Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


#StartupTeatro #Taranto #1

La prima cosa che si nota, dopo le le ciminiere dell'Ilva, entrando nei dedali di viuzze del centro storico, osservando i palazzi fatiscienti di una "Taranto vecchia" che volendo restaurarla diverrebbe un gioiello, la prima cosa che si nota dopo queste e altre cose è il mare. Mare tutt'attorno però "impraticabile", circondato com'è dal porto industriale e dalle acciaierie.
Startup Teatro è un coraggioso progetto che nasce e si sviluppa a Taranto, nella Puglia cha ha saputo far tesoro come pochi in Italia dei fondi europei di sviluppo regionale. Nasce grazie alla volontà del Crest, storica realtà teatrale della città, con la direzione artistica di Gaetano Colella e la collaborazione della rete di residenze "Una net". Il sottotitolo recita "Generazioni tra le macerie": spettacoli che spaziano con disinvoltura fra teatro, danza e performance, ma anche incontri per fare il punto sul mercato teatrale e sulle residenze. Sarebbe bello poterle riconoscere, le macerie. Vorrebbe dire che il crollo è avvenuto, significherebbe che non resta che provare a ricostruire. Invece di macerie se ne vedono, paradossalmente, "troppo poche", convinti come siamo di navigare fra difficoltà che supereremo, chi stringendo ancora di più una cinghia sull'orlo di spezzarsi, chi sgomitando per preservare i propri privilegiati contratti foraggiati da soldi pubblici.



"In questo luogo desideriamo raccontare un teatro in grado di dialogare col pubblico", diceva venerdì sera Colella aprendo il festival. E in quel "desiderio" potrebbe stare la chiave con cui guardare ai luoghi e alle loro evoluzioni. Siamo nel quartiere Tamburi, a ridosso dell'Ilva, quartiere esposto alle polveri del piu' grande centro siderurgico d'Europa, nella città più inquinata d'Italia. Cosa cerca un teatro che nasce qui? Cosa chiede ai cittadini, e cosa si chiede? Per prima cosa, e ci sembra già molto, non è un teatro che festeggia: non ci sono aperitivi in foyer luccicanti, non ci sono dj set. Sembra invece esserci appunto il desiderio, la fame di vedere, forse di capire. Allora vale la pena, per una volta, provare a raccontare le opere con la lente del luogo che le ospita, in cerca di risonanze in grado di parlarci dell'oggi. Appunti di un diario in vista di discorsi più complessivi.

La danza di Virgilio Sieni sembra il giusto prologo per un festival siffatto, con i corpi delle sue quattro signore a intrecciarsi per ricostruire un'umanità smarrita, con quattro sedie e fazzolettini bianchi immacolati che transitano di mano in mano, una gestualità che evoca simbologie di cure, di unioni ricercate nel cuore della città vecchia (Visitazione Taranto, presentato all'ex Caserma Rossarol).
Ci si sposta al TaTÀ, auditorium al rione Tamburi in gestione al Crest dal 2009 grazie al progetto regionale Teatri Abitati. Rock Rose Wow di Daniele Ninarello è una partitura per tre corpi su un fondo elettronico ritmico, tre figure a dispiegare idioletti gestuali che non paiono tra loro comunicare. Nel trovare una sincronia coreografica lo spazio si concede un maggior disegno, sembra in grado di "respirare", ma poi torna a chiudersi in progetti corporei individuali che si spingono verso il tic, la trance della ripetizione. L'inquietudine sottotraccia ribolle e pare possa lasciare qualcosa, se sapra' andar oltre le sensazioni, le folgorazioni immediate.
Mario Perrotta entra quando il pubblico è già assiepato nella seconda sala del TaTÀ,  chiedendo un bacio, Un bès, ai presenti. La voce si trascina in un impastato dialetto emiliano, la postura si disarticola per seguire le accensioni del protagonista, il suo destino di genio del disegno e di scemo del villaggio. Fogli verticali si riempiono di filiformi sagome disegnate dal vivo: una figura femminile, i contorni di un paesaggio. Così Mario Perrotta diviene il pittore Antonio Ligabue: senza interpretarlo, ma facendo in modo che il teatro sappia farsi carico di una storia. Perrotta riesce a manifestare di fronte a chi guarda un personaggio, come se Ligabue fosse lì di persona, come se il pittore si potesse presentare al pubblico. Una sospensione dell'incredulità che appartiene ormai a un teatro "classico", e per questo oggi così difficile da fare accadere. 
Tornando nella sala grande, pathosformel mostra un progetto i cui presupposti teorici sembrano destinati a lambire sempre il fallimento degli esiti. Studiando il principio della competizione nella natura (anche dopo averne misurato gli effetti in installazioni e laboratori questa estate a Santarcangelo), accade che sul palco di T.e.r.r.y. restino una teoria di neon che alternatamente mutano intensità e alcuni macchinari su ruote la cui altezza occupa l'intero boccascena. Le macchine, come grandi vasi, ospitano al loro interno materie vegetali di varia natura e si muovono apparentemente senza l'intervento umano, incrociandosi nello spazio e lasciando chi guarda nel completo spaesamento. Esito da non trascurare di un percorso a cui gioverebbero probabilmente eventi di accompagnamento (incontri? tracce del processo di lavoro?).

[continua]


di Lorenzo Donati


COMPAGNIE


IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale