Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


L'oscura bellezza. Sasha Waltz tra passato e presente

Tellurica e poetica, oscura e lieve, emozionale e lirica, la danza della coreografa tedesca Sasha Waltz torna in Italia con Continu, monumentale creazione in scena al Teatro Valli di Reggio Emilia nel contesto del festival Aperto 2013.
Ventitrè danzatori imprigionati nella scatola nera del teatro, come in una stanza senza vie di fuga realizzata in moduli quadrati di quella che sembra bachelite nera. Scura e misterica come la notte, l'apertura, strepitosa, è affidata a sei danzatrici. Sulla partitura per percussioni di Xenakis, qui realizzata dal vivo, la scena sembra raccontare una storia segreta, indicibile, ancestrale, fatta di battiti e scuotimenti, di onde morbide e di cesure aguzze. La danza ha inaspettatamente echi grahamiani, anche se impalpabili come ombre e le danzatrici si trasformano da sacerdotesse di antichi riti in creature sensuose che dividono un unico respiro.
E ombrosa appare anche l'atmosfera del primo atto di Continu: introdotto da un infrangersi sonoro di vetri e metallo, si dipana seguendo le ombreggiature e i moti violenti della sinfonia Arcana di Varèse. Il palco si popola allora di una massa amorfa che procede con un'andatura animale. Tutta la coreografia è attraversata da una irriducibile dialettica tra l'individuo e il gruppo, inteso come forza normalizzatrice e brulicante che succhia ogni energia per poi risputarla in molecole umane perdute e meravigliose, subito riassorbite nel movimento corale. La danza si coagula in gruppi, in duetti e in qualche assolo che si staglia sul fondale della massa. Sorge spesso una memoria bauschiana, in particolare della Sagra, nella sottolineatura delle braccia, nella ferocia della scelta, nella contrapposizione tra il singolo e il gruppo. In Waltz però ogni “eletta” è autoproclamata, e non c'è possibilità di soluzione, neanche con la cruenza di un sacrificio. Al contrario tutto l'ensemble sembra percorso da un inesauribile istinto di fuga, sempre impossibile, che rotola sulle pareti lisce prive di appigli.
Se il disegno coreografico e drammaturgico è angosciante, la bellezza della qualità di questa danza è invece in grado di lenire ogni asperità, sottolineandone paradossalmente la levità. I corpi sono fluidi e duttili e si muovono come acqua, ma con la precisione ordinata di un meccanismo unico, capace di trasformarsi in un attimo da aguzzino tagliente in abbraccio morbido. Piegati come alberi nella tempesta, si sbalzano sui paesaggi musicali, per poi divenire onde infinite, vortici e abissi. Sul finire, una fila unica di danzatori, un giudizio inappellabile: mentre una voce spara dei colpi, a uno a uno crollano in questa fucilazione. Ma con la resistenza del singolo, l'ultimo si rifiuta di morire e corre tra i corpi rimasti a terra.



Waltz racconta che lo spettacolo è nato attingendo alle esperienze del Neues Museum di Berlino e del Maxxi di Roma, dove in anni passati l'artista tedesca ha presentato due interventi coreografici site-specific. Ecco allora tornare in Continu le celebri “passeggiate sul muro” e le fughe circolari in una corsa da topi di laboratorio, più una miriade di suggestioni, idee di movimento e figure prelevate da quelle situazioni. Ma Continu cuce tutto in un amalgama che si rivela seguendo la struttura musicale, respirando a tratti nel silenzio. Così, dopo l'oscurità del primo atto, arriva la lattiginosa luminosità del secondo, quieta, intima, tutta giocata su toni chiari, che disegna lo spazio sulle note dell'Adagio del quartetto per oboe di Mozart. Una costellazione di corpi raggrumati a piccoli gruppi su un tappeto bianco, una figurina sola appoggiata a un equilibrio impossibile, membra contorte in spasmi quasi baconiani, la danza si srotola e si cheta su un tappeto bianco dove i corpi tracciano calligrafie.
Uno spettacolo capace di angoscia e dolcezza, con una spinta primigenia che batte sotto l'addomesticamento tecnico, con una danza che attraversa il secolo coreutico secondo la linea di fuga più fluida, à la Trisha Brown, irrobustendosi però degli ultimi trent'anni di danza contemporanea. Un soffio spaziale poetico e lirico che solo a tratti cede e mostra la costruzione, il manufatto artistico, forse covando una volontà celebrativa dopo una tale carriera. Ecco allora il profluvio di materiale, l'ampiezza sinfonica della creazione, la sua vena tematica dalla portata ancestrale.
Poi un'ultima corsa sotto il tappeto bianco mette a tacere ogni cosa, svuotando la scena. Come una coltre sarà questo candore a pacificare tutto, addormentando la danza sotto il suo abbraccio.


di Lucia Oliva


COMPAGNIE


IMMAGINI
 
   

LINKS

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale