Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Le secche dell'amore. Startupteatro a Taranto #2

[prosegue]

Il numero degli iscritti era più alto dei posti disponibili, al laboratorio Allenare lo sguardo condotto da Massimo Marino. Una ventina sono stati selezionati e hanno partecipato ad alcuni fitti giorni di spettacoli, discussioni e scritture che sono ancora in corso sul sito http://startupteatro.wordpress.com.
Ci piace ripartire da questa nota per la seconda corrispondenza da Taranto, dopo che il progetto Startup Teatro del Crest si è concluso da alcuni giorni con tutti gli spettacoli della sera praticamente esauriti e con incontri mattutini molto partecipati. Startup è stato un festival che ha messo al fianco proposte di teatro d'attore con opere performative o di danza, perché non è nella definizione linguistica che va cercato un senso ma nella lucidità delle domande che si pongono al mondo, da orizzonti disciplinari diversi. Ovviamente questo vale solo se alla parola festival si vuol far corrispondere una ricerca e non una confezione.


Il Teatro TaTA' al quartiere Tamburi di Taranto

Così, al racconto d'attore in piena tendenza “civile” di Armamaxa (Croce e Fisarmonica, sulla biografia di Don Tonino Bello), ha fatto eco l'utopica volontà di liberarsi da sovrastrutture di ResExtensa. In Quintessenze, la pienezza comunicativa sembrava andare in una direzione opposta: nella pervasiva colonna sonora che conferiva un inevitabile colore ai fraseggi; in una certa enfasi gestuale e mimica, un incedere solitario dei corpi di cinque danzatori in cui risultava difficile non pensare alle solitudini “sociali” dell'oggi, non immaginare una comunicazione interpersonale spezzata osservando sequenze di coppia che divenivano prese, avviluppi, cadute. A Taranto abbiamo visto uno studio mostrato in pubblico per la prima volta e che chiedeva l'interlocuzione critica dei presenti, come ha affermato la coreografa Elisa Barruchieri a fine pezzo.
Startup ha avuto anche il merito di mostrare uno spaccato di un progetto come Teatri del Tempo Presente, percorso del Mibac in cui alcune regioni si sono associate per selezionare compagnie e spettacoli da far circuitare in Italia. Osservandoli, si può forse misurare il polso sia della ricerca sia di chi la sostiene e la organizza. Seguiremo da più vicino l'intero progetto, basti per adesso notare come il dotarsi di parametri eccessivamente generici lasci spazio a diversità di percorso forse troppo evidenti (cercando spettacoli prodotti da formazioni under 35, inediti o che abbiano avuta scarsa visibilità, si trovano gruppi davvero all'inizio così come formazioni con oltre dieci anni di produzioni alle spalle). In questo contesto, L'uomo perfetto della Cassiani è una passerella di gesti pose tic di un ragazzo tipo e del suo omologo femminile, passerella che dovrebbe dirci dell'odierna commedia umana, dell'incomunicabilità massmediaticamente elevata a “stile”. Ma nel fotografare con una certa precisione tutte queste cose lo spettacolo finisce per rappresentare più che altro una maniera della scena: assenza di conflitti e di azione virata in contemplazione, accontentandosi (pare) della descrizione.

Startup è stato anche luogo in cui incontrare la vertigine, quando l'arte s'innalza verso ciò che travalica il quotidiano. Così fa Mimmo Borrelli, autore che negli anni ha coltivato una scrittura di origine arcaica e in risonanza con l'attualità. L'impasto linguistico flegreo, mai del tutto comprensibile, sposta l'andamento del racconto verso una ritualità non quotidiana (nemmeno nella sua versione regionale), mentre le sue fabule riecheggiano miti, simbologie pagane, credenze popolari.


Mimmo Borrelli, Malacrescita

Malacrescita è la vicenda di una ragazza cresciuta prematuramente per colpa del malaffare maschile, è il racconto del suo farsi donna e amante, della sua maternità ricercata e rifiutata. Solo in scena, in una cerchia di bottiglie che diventano un altare costellato di fiori di plastica, di casse d'acqua vuote e tinozze di latta, Borrelli sembra essere condannato, da attore, a raccontare la storia del suo personaggio, declinando la voce in richiami di piazza, in tragedie sussurrate in falsetto, grattandola in un roco urlato di figure maschili che tutto schiacciano. Su un lato del palco un musicista punteggia il suo dire con xilofoni e altri strumenti dalle timbriche tenui, in una disposizione musicale che richiama certi teatri orientali. Un vestitaccio liso sule ginocchia ci ricorda quel femminile sempre tenuto di fronte a sé, sia dal personaggio che dall'attore, e che ci trascina con violenza in una immedesimazione potentissima per tanta alterità ma che non si produce mai fino in fondo, lasciandoci vigilmente frastornati. Anche per questo, Malacrescita restituisce un senso di combattimento molto raro, sospeso come è fra la presenza sulla scena di Borrelli (attore-autore come ce ne sono pochi oggi in Italia e sicuramente avvicinabile a un'altissima tradizione di solisti)  e il destino tragico del personaggio, una madre che rifiuta i suoi figli, donna con un padre criminale ora moglie di un camorrista. Il coltello gira in una piaga di strofe in cui le gatte divorano i figli, in lamentazioni di guerre in cui non ha senso salvarsi da soli (quel Neiwiller evocato anche nella presentazione del festival?). Fino alle «secche d'amore» dei versi finali, che ci consegnano un mondo senza più nessuna speranza.


di Lorenzo Donati


COMPAGNIE


IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale