Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Dentro il corpo, fuori dal tempo. Corsia degli incurabili
Se ne sta lì, apparentemente inerte, su una sedia a rotelle. È incastonata in un angolo di ospedale spoglio e rovinato, con la testa delicatamente ferma sullo schienale, gli occhi socchiusi, le gambe appena divaricate e i piedi nudi. Sta lì, l'attrice, Federica Fracassi, i suoi capelli rossi gonfi e leggeri, il mento sottile che le appuntisce il viso ancora morbido nell'incipit di Corsia degli incurabili. Poi si alza il suono e viene illuminata da un piccolo faro appostato tra lei e la linea esterna del palco. «Lama di luce da una vastitas» recita la didascalia iniziale del testo di Patrizia Valduga, poetessa nata nel 1953, penna pungente che distingue, dichiarando il suo gusto, ciò che oggi si può amare e ciò a cui invece bisogna prestare diffidenza; è autrice di questo atto unico, scritto in terzine dal suono duecentesco che vede nel 2010 la messa in scena a firma del regista Valter Malosti.
Quando la luce si illumina accompagnata dal rumore di una profonda vibrazione, ecco che anche il corpo dell'attrice si accende. Tutto il volto si muove – si aprono gli occhi, nascono rughe d'espressione sulla fronte e sul collo – e le mani reagiscono di conseguenza, stringendo le dita e ingrossando i tendini degli avambracci. Da qui in poi, quel corpo sarà luogo di passaggio per molteplici voci (o forse una voce unica dalle tante personalità?) che scatenano azioni e reazioni a seconda dei pensieri espressi, delle immagini sopraggiunte.
Corsia degli incurabili è un atto teatrale in versi, nel quale prendono vita malati, pazienti terminali, sofferenti all'ultimo stadio di sopravvivenza. Sono perlopiù anime spietate, che hanno perso pudore e guadagnato schiettezza, dirette nelle loro invettive contro lo Stato («Signor Presidente della Repubblica, / io non l'ho avuta la Legge Bacchelli») e contro i manipolatori della comunicazione («le tivù ci hanno fatto l'incantesimo...», «vogliono assassinare l'italiano! / Lo vogliono svilire, impallidire, / con lo iènchi filmesco sottomano»), e caute nel rivelare di conoscere l'imbarazzo dei sani che si recano in visita negli ospedali. La Valduga dunque non circoscrive il discorso alle patologie fisiche, ma estende il concetto ai mali della società, della serva Italia, accennando ai sintomi che porta addosso il linguaggio (storpiato, svilito) e ai condizionamenti della cultura di massa sui caratteri degli italiani. In questo modo, l'intimità svelata della figura che abbiamo di fronte non è uno sfogo da ultimo istante di vita, ma la descrizione di un pensiero circolare da fuori a dentro, e il personaggio è come una spugna che assorbe i tanti percorsi di questo fluire ininterrotto che ora, con coscienza, ci ripropone goccia a goccia. È la Fracassi che ci aiuta a comprendere il giro vorticoso della poetessa, è l'attrice che regge con tinteggiature delicate o fiorettate decise quelli che altrimenti avrebbero potuto essere sbandamenti, lampi schizofrenici, stranezze da moribondi.
In quest'unico corpo in scena si riversano più disperazioni, con diversi toni di aggressività e comprensione, di lucidità e abbandono. In ogni passaggio da un registro all'altro, Federica Fracassi  modifica quanto basta la torsione della testa o la fibra della voce, salendo e scendendo di volume a seconda della parola pronunciata, nel rispetto del contenuto e del contesto che la avvolge. Non c'è esibizionismo o esternalizzazione forzata: tutto nasce da un evidente dentro, un magma compatto di dolore e cure, e ogni verso scritto ha una direzione con un suo preciso orizzonte che l'attrice davvero ci fa intravedere.
Nel percorso espressivo dei tanti umori, la regia di Malosti accompagna l'interpretazione della Fracassi con una partitura musicale e un disegno luci che amplificano quanto vediamo incarnato: in alcune fasi dello spettacolo questo sistema non fa altro che ribadire, diventando insistente, caricando l'immagine e il testo che lo spettatore ha di fronte a sé; in altri momenti la partitura è interrotta da voci inattese (pezzi di CCCP, Carmelo Bene, la romanza di Francesco Paolo Tosti citata dalla Valduga ritrasmessa in scena con la voce di Enrico Caruso) o suoni non più solo didascalici e, tra questi, uno ci cattura maggiormente. All'inizio è un sottofondo, un fruscio diseguale a cui la voce della Fracassi si appoggia con un ritmo più stanco, forse più riflessivo. Solo a un certo punto comprendiamo che si tratta del suono di un registratore a nastro, che riavvolto ora ripete il discorso appena sentito dalla viva voce dell'attrice. Questo momento crea all'improvviso uno spazio alternativo alla camera dalle pareti scorticate, e ci spinge a domandarci “dove?” ci troviamo. L'arricchimento che Malosti porta al testo, che la Valduga immagina «a letto, in una stanza d'ospedale», è forse proprio la possibilità di far muovere queste parole anche fuori dalla corsia del titolo, facendoci inoltrare ora in una stanza privata dove si dettano lettere o memorie a un magnetofono, ora in uno schermo o alla radio richiamando a quante più orecchie possibili l'attenzione su alcuni problemi che affliggono la società o la lingua italiana. È solo un attimo, ma basta per farci immaginare uno spazio mobile, che procede dal passato al futuro di chi ci parla, ora persa in un ricordo, ora accesa nella proiezione ossessiva di un piccolo futuro: «Che programmi per oggi?». La domanda, ripetuta più volte dall'inizio alla fine dello spettacolo, ci arriva alle orecchie come una provocazione, un ammonimento. O, più semplicemente, come l'attacco di un dialogo, la seria richiesta di esser presi in considerazione da chi è venuto in visita, amico, parente o spettatore.

di Serena Terranova


COMPAGNIE


IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale