Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


I meccanismi vitali del caso: < age > di Collettivo Cinetico

«Se c’è ancora una qualche energia nella danza moderna, si trova come prima nelle personalità e nei corpi isolati». Francesca Pennini forse preferirebbe usare il termine “esemplari” per concludere questa frase di John Cage, ma il significato non muterebbe. Le loro visioni – quella del musicista che più ha cambiato il concetto di arte contemporanea e quella della regista, coreografa e fondatrice di Collettivo Cinetico – partono dallo stesso presupposto, quello della casualità, per giungere a esiti artistici accomunati dalla ricerca di prodotti legati alla quotidianità e dalla struttura attentamente costruita ma allo stesso tempo di una semplicità spiazzante. Non a caso < age >, ultimo lavoro di Collettivo Cinetico, si è guadagnato la vittoria del bando “Progetto speciale Performance 2012: ripensando Cage”.
< age > porta sul palco nove adolescenti che condividono col pubblico le loro individualità e il loro catalogo di abitudini e caratteristiche, miscelate a un preciso repertorio di gesti performativi e a una selezione completamente casuale di azioni. La preparazione di questi giovani è frutto di un lungo lavoro di Collettivo Cinetico, che ha organizzato audizioni, laboratori e selezioni per individuare i nove performer tra i 16 e i 19 anni, successivamente formati con un percorso didattico di due mesi in cui sono partiti dalla condizione di «spettatore» per giungere a diventare «adolescente kamikaze».
L’inizio di < age >, messo in scena al teatro Rasi di Ravenna lo scorso 16 marzo nell’ambito di Today Todance (percorso organizzato da Cantieri Danza Ravenna e Aterdanza), vede Angelo Pedroni, performer di Collettivo Cinetico, seduto sul palco insieme a un computer portatile. È lui a comandare lo schermo, che sarà il vero regista dello spettacolo. La scena è completamente sgombra, ma i primi clic del ragazzo servono a cambiare le scritte proiettate sul fondale per comporre un elenco di elementi. È così che l’allestimento viene costruito gradualmente: un tavolo, le quinte, nove adolescenti, tre panche, luci di scena. Sono gli stessi adolescenti a procurarsi gli oggetti necessari e a disporli sul palco dopo averli mostrati per qualche secondo al pubblico, scoperchiando il meccanismo teatrale tramite la sua frammentazione e composizione in tempo reale, davanti agli occhi degli spettatori.


Foto di Dario Bonazza

Instaurato l’artificio scenico seguendo questa particolare modalità, sullo schermo inizia a scorrere una serie di informazioni suddivise in tre capitoli. Il pubblico è avvertito sin da subito che gli «esemplari» (così sono chiamati i nove adolescenti) non sanno quale scritta verrà proiettata, poiché la selezione è del tutto casuale.
Il primo capitolo è composto da pure descrizioni: esemplari più alti di un metro e ottanta, esemplari cinici, esemplari che hanno baciato un ragazzo, esemplari allenati. Gli adolescenti che si riconoscono nella descrizione si alzano in piedi e stanno fermi per qualche secondo davanti al pubblico, finché Pedroni non decide di suonare il gong per mandarli a sedere. Il secondo capitolo unisce analoghe descrizioni con azioni performative: gli esemplari vanitosi sono chiamati al comportamento rotante, gli esemplari aggressivi al comportamento di salto e così via. Il terzo capitolo, infine, vede intervenire tutti e nove gli adolescenti per delle azioni coreografiche quali il comportamento di intimidazione (con i giovani performer che si mettono in fila indiana e spalancano le braccia in movimento circolare, a ricordare la difesa di un riccio), la competizione (una sfida a colpi di braccia, che vede sopravvivere chi riesce a non farsi toccare dagli altri) o il comportamento di mimesi (quando i performer si siedono in platea nelle poltrone libere). Anche in questi due capitoli, come nel primo, le azioni continuano a essere eseguite fino a quando il ragazzo al computer suona il gong e genera il comando successivo.


Foto di Dario Bonazza

L’effervescenza e la semplicità di questa struttura non lasciano indifferente lo spettatore. Se il primo capitolo risulta più lungo e noioso, seppure sia costituito da un minore numero di comandi rispetto ai due successivi, il secondo e il terzo scatenano performance sempre più complesse, riuscendo a elevare l’attenzione del pubblico secondo un andamento crescente. Questo lento inizio sembra ricercato da Francesca Pennini: la struttura di < age > consiste in una graduale ascesa dal particolare (il solo aggettivo, cioè la nuda individualità nel primo capitolo) al cumulativo (l’aggettivo combinato con l’azione, nel secondo capitolo) fino ad arrivare al collettivo (i nove esemplari che diventano un corpo artistico unico, eliminando le loro singole caratteristiche).
Ma l’energia di < age > non è tutta qui, poiché è provocata da un’ampia varietà di elementi che rimangono appena percepiti ma che vanno a fondersi per comporre l’attrattiva dello spettacolo. C’è l’individualità come causa scatenante delle azioni – e qui sta il legame più forte con John Cage e con la sua ricerca di arte all’interno del quotidiano. C’è l’adolescenza in scena con le sue azioni performative fresche e ormonali. Ci sono le facce perennemente serie dei performer a combattere contro le frequenti risate del pubblico per le loro azioni (comiche, anomale, accentuate) e per le descrizioni che pescano elementi insoliti (come esemplari che fanno la cacca in piedi). Ci sono il caso e la sorpresa che tengono in attenzione costante i performer, in attesa di conoscere il gesto successivo da eseguire, e il pubblico sempre più curioso grazie alle caratteristiche accidentali selezionate dallo schermo e associate a soggetti reali. C’è l’intreccio di questo caso e di questa sorpresa con il preciso repertorio di gesti costruiti, preparati e performati dagli adolescenti, che affrontano l’ordine inaspettato delle azioni senza improvvisare, ma con doti artistiche ben allenate e molto forti, mai incerte.


Foto di Dario Bonazza

È proprio quest’ultima miscela a far emergere il contrasto più profondo di < age >: gli adolescenti non sanno cosa li aspetterà nello spettacolo, così come non sanno cosa li aspetta nella vita. L’età sotto i vent’anni è quella dell’incertezza maggiore, dei cambi di umore, dei caratteri che mutano e delle coscienze che crescono e confondono. Gli aggettivi attribuiti agli «esemplari» per selezionarli sono sullo schermo a dimostrarlo: ci sono i traditori e i pessimisti, gli allenati e i pigri, quelli che vogliono cambiare i propri piedi e quelli che si masturbano. Una piccola selezione delle incognite, dei segreti e delle maree adolescenziali. Ma allo stesso tempo, questi giovani sulla scena sono estremamente sicuri. Non tremano, nascondono l’emozione, sanno come affrontare la sfida. Reagiscono all’inatteso estraendo una delle loro pronte e perfette azioni. Sembra che < age > voglia dirci anche questo: l’incertezza può essere affrontata dotandosi degli strumenti della conoscenza e dell’allenamento, così come il caso, quando è incastrato in un meccanismo perfetto quale quello costruito da Collettivo Cinetico, genera uno spettacolo solido e sicuro.


Foto di Dario Bonazza

 


di Alex Giuzio


COMPAGNIE


IMMAGINI
 
   

LINKS

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale