni dei rebus). In questi scambi spietati, Gli Omini ci fanno anche ridere, non attraverso una comicità che si rivale della goffaggine dei deboli, ma con battute veloci, nate dal saper guardare, dalla conoscenza dei talloni d'Achille di chi ci vive accanto. Un ridere che è al contempo l'aprire gli occhi su chi o cosa ci sta davanti.



In questo piccolo mondo, ognuno lotta per il miglioramento dell'altro, ma senza darlo troppo a vedere. Dicono i nonni: «Noi s'era ignoranti, s'era ciuchi. Ora voi siete ignoranti di essere ciuchi», mentre tra fratelli ci si avverte: «Ci sono persone che sognano di fare cose impossibili, altre che stanno sveglie e le fanno», mettendosi in guardia a vicenda dalla propria staticità, dal proprio fare nido, ma con un'asprezza che non rivela in nessun modo la cura reciproca. Non c'è generosità, non c'è affetto palese, ci si accontenta di sapere come sta l'altro e che cosa sta facendo, rinunciando a una comprensione profonda. Da una generazione all'altra, o tra appartenenti alla stessa fascia di età, il confronto è serrato e diretto, senza responsabilismi da paterfamilias o solidarietà fraterna. I vecchi guardano gli adulti che guardano i giovani, e si osservano tra loro come animali di uno stesso branco che però devono imparare a sopravvivere individualmente, lottando, quando necessario, anche tra simili.
È questa una famiglia che fa da campione ad altre famiglie italiane? È possibile, ed è vero nella misura in cui ciascun personaggio non è altro che se stesso, fin nel dettaglio della postura, nell'aggressività dello sguardo o nella debolezza delle braccia che reggono buste della spesa sgonfie, riempite a malapena da scatolette di medicinali. Una sensazione di povertà ci attraversa sin dall'inizio: l'universo borghese è altrove, qui siamo fuori, in un angolo, in un piccolo luogo dove sopravvive l'essenziale e non c'è modo di comprare cose nuove per fare un regalo ma solo riciclare dal proprio armadio vecchi maglioni «tenuti come nuovi», seppure con qualche trascurabile buco nella lana.

Ma qualcuno si è chiuso in bagno. Nell'angolo di un angolo, dunque. Con quel silenzio, la sorella invisibile dà adito ai suoi famigliari di riflettere un po' di più, di guardare un po' più nel profondo per vedere se lì dentro ci sia o meno dell'affetto da spartire. Con la sua sottrazione la sorella fa spazio al confronto, facendo in modo che non venga più rimandato ulteriormente.
Scena dopo scena, gli attori prendono dal piatto le mele rosse e gialle che erano state appoggiate accanto alla porta all'inizio dello spettacolo. C'è chi dà un morso e basta, chi guarda con sospetto il colore della buccia, chi ne mangia metà e poi la ributta tra le altre. Le masticano e le inghiottono durante le battute, le sottraggono con noncuranza alla sorella o nell'appoggiarvi i segni dei propri denti le lasciano forse un messaggio: «Sono stato qui». Il massimo che avremo da lei in presenza della sua famiglia saranno un paio di colpi alla parete e Summer on a solitary beach di Battiato mandata a tutto volume.
Quando tutti si sono dileguati, abbandonando la base di controllo della ribellione in corso, è un attimo di silenzio, e in quella tregua la sorella (Giulia Zacchini) apre la porta per ritrovarsi finalmente sola. Guarda le mele e ne butta a terra qualcuna, scegliendo le migliori, le meno martoriate.



Nella replica vista a Modena al festival Trasparenze la prossimità tra pubblico e attori ci aiutava a stare dentro quell'intimo, a osservare la spudoratezza dei personaggi di Zacchini, il combattimento interiore delle donne della Sarteanesi o ancora il timore degli uomini di Rotelli (aspetti, questi, solo in parte prevalenti su altri, come caratteri ereditari dominanti). In questa replica noi eravamo sempre percepiti, parte di un gioco del teatro che non solo ci chiedeva di testimoniare o ridere, ma anche di capire che cosa stesse accadendo, a noi e a loro allo stesso tempo. Zacchini guarda in faccia noi spettatori per due volte, come a controllare se siamo ancora lì e se siamo vigili. E noi siamo lì tuttora, incapaci, come la famiglia Campione, di andare altrove.


di Serena Terranova


COMPAGNIE


IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale