Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Le immagini perdute. John Doe di gruppo nanou

Occupa il centro dello della scena, i corpi non possono che attraversarla e sostare sotto la sua superficie, o aggirarla passando sul fondo. La sua conformazione attrae lo sguardo, anche in assenza di presenze umane, come se stesse lì per evidenziare lo spazio. È una struttura metallica quadrata, composta da quattro archi rettangolari che si congiungono. Sotto alle sue volte, al centro, sta una poltroncina rossa. Sembra la metonimia di una grande voliera o di un gazebo, oppure semplicemente è un vistoso oggetto di interior design. Dal buio appare una donna (Rhuena Bracci) con un abito dal sapore retrò, si muove assecondando uno swing di piroette, il corpo gira, salta e piega gli arti inferiori seguendo una rotazione circolare. Luci verdi soffuse e fredde. Fa il suo ingresso una coppia di ragazze che si muove sincronicamente: passi laterali, molleggiamenti sulle gambe, ondeggiamenti del bacino accompagnati da braccia e mani che si sollevano per poi congiungersi dietro la nuca. Luci rosso vivo. Dietro la gabbia si svela una soglia diafana che dà accesso allo stesso luogo di partenza, un “portale” di fili bianchi che scendono dall'alto e lasciano intravedere il fondale scuro. Transizione verso luci bianche glaciali. Ma il colore del set scaturisce soprattutto dal suono, composto da Roberto Rettura: un fruscio disturbato diviene percussivo felpato, preludio a una melodia portata da accordi ripetuti di chitarra elettrica, e immediatamente ciò che vediamo ha il sapore della perdita, dell'immagine che sfugge. Ci assale un non so che di malinconia per fraseggi che sentiamo di non potere afferrare, o fermare. E, in effetti, la sintassi di John Doe di gruppo nanou punta proprio a sospendere l'ordito, partendo dal nome dello spettacolo, l'appellativo attribuito nel gergo giuridico statunitense quando non si può o non si deve risalire all'identità di un uomo. La donna dell'inizio ora si muove dal fondo verso il proscenio attraverso un lento e obliquo rotolamento a terra, una quarta ragazza in abiti da uomo esibisce una sequenza di gesti frontali, ora irosi e spigolosi, utilizzando la poltrona come asse del suo percorso, ora descrivendo traiettorie più quotidiane, come fossero l'inizio o la fine di azioni casalinghe.


© InFlux | Federico Fiori, Francesca Lenzi

Nel precedente progetto Dancing Hall (2013) s'indagavano i confini di un movimento legato ai balli di sala, lasciando che fossero i danzatori (uomini) a promuovere il discorso, inseguendo fugaci apparizioni femminili. L'inizio di questa nuova progettualità, dopo i meandri mentali fra ossessioni poetiche e indizi narrativi del progetto Strettamente Confidenziale (2014), crea un universo di elusione e seduzione incarnato solo da danzatrici, eppure sottilmente filtrato da uno sguardo maschile (il nostro e quello del coreografo Marco Valerio Amico, che questa volta non danza). Una relazione che si manifesta necessariamente attraverso l'assenza dell'altro, e viceversa?

A un dato momento il suono cambia connotati. Tace e riprende con cadenze sorde di corde di chitarra, come fossero senza cassa armonica. Poi il tessuto si spande, il riverbero di note sovrapposte aumenta diventando quasi ambiente sonoro, gli iniziali presagi di oscurità si trasformano in ondate di note continue. È il momento in cui, e siamo nella seconda parte dello spettacolo, i fraseggi delle danzatrici vengono a sovrapporsi sulla scena, si intersecano aumentando di ritmo, si alternano fra primo e secondo piano in un paesaggio di stratificazioni luminose, sonore, spaziali. Le gambe si flettono e si stendono diritte con i fianchi adagiati sulla poltroncina, si accennano verticali e “ruote”; il tronco s'inarca e si mostra girato di schiena, avanzando lentamente, celando il volto. Salgono dei lievi rintocchi come di campane tibetane.

Da Motel in avanti (2008/2011) il gruppo di Ravenna ha adottato una maniera di procedere per progetti, suddividendo l'opera in molteplici occorrenze fra loro anche linguisticamente differenti. Qui ci troviamo divisi fra fascinazione della perdita e disappunto per l'incompiuto, con immagini che ci scorrono di fronte ma sembrano provenire da un passato che non siamo in grado di ricostruire. Ma tale indecisione potremmo rivolgerla alle nostre stesse aspettative: dal momento che anche J.D. è una progettualità destinata a comporsi di diverse occorrenze, andremo in cerca della chiusura di un arco narrativo, come in una saga, o propenderemo piuttosto verso la sospensione e la dilatazione, come in un serial?

[continua...]

Spettacolo visto a Pubblico. Il teatro di Casalecchio di Reno il 04/12/2014. Articolo pubblicato il 16/01/2015


di Lorenzo Donati


COMPAGNIE


IMMAGINI
 
   

LINKS

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale