Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Drage/Drage (Expensive/Darlings) di Maja Delak

 

Vestite con pantaloni neri e canotte bianche sette attrici-danzatrici irrompono in scena. Entrano ed escono più volte, sistemando degli oggetti sul palcoscenico, fino a disporsi una di fianco all’altra. Rivolte al pubblico iniziano a saltellare, continuamente, portando fino allo sfinimento i loro fragili corpi. Una si accascia a terra, le altre continuano. Poi, a turno, tutte insieme crollano come sfinite ai piedi delle altre. Con questa sorta di esercizo-rito ha inizio lo spettacolo Drage/Drage (Expensive/Darlings) di Maja Delak, presentato per la prima volta in Italia durante il festival di teatro contemporaneo Omsissis8. In questa nuova produzione, nata in collaborazione con l’Emanat Institute e con l’associazione City of Women, la coreografa analizza criticamente la situazione della danza contemporanea in Slovenia: quest’arte, infatti, si trova in una condizione di subordinazione e rispecchia un'emarginazione non dissimile a quella della donna nell'intera società. Attraverso Drage/Drage la coreografa porta avanti anche una ricerca di nuovi luoghi per il movimento e nuovi spazi per il pensiero: le danzatrici vengono presentate agli occhi del pubblico anche attraverso otto monitor sistemati sul proscenio. Questi ultimi sono collegati a telecamere che riprendono dal vivo i loro movimenti sottolineandone i volti e alcune parti del corpo. Gli occhi, le mani, i piedi presi in primo piano vanno ad aumentare le particolari individualità delle danzatrici, rese fisicamente anonime da quel movimento standardizzato. Una di loro si distacca dalla fila e va a indossare un abito bianco con delle ali appese: inizia così a danzare, con passi ritmati classicamente, mentre le altre cinque si spostano in modo convulso e quasi isterico. Muovendosi in questa sorta di stanza sotto sorveglianza ogni performer va a incarnare diversi ruoli: dall’oscura strega-vampiro al fragile angelo, dal toreador spagnolo in abito dorato all'icona di Adriano Celentano, interpretato dalla stessa Maja Delak. In mezzo a loro si muove una sorta di timorosa traduttrice che accompagna le figure nelle transizioni fra spazio e parole. La performance raggiunge il suo apice nel momento in cui le danzatrici e la stessa traduttrice prendono in pugno alcune armi e le sollevano puntandole violentemente contro il pubblico. Il momento successivo vede il loro ultimo gesto che si scioglie in una coreografia animata dalla musica del film Barbarella. Drage/Drage, una delle più significative rappresentazioni di questi ultimi anni in Slovenia, ci dice sia dell’individualità di artiste che tentano di uscire da uno stato di oblio artistico sia di quella di donne che indossano ironicamente i panni di icone della società moderna.


di Francesca Giuliani
 

IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale