Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Sulla soglia. "King Size" di Cristoph Marthaler

Un tempo sospeso, armonizzato da tinte gialle e blu. Un colore caldo e un colore freddo, che si alternano nei dettagli di una stanza d'albergo. Quando entriamo in sala, un attore (Bendix Leffsen) è sdraiato nel grande letto a due piazze e sorride con gli occhi chiusi. Ora la luce gialla si alza e anche lui lentamente si sveglia, fischiettando mentre si veste, entrando e uscendo dalla porta a soffietto del bagno interno. Guardandosi nello specchio accanto al letto, con un pettine e una mano si liscia la testa completamente calva e, raddrizzato papillon e colletto della camicia, esce da una porta per rientrare in proscenio e sedersi al pianoforte.



Basta questo attacco per introdurre il discorso di Cristoph Marthaler. Non c'è un dentro e non c'è un fuori. Ovvero: il confine è permeabile, e quanto sta all'interno di un sogno o di un pensiero può sfuggire e liberarsi facendosi materia altra. Il segno scivola, il significato si trasforma.
Entrano in camera due inservienti, un uomo (Michael von der Heide) e una donna (Tora Augestad), che rifanno il letto al nostro pianista e intanto cantano I go to sleep, un singolo di fine anni '60 dei The Kinks che aggiunge questa alla lunga coda di cover che si sono susseguite nei decenni. Piegano il lenzuolo, accomodano il cuscino ma in realtà – e il canto dovrebbe già averci avvisato – ciò che fanno è prepararlo per se stessi, per entrarvi dentro e uscirne nuovamente.
Da qui in avanti, la coppia accompagna lo spettacolo con una lunga track list di canzoni d'amore che una dopo l'altra costruiscono un racconto possibile, una storia d'amore (o tante storie precipitate dentro un'unica coppia) attraversata da entusiasmo e nostalgia, da condivisioni e distanze, divertimento e malinconia. I due modificheranno il loro abito più volte, avvicinandosi all'armadio svestendosi e rivestendosi di fronte a noi o scomparendo dietro le quinte, per riproporsi sempre diversi e sempre identici, portavoce di stati d'animo archetipici, recuperati da brani musicali e canzonette più o meno celebri, tra cui Mélie Mélodie (1969) e I'll be there dei Jackson 5 (1970).
Ma il surrealismo di Marthaler insidia questa storia di ordinaria passione, e il primo elemento a essere sabotato è l'ambiente che osserviamo: le ante del grande armadio a parete funzionano da porte per un altrove, nelle quali gli attori entrano per poi comparire in altri punti della scena; alcuni dettagli hanno collocazioni fuori dalla portata dell'uomo, in alto a sinistra un piccolo frigo bar di cui è possibile aprire lo sportello ma dal quale non è possibile afferrare niente; così il bagno, che è in grado di fagocitare non uno ma tutti gli attori insieme.


[Foto di Christophe Raynaud De Lage]

Ma non è tutto qui. Se i tre attori comunicano solo attraverso note musicali e canzoni d'amore, un quarto personaggio è pronto a costituire l'eccezione a una regola espressiva a tratti incatenante. È una signora anziana (l'attrice Nikola Weisse), con un tailleur blu scuro, borsa di pelle marrone alla mano, che entra ed esce di tanto in tanto dalla scena. Scruta i personaggi attorno a lei, o li ignora platealmente. Spia negli armadi, si siede comodamente sul pouf che arreda un angolo della camera. Il suo strumento è la parola detta, un parlato lento e pensoso che genera silenzio e un nuovo tipo di ascolto. Dalla sua borsa, anch'esso un varco spaziale degno di un cartoon americano, da quella piccola ma capiente borsa la signora estrae un leggìo pieghevole, che con calma apre e posiziona di fronte a sé. Lo osserva un paio di volte mentre gli attori cantanti si avvicendano attorno a lei per poi dileguarsi lasciandola nel silenzio, e la sentiamo dire «Ci sono leggii che non hanno ancora mai visto una nota», come a rivendicare il senso della pazienza e dell'attesa, il senso del foglio bianco il tempo diverso per ciascuno di far nascere un pensiero o un sentimento.
Nello scorrere dello spettacolo, quella borsa si fa recipiente per un pranzo a base di spaghetti, consumati con due bacchette cinesi perfettamente maneggiate, e strumento di saccheggio: un telefono fisso con tutta la sua cornetta vi entra dentro per poi non ricomparire mai più, sottratto all'arredamento della camera d'albergo come alcuni di noi dalla toilette si impossessano delle saponette.


[Foto di Christophe Raynaud De Lage]

King Size è un'opera sottile, che con estrema leggerezza conduce gli spettatori nel tempo dilatato di un sogno ambientato in una stanza di ghiaccio e oro. È forse un lavoro che per la sua pacatezza non ammalia come altri lavori del maestro svizzero, ma proprio per questo atteggiamento minore, per l'appoggio che propone (il confine del sogno, la soglia tra realtà e irrealtà) costituisce la piccola perla di una grande regia.
Di chi sono questi sogni? A chi appartiene questa vista intonata? Quale vita raccontano tutte queste canzoni? A un certo punto dello spettacolo, la signora anziana ci dice «Sono sempre stata quella che sono, eppure sono così diversa da quella che ero. Sono, diciamo, ora l'una ora l'altra». Questa battuta fa balenare l'idea che l'attrice giovane sia lei, sia stata lei, in un'improvvisa linearità narrativa dove sia la signora anziana, per tutti noi, a ricordare e sognare, ad aver vissuto o aver fantasticato tanti istanti per ciascuna canzone cantata. Ma questa non è una certezza, e forse non ci basta per smettere di rincorrere un filo che procede da un personaggio all'altro. Chiunque essi siano, sono compagni di un viaggio alle soglie dell'irreale. Un fatto possibile soprattutto a teatro.

Visto al Teatro Fabbricone di Prato, aprile 2015


di Serena Terranova
 

IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale