Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Navigare nella nebbia dell'esistenza. Io sono il vento

Nella nebbia fine ma avvolgente e nella luce ovattata ma diffusa, due uomini sono a bordo di una barca in mare aperto. L’Uno è scomparso, forse si è tolto la vita, dice «non ci sono più», «è successo e basta», poiché «non ci sono posti dove è possibile stare». L’Altro è sconfortato, quel che è accaduto «è terribile», si riempie di domande alle quali non può esserci una sola risposta. Sono due uomini dall’identità non definita, L’Uno e L’Altro appunto, come li nomina Jon Fosse, autore di Io sono il vento messo in scena dal regista tedesco Lukas Hemleb e interpretato da Luca Lazzareschi e Giovanni Franzoni, una produzione di Emilia-Romagna Teatro che ha debuttato all’Arena del Sole di Bologna e che sarà in scena fino al 29 marzo 2015 al Teatro delle Passioni di Modena.


ph Luca Del Pia

Potrebbero essere due marinai o due fantasmi che mentre viaggiano verso l’ignoto dialogano sulla difficoltà e sul piacere di vivere, sul silenzio e sul frastuono dell’umanità, su come poter scappare o come trovare il coraggio di restare, tentando continuamente di definire il disagio che li accomuna, ma non riuscendoci perché lo vivono con sentimenti opposti. Nell’interpretarli i due attori pronunciano ogni parola mantenendola scarna, nuda nella sua crudezza e pura nella sua potenza; non si vestono di retorica o di declamazione ma restano ancorati al concetto che esprimono e lo fanno proprio con i movimenti controllati, gli sguardi fissi, i silenzi tesi, la desolazione interiore. Tutto questo mentre costruiscono e decostruiscono l’efficace scenografia di Pietro Babina composta da 120 casse di plastica, dando vita man mano a una pedana-ponte su cui camminare evitando i vuoti che si aprono nel mezzo, a grandi cubi che sembrano scogli da scansare, a una grande piramide finale che pare l’onda anomala tanto temuta, che tutto travolge. La minimale composizione sonora completa il necessario per portarci nell’atmosfera rarefatta e sospesa di un onirico viaggio nell’aldilà, un limbo, un purgatorio o comunque una dimensione ultraterrena; un’ambientazione perfetta per questa traversata di solitudine in cui, dice L’Uno, «tutto è immaginato, ma è come se fosse vero», proprio come nell’essenza del teatro.


ph Luca Del Pia

L’Uno (Lazzareschi) è buio ed enigmatico («Dico cose perché devo dirle»), non riesce a pronunciare il suo malessere, non sopporta il «rumore degli altri» ma non è a suo agio nemmeno nel silenzio e nella solitudine; L’Altro (Franzoni) appare invece più positivo («Non è poi così male la vita») e incalza il compagno di viaggio con domande per capire il suo stato d’animo, ma riceve solo delle risposte subito contraddette, delle frasi sempre ambivalenti e mai chiare che lo mandano in crisi. Inizialmente i due uomini sono in due piani spaziali diversi, L’Uno sopra le casse di plastica e L’Altro sulla pedana più in basso, a dimostrare questa differenza. Eppure sembra che si conoscano e che percepiscano lo stesso disagio, si affannano nel tentativo di concordare sui loro sentimenti e arrivano sempre a un passo dal riuscirci, ma poi negano e decostruiscono e ripartono da capo, continuando con poche parole a evocare teorie e filosofie del linguaggio di echi wittgensteiniani, talvolta complesse da cogliere («quella singola immagine dice com’è quella cosa perché non si riesce a dirla in un altro modo, e invece dice sempre qualcos’altro»). Nel mentre, navigano verso un’isola di scogli dove si fermano per pasteggiare e poi ripartono verso il mare aperto, finché non devono prendere una scelta: L’Uno vuole navigare dritto e consapevole verso l’ignoto, L’Altro ha paura e lo invita a fermarsi; L’Uno ha uno sguardo lucido e folle di chi sa di compiere un gesto da cui non si torna indietro, L’Altro non riesce nel tentativo di farlo desistere. Finché L’Uno, la cui interpretazione di Lazzareschi qui raggiunge uno slancio ostinato e quasi eroico, non si getta in mare e rifiuta di essere salvato, abbandonandosi senza rassegnazione alla morte; per poi apparire come una resurrezione alle spalle del compagno ripetendo le stesse frasi dell’inizio dello spettacolo: «è successo e basta», «non ci sono posti dove è possibile stare». Ciò che era già accaduto al principio dell’opera torna al suo termine: una chiusura ciclica, l’evocazione dell’eterno ritorno, che lascia lo spettatore definitivamente turbato. Eppure c’è un passaggio che pronuncia L’Uno alla fine del suo monologo ultimo, con la frase che dà il titolo dell’opera: «Sono solo peso / E non sono peso / Sono movimento / Vado via col vento / Io sono il vento». Un’accezione così leggera dell’eterna fine, il contrasto definitivo del testo che lascia il conflitto tra vita e morte irrisolto o forse risolto proprio per la sua mancanza di risoluzione. In questo sta l’efficacia del testo di Fosse: un testo di potente ambivalenza, essenziale e profondo allo stesso tempo; un dialogo pieno di vuoti e di silenzi che portano a lunghe riflessioni e taglienti angosce, in cui parole semplici costruiscono complesse architetture di affermazioni e negazioni. Parole ardue da pronunciare anche per i due attori, che vanno a toccare le proprie intime corde che vibrano durante le umane crisi esistenziali e i pensieri sul senso della vita; momenti di abisso che prima o poi attraversano chiunque rimanendo bene impressi nei nostri organi, e che i due attori hanno evocato a ogni replica tentennando, esitando e riuscendo infine a esprimere vivendo ciò che interpretano. Lazzareschi e Franzoni sono particolarmente abili nel caratterizzare con immediatezza i sentimenti dei loro due personaggi riuscendo allo stesso tempo a sfumare le direttrici e i confini che animano un rapporto contradditorio e metafisico nel quale lo spettatore è portato a carpire i mille rivoli che si dipanano da ogni parola.


ph Luca Del Pia

In fondo siamo in mezzo alla nebbia in mare aperto, dove tutto si confonde e non esiste la netta linea dell’orizzonte, come in certi dipinti a olio di Piero Guccione che sono i luoghi paralleli perfetti dell’ambientazione di Io sono il vento: luoghi ideali per la meditazione, poiché il paesaggio è offuscato e la materia si confonde con l’apparenza, ma che impediscono ogni certezza e comprensione di ciò che sta al di là della coltre. L’eccezionale drammaturgia di Jon Fosse, nel suo lavorare per accenni e sottrazioni e confusioni, si trova in questo caso nel suo luogo-specchio; e la regia di Lukas Hemleb riesce a lasciare alla pancia del pubblico il compito di domandarsi se si può scappare dal peso dell’esistenza e del sociale, e se il prezzo della fuga è gettarsi in mare aperto senza risalire a galla. Lazzareschi e Franzoni hanno impiegato sudore per saldare tutti gli ingranaggi emotivi dei loro personaggi, ma giorno dopo giorno hanno stretto i nodi e dimostrato le capacità di arrivare a una giusta esecuzione di un testo faticoso per le continue e difficili azioni sceniche da compiere, complesso per le infinite sfumature che stanno dietro a ogni affermazione/negazione e potente per le umane angosce esistenziali che evoca nello spettatore con poche, asciutte e ben saldate parole. Che dicono sempre qualcos’altro.


di Alex Giuzio
 

IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale