Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Operaio off. 24. Giuseppe Dozzo secondo Simone Toni

Pneumatici, tavole e catene si scorgono nella penombra sul palcoscenico. Simone Toni indossa i panni di Giuseppe Dozzo, mimetizzato nel grigio, infilato in una pila di gomme adagiate a terra, come in un sacco a pelo. Una voce off inizia a leggere la prima pagina del diario scritto dall’operaio Fiat tra il novembre ‘57 e il gennaio ‘59. Una raccolta di lucide annotazioni che riassume il suo ultimo travagliato anno, alle dipendenze dell’azienda torinese.
Operaio Off. n 243688 - Il diario di Giuseppe Dozzo, operaio Fiat 1957/58 è un progetto di Marco Benazzi diretto e interpretato da Simone Toni (regista e attore attivo nella compagnia Gli Incauti). L’impatto per lo spettatore è opprimente. Non solo il bianco e nero della scena che frena l’aspettativa, ma anche l’evidente rapporto di sudditanza che inizialmente si mostra sul palco tra l’attore e quella voce, la voce del padrone che schiaccia Toni costringendolo quasi all’immobilità. Il protagonista è solo nell’officina n.24 dello stabilimento, nella quale è stato trasferito per motivi ancora poco chiari. Una pioggia di guanti da lavoro restituisce il diario al suo protagonista: l'attore si scrolla di dosso gli pneumatici uno ad uno, si alza, indossa i guanti, e le righe delle sue memorie prendono corpo attraverso il ritmo del suo accento meridionale. Scopriamo allora che l’officina n.24 non è un luogo dove innamorarsi di un mestiere, come per 13 anni aveva fatto Dozzo riorganizzando con cura il magazzino dell’officina n.6. L’officina n.24 è il purgatorio dei non allineati, dei dissidenti, di quelli che non si accontentano dei doveri e pretendono diritti.


ph Grazia Perilli
 
Da questo momento in avanti le date degli appunti vengono proiettate sullo sfondo dallo stesso attore tramite una diapositiva. L’effetto estrania lo spettatore, che vede Toni e il suo personaggio sdoppiarsi ma al tempo stesso dona profondità a una scena in cui gli oggetti che prima s’intravedevano ora diventano centrali nello sviluppo della drammaturgia. 
Man mano che le pagine del diario vengono sfogliate la fatica aumenta, sia per l’operaio che per l’attore. Apprendiamo che Giuseppe Dozzo è iscritto alla Fiom, convinto che il lavoro non sia un dono per il quale rendersi schiavi, ma sforzo, soddisfazione e crescita interiore. Inizia a scorrere sudore sul volto di Simone Toni che, come Charlot in Tempi Moderni, spazia davanti al pubblico in maniera goffa, a tratti buffa. Dalla prostrazione iniziale si passa a un moto quasi perpetuo: prima seduto sulle gomme, poi in piedi davanti al pubblico, poi di corsa da un lato all’altro, camminando sulle tavole. Intanto il suo monologo prosegue, tra giornate di lavoro estenuanti passate a spaccar legna, ferie estive e fugaci confronti con i propri compagni preoccupati di avere in tasca la tessera del sindacato giusto. Ma il protagonista non ha timori particolari, osserva ciò che lo circonda, si fa domande, ascolta e appunta. Nonostante festeggi appena trent’anni proprio nel ‘58, Dozzo non è solo un operaio esperto, ma anche un ex partigiano che al fronte ha imparato a confrontarsi con la paura.


ph Grazia Perilli

La pièce entra nel vivo quando Toni sveste letteralmente la classica tuta da operaio per indossare giacca e camicia, segnando un confine tra sé e la sua penitenza. Anche lo scettico spettatore capisce che la battaglia di Dozzo è in una fase cruciale e l’aspettativa cresce. Ma l’azienda marca stretto il protagonista attraverso i suoi controllori, gli tende trappole alla ricerca di un pretesto per spedirlo dal purgatorio all’inferno del licenziamento. È ora più attento a dove mette i piedi mentre testimonia soprusi e allontanamenti che i suoi colleghi subiscono impotenti. Per tutti, l’anticamera della disoccupazione è l’officina n.24. Ma la sua fatica è verticale come la sua schiena. Dozzo si iscrive al partito comunista, partecipa a cortei e manifestazioni e si riconcilia con il suo spirito quando viene spostato temporaneamente tra gli addetti alla verniciatura delle Cinquecento. Il rosso della vernice fresca che Toni spande come un artista su un’automobilina è anche l’unico momento di colore della scena, una piccola speranza nel futuro di un uomo che corre ormai spedito incontro al suo destino. Così, dopo aver ricevuto due ammonimenti dall’azienda per essere stato sorpreso a “oziare”, l'operaio decide di reagire.


ph Grazia Perilli

La dinamica della sua ascesa è ricostruita in maniera geniale da Simone Toni: con tre tavole infilate una dietro l’altra, attraverso altrettanti copertoni appesi alle catene e posizionati a diversa altezza, si ottiene un triangolo inclinato ove ciascuna gomma corrisponde ad un vertice. L’attore sale sulle tavole e lentamente raggiunge come un equilibrista la vetta, dove consuma la sua rivoluzione. È il tetto dell’officina n.24, ma è anche l’apice dello spettacolo. Si riode la voce off che questa volta si trasforma in eco, sovrastata e sconfitta da Dozzo che non ha più voglia di ascoltare e che, nonostante il rischio di cadere, affronta muso a muso la sua sentinella, con rabbia, senza mai perdere lucidità. Il pubblico è anch’esso in bilico, come Toni e Dozzo: tutti precari. È forse l’unico momento in cui Il trentenne di ieri si fonde con quello di oggi annullando di colpo la distanza temporale della memoria.
Dopo lo sfogo la discesa è lenta ma inesorabile, come la lettera di licenziamento successiva che diventa una liberazione per tutti: per Dozzo che vede davanti a sé nuovamente un futuro da scrivere, per Toni che legge attonito, seduto sulle tavole, e per il pubblico rimasto a lungo su quel tetto, patendo insieme all'operaio, entrambi alle prese con una domanda: «dove finisce il diritto al lavoro e dove comincia il dovere della dignità?». L’applauso finale non scioglie il dubbio ed è il giusto tributo a uno spettacolo che il dubbio lo crea, traducendo una storia lontana in occasione di lettura profonda dei nostri tempi.

Davide Di Lascio

   

IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale