Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Perché è importante vedere Cinque allegri ragazzi morti

Due ragazze adolescenti scorgono tra la folla un loro idolo del passato. Lo chiamano il «detective dell'impossibile» e la nostra immaginazione corre alle figure dei fumetti Bonelli, pensiamo a incubi, a mostri, a casi da risolvere e grattacapi. Le due ragazze cercano la sua attenzione, ma "Dylan" si butta sotto la metropolitana, suicidandosi. Basterebbe questo incipit per consigliare la visione di Cinque allegri ragazzi morti, anche solo per misurare il nostro sguardo di fronte a una storia di adolescenti alle prese con una fine, quella del loro idolo, ma anche dei sogni, forse dell'immaginazione stessa. In Cinque allegri ragazzi morti le temperature del fumetto e della musica cosiddetta indipendente si fondono in un ibrido che conserva tracce dei linguaggi di partenza, creando qualcosa di autonomo.  



Cinque allegri ragazzi morti è uno spettacolo prodotto da Pubblico Teatro (Elena Arcuri e Eleonora Pippo, anche regista), con le musiche dei Tre allegri ragazzi morti (con Davide Toffolo in scena, che è anche l'autore dell'omonimo fumetto pubblicato a puntate negli anni '90) e con Mimosa Campironi, Libero Stelluti, Matteo Vignati, Francesca Agostini, tutti abilissimi nell'alternarsi fra canzoni, battute dei rispettivi personaggi e recitativo da opera indie. Si autodefinisce “musical lo-fi”: lo spazio è quasi vuoto, le musiche sono eseguite dalle attrici e dagli attori con una tastiera, una clavietta, una chitarra classica non amplificata e una elettrica con amplificatore da saletta prove; non ci sono microfoni, le luci sono sempre accese, il pubblico assiste in platea ma anche seduto attorno all'azione (nella replica da noi vista a "Pubblico", teatro di Casalecchio di Reno). Lo-fi, dunque, come condizione d'esistenza del discorso, una necessità di dire che viene prima della cura della confezione. 



Dopo il suicidio, la trama del fumetto prende quota: entra nello spazio un fantomatico addetto al recupero del cadavere, che scopriremo essere parte di un gruppo di “ragazzi morti”, vittima di un sortilegio che li spinge a cibarsi di carni putrefatte - come gli zombi - e che impedisce loro di crescere e di stringere vere relazioni. L'addetto ha la testa verniciata di nero, esprime il suo disagio per una condizione alla quale non riesce ad adattarsi. Lo seguiamo in un parco, dove assistiamo all'incontro di una coppia di amanti: lei ricalcitrante, lui convinto latin lover, lei decisa a non concedersi, lui spaccone, fino alla rivelazione di una “diversità” che accomuna la ragazza con l'addetto dalla testa nera che avevamo lasciato al lato del palco.
«A Milano gli unici animali da cui devi guardarti sono gli uomini», dice l'addetto, e il rituale che dal primo approccio porta al primo bacio lo viviamo come un distanziarsi da relazioni corrotte, utilitarie. Occhi bassi, dritto in faccia non mi guardi mai, canta il latin lover con la chitarra in mano, in un clima emotivo che può ricordare la catarsi collettiva dei "grupponi" di ragazzi e ragazzi di fronte al fuoco. Ma non è così lineare come vorremmo, il “mostro” è dietro l'angolo: «mi hanno negato l'infanzia, rubato la gioventù, rovinato l'adolescenza, e adesso ci sei tu. Puoi dirlo a tutti che sono stato io, a farti un occhio nero, con la matita blu», canta a sguarciagola la ragazza trasformata in “ragazza morta”.


Cinque allegri ragazzi morti è uno di quegli spettacoli che costruiscono nuovo pubblico, miscelando con leggerezza riferimenti e linguaggi, creando ponti fra spettatori che non si conoscono. I programmatori teatrali hanno una grande occasione fra le mani, anche perché Cinque allegri ragazzi morti scorre veloce, si avvicina a chi guarda dosando con sapienza l'empatia della forma canzone e il riconoscimento garantito da un'immaginario condiviso (quello di una fandom); parte da questo per affermare una diversità, un disagio, che poi è quello che tutti i giorni potremmo riconoscere (ma non comprendere) se osservassimo da vicino l'adolescenza. I cinque in scena cantano tutti insieme il brano che è un po' il cuore dello spettacolo, I cacciatori dei Tre Allegri: «non guardarmi cosi perché ho 15 anni / non ho avuto il tempo di diventare Rock Star / che in Italia i tempi sono da elefanti / chi ce la fa non ascolta la mia musica».
Questa volta siamo noi spettatori a sentirci osservati. I ragazzi morti ci guardano, manifestano un disagio, rivendicano una diversità che forse non siamo (più) in grado di comprendere, noi con le nostre adulte narrazioni. Eppure dobbiamo interrogarla, questa diversità: è un malessere che si accontenta di autorappresentarsi, controllandosi e consolandosi? Oppure è un preludio di una nevrosi, è l'incipit di una ribellione?


di Lorenzo Donati
 

IMMAGINI
 
   

LINKS

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale