Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Un atto d'ascolto. Mit Lenz di Claudio Morganti

«Come già dovreste sapere una sedia è già teatro, ma due tornano a esser niente»
Vassili Claudienko


Avanti oltre la porta c'è un teatro giocato al buio. Si passa attraverso un frastuono, un insieme di rumori, di sirene stradali, il fruscio di un vento gonfio, e poi nel silenzio si fanno i pochi passi necessari a raggiungere il proprio posto. Ed ecco che siamo entrati. I sotterrani del Teatro Magnolfi di Prato si aprono al pubblico del Festival Contemporanea, con poche sedute predisposte per la visione.
Sul fondo semibuio ci aspetta Claudio Morganti, la luce è sufficiente per averlo a riferimento di questo breve cammino, scegliamo la nostra sedia e intanto ascoltiamo l'attore che ci accoglie. Da qui in avanti il ritmo è un instancabile procedere verso ulteriori ingressi: l'opera cambia di continuo e sembra dare a ogni giusto attimo il valore di un nuovo inizio.


[Mit Lenz, ph Rita Frongia]

Siamo al centro di Mit Lenz, un lavoro che considera lo spazio della visione come una palestra, nella quale spettatori e attori sono tenuti a sudare, muovendosi di continuo, e a provare nuovi attrezzi ad ogni cambio di luce, per testare al meglio le qualità che gli atleti-attori ci propongono.
Sulla scena – un quadro curvo di sassi e libri, piccole fonti di luce e pochi oggetti dalle forme semplici – sono Antonio Perrone e Claudio Morganti a tenere in vita la storia di Jakob Michael Reinhold Lenz, poeta tedesco il cui peregrinare attraverso le valli del sud della Germania è stato illustrato da George Büchner in un racconto che reca a titolo il solo cognome, Lenz. Tra i due autori, Büchner e Morganti, esiste una relazione che da diversi anni attraversa il teatro, e si è manifestata in letture e spettacoli, e che in particolare ha trovato nel Woyzeck un incendio di connessioni; da allora Morganti sembra essersi immerso in una ricerca nella quale è sempre più difficile distinguere la pratica dalla teoria, ovvero il fare teatro dal vedere il teatro, e il lavoro compiuto sulla scena è un continuo manifestare l'arte dell'attore e la visione che l'attore stesso ha del teatro, di quell'istante scenico, di quello sguardo che lo spettatore gli rivolge. Complice drammaturgica in questo tragitto è Rita Frongia, che anche in Mit Lenz sa farsi presenza dalla sua piccola e adombrata regia, costruendo dalla sua postazione il terzo vertice di un serrato triangolo.
Tra il lungo cammino nel Woyzeck e il nuovo abbraccio con Lenz, esiste un libro che fa dello sdoppiamento una chiave felice di scrittura: nella rigorosa schizofrenia di un autore che si frantuma in maestro e discepolo, archeologo e lettore, il Serissimo metodo Morg'hantieff (Edizioni dell'Asino, Roma 2011) non è solo una sorta di manuale pensato per attori, teatranti e spettatori che davvero si staglia nell'orizzonte editoriale, ma è anche un sincero autoritratto, la descrizione anatomica del proprio occhio artistico, che si diverte, con la penna e coi disegni, a farci camminare in un mondo di idee, di esempi, di esercizi veri e falsi, depistandoci o accompagnandoci in un vero e proprio modo di pensare il teatro.


[Antonio Perrone in Mit Lenz, ph Rita Frongia]

Mit Lenz è una collana di soglie, un'incessante catena di respiri, una visione che si sviluppa per diapositive, con un sonoro stacco tra un'immagine e l'altra che riaccende, ad ogni fotogramma, l'attenzione vigile dello spettatore. È uno spettacolo che chiede di dimenticare, di fare tesoro, di fermarsi, di ripartire e di avere pazienza. La prima scena è un respiro, il respiro profondo che vibra dal corpo di Perrone, che abbandona il suo ritmo normale per perdersi nello spasmo, fuori dal controllo. L'attore, che qui fa le veci del poeta Lenz, è guidato da Claudio Morganti, che invece, quando non è se stesso, assume ora il ruolo di narratore ora quello di Oberlin, guida spirituale di Lenz che lo accolse nella sua casa e che per lungo tempo lo aiutò a proteggersi dalle proprie allucinazioni.
Perrone è dunque il poeta giovane, che si muove inquieto attorno a noi e si fida solo della voce di Oberlin, con il quale per un tratto conversa, dal quale all'improvviso fugge. Ma più spesso è interprete delle sue indicazioni: Morganti talvolta si ferma, ci ferma, interrompe la visione e racconta, spiega o commenta ciò che abbiamo appena visto oppure ci anticipa, come un suggerimento, che cosa stiamo per vedere. Ed ecco ciò che annuncia appare davanti ai nostri occhi, nel corpo di Perrone o sul volto dello stesso Morganti, o nella voce di entrambi, aprendo dunque le maglie registiche che reggono e nutrono questo ritmo incostante, movimentato e però preciso, determinato.

Tutto il lavoro è un gioco di passaggi sottili o cambiamenti eclatanti, come le incursioni degli attori tra il pubblico con bicchieri di vino o con una grande ampolla di acqua di rose, e ogni volta lo spettatore ricomincia a guardare, ad ascoltare, a capire dove si trova in quel momento. Lo spettacolo ci mostra due attori disinvolti nel loro raro talento, divertiti e seri in un gioco di interpretazione scenica che sosta su un carattere tragico-romantico per riflettere sul tempo – i frammenti del presente di un'esperienza continuamente sopraffatti dalla furia di una storia – sulla luce che scolora l'ambiente per attenuare ogni scissione tra chi guarda ed è guardato, sia nel gioco d'ombre che nel pieno luminoso.
Mit Lenz è un palese atto di teatro, un tentativo di svelamento per gradi dell'arte dell'attore, un'occasione per lo spettatore di rigenerare i propri occhi osservando, attorno a sé, il dinamico manifestarsi di un racconto.


di Serena Terranova


COMPAGNIE


IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale